sonnino

Utopia del Buongusto al Castello Sonnino di Quercianella: tre serate a piccolo sul mare con “L’uomo Tigre, capire tutto in una notte”. Da martedì 6 a giovedì 8 agosto

Livorno, Teatro e Danza

Con in scena le confessioni di due eroi del liscio, ecco una pagina di teatro comico all’interno del festival teatral – gastronomico “Utopia del Buongusto”. Martedì 6, mercoledì 7, giovedì 8 agosto 2019 alle 21,30 al Castello Sonnino a Quercianella (Livorno), Guascone Teatro presenta L’uomo Tigre, capire tutto in una notte. Di e con Andrea Kaemmerle.

l’ uomo tigre Kaemmerle 1

 Alle 20,00, in luogo, cena speciale dello Chef ad euro 20.  Informazioni e prenotazioni al 3280625881-3203667354. Programma completo su www.guasconeteatro.it. Da non perdere: una serata nel meraviglioso castello a picco sul mare e la cena nel bellissimo e incantevole giardino alberato.

La rappresentazione è consigliata a figli, padri, zii, mamme, nonni, nipoti e cugini. Un altro piccolo passo nella comicità poetica nella tradizione di Guascone Teatro. Fare teatro è arte molto antica ed ha i suoi Dei, i suoi Demoni, le sue regole mai svelate.

In questa produzione si assiste alla rivolta di due “personaggi” che con le 100 repliche dello spettacolo Lisciami avevano fatto ridere e sognare pubblico e critica. Adesso “Il babbo” ed “Oreste” pretendono uno spazio tutto loro, hanno deciso di ribellarsi al silenzio nel quale stavano finendo ed ecco che in una notte insonne due umanità opposte si confessano in  modo comico e “squassevole”.

Ecco che due eroi del liscio, due pensionati della sagra, due giramondo, due baccagliatori a prescindere dalla preda, arrivano alla vecchiezza con decisioni opposte. Kaemmerle che li ha interpretati entrambi per sette anni ha sentito il dovere di lasciarli vivere e di ascoltarli. Il risultato spre una nuova via di scrittura drammaturgica. In una notte si può sentire sulla pelle le folli conclusioni di chi ha vissuto senza mai tirarsi indietro da vizi, facili  seduzioni e giudizi avventati. Un gioco allegro e sarcastico sulla provincia italiana e sull’essere padri con in cuore l’incertezza di un secolo imbarazzante e in pancia il sentimento di essere imbattibili come l’uomo Tigre.

Lascia un commento