Luigi Maio_Foto 4

“Inferno da camera. Dante in 3D”, fantasia lisztiana per trio e terzine dantesche con Luigi Maio “musicattore”. Al Goldoni di Livorno

Da non perdere, Livorno

Una serata unica nel suo genere, adatta a tutti e per tutte le età, coinvolgente e di grande forza narrativa e musicale: è l’originale e godibilissima fantasia teatral cameristica “Inferno da camera – Dante in 3D” di Luigi Maio attesa martedì 6 febbraio alle ore 21 quale nuovo appuntamento della stagione musicale “Al chiaro di luna” della Fondazione Goldoni realizzata in collaborazione con Menicagli Pianoforti ed il progetto artistico di Carlo Palese.

Luigi Maio_Foto 1
Luigi Maio (anche nella foto sopra il titolo)

Una Fantasia lisztiana per trio e terzine dantesche che vedrà l’artista genovese impegnato nelle personali vesti di Musicattore (ovvero attore, musicista, autore e regista, secondo questa definizione da lui stesso coniata e registrata), dialogare con un agguerrito Trio d’eccellenza: Enrico Grillotti al pianoforte, Francesco Bagnasco al violino e Luigi Tedone al fagotto. Ad essi Maio affiderà una partitura raffinata dove, alla recitazione di alcuni suggestivi passi dell’Inferno dantesco, alternerà brani da lui composti in stile lisztiano/paganiniano e citazioni originali delle opere più emblematiche di Franz Liszt, di cui ha curato la riscrittura per trio: alla “bufera infernal che mai non resta”, del Canto V con gli amanti Paolo e Francesca, farà eco il turbinio cromatico della “Dante Symphonie”. Alle malizie di Malebranche e Barattieri risponderanno gli sberleffi dell’Allegro scherzando del Concerto N° 1 o della Mephisto Polka. Ai sospiri di Ulisse si uniranno i singhiozzi dell’incipit del Concerto N° 2. Al ghigno di Vanni Fucci, l’ironico fugato del terzo movimento della “Faust Symphonie”. Le grida rabbiose del “mal seme d’Adamo” cozzeranno contro la solennità della Totentanz. Sarà concessa anche qualche ironica ‘intrusione’: una Barcarola in minore à la Offenbach accompagnerà la remata di Caronte, mentre quel ‘folletto’ di Gianni Schicchi, avvezzo ad azzannare rabbioso i compagni di pena, addolcirà un po’ il suo mordente nelle pagine dell’omonima opera di Puccini, di cui il genovese Musicattore ne canterà l’aria unendo la sua voce baritonale alla personale riduzione strumentale del brano pucciniano…
L’intento, infine, è quello di offrire nuovamente al pubblico più trasversale un gioco ludico e didattico, una mappa teatral cameristica dei Gironi danteschi in cui Liszt fa quasi le veci di Virgilio e dove la poesia dell’Alighieri si sposa alle note di un artista romantico in perpetua oscillazione tra Dante, Goethe e Paganini.

Per “Inferno da Camera” Luigi Maio è stato ospite all’Ambasciata Italiana a Londra in rappresentanza dell’Arte e della Cultura del nostro Paese, ha ricevuto il premio dell’Istituto Internazionale di Studi Italiani di Villa Durazzo, nonché la definizione di «primo Dante in “3D”» del noto mediolatinista Francesco Mosetti Casaretto, per la capacità del Musicattore Maio di «restituire tridimensionalità a ogni personaggio dantesco, grazie al trasformismo della sua voce e della sua mimica».
La Commedia di Dante recitata come una partitura drammatica, da scoprire e apprezzare direttamente in teatro: per questo non si terrà la consueta “Guida all’ascolto” che precede normalmente i concerti in programma.

Il concerto sarà preceduto dalle ore 20 da una degustazione di prodotti tipici toscani grazie alla partecipazione de “La Strada del Vino e dell’Olio Costa degli Etruschi” e “Toscana in tavola”: mentre quest’ultima offrirà una varietà dei suoi crostini tipici, la rinomata “Caccia al piano 1868 Bolgheri”, farà assaggiare prodotti provenienti dalle loro tenute.

Biglietti ancora disponibili presso il botteghino del Goldoni (tel. 0586 204209) aperto il martedì e giovedì con orario 10-13 ed il mercoledì, venerdì e sabato ore 17-20, oltre che sul sito www.goldoniteatro.it.
Prezzi: Platea Intero € 15, Giovani under 25 € 5, Formula Famiglia: 1€ per ogni figlio ogni 2 adulti paganti.

Lascia un commento