Storie di giovani per “Accènti on air” della Compagnia Straligut di Siena e Fts. E poi “Un coro di storie”, percorso formativo con la musica

Teatro e Danza

Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani, ha raccolto, nei suoi sei anni di attività, numerose storie di giovani beneficiari delle opportunità offerte nelle 7 marcroaree di azione del progetto (Tirocini, Casa, Servizio Civile, Fare Impresa, Lavoro, Studio e Formazione e Giovanisì+, dedicata a temi come partecipazione, cultura , legalità, sociale e sport).
 Sono, infatti, oltre duecentotrentamila i giovani che dal 2011 ad oggi hanno beneficiato di almeno una delle opportunità promosse da Giovanisì. Una selezione delle storie raccolte costituisce l’ossatura di Accènti on air, il format teatrale ideato dalla compagnia Straligut di Siena e promosso in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo. Lo spettacolo è ambientato in una web radio dove la speaker presenta e lancia a un pubblico ideale di ascoltatori le storie dei ragazzi di Giovanisì. L’obiettivo è presentare il progetto e suggerire ai giovani spettatori nelle sale teatrali spunti e suggestioni per guardare al futuro in modo diverso. Protagonisti dello spettacolo sono Anna Amato e Maurizio Patella.

Lo spettacolo teatrale andrà in scena, nella sua versione integrale, domenica 26 marzo 2017 (ore 21) al Teatro dei Rassicurati di Montecarlo di Lucca; sabato 8 aprile (ore 10) al Teatro Quartieri di Bagnone; sabato 29 aprile (ore 21.30) al Teatro Moderno di Agliana.
 Un riadattamento di Accènti on air in versione reading, invece, sarà ospitato all’interno di alcuni eventi informativi del progetto regionale. Il primo reading è in programma per venerdì 21 aprile 2017 (ore 16) presso l’Aula Magna di SantaChiara Lab di Siena. 
Inoltre, venerdì 5 maggio (dalle ore 15) presso il Centro Pecci di Prato, il reading sarà presentato in occasione dell’evento Giovanisì, all’interno del Festival Mediterraneo Downtown.

Info: toscanaspettacolo.it —  giovanisi.it — accenti.giovanisi.it

FTS ONLUS, SCUOLA DI MUSICA DI FIESOLE E OXFAM ITALIA: “UN CORO DI STORIE”

Fondazione Toscana Spettacolo onlus, in collaborazione con Scuola di Musica di Fiesole e Oxfam Italia Intercultura, con “Un coro di storie”, è tra i 36 vincitori della seconda edizione di MigrArti 2017. Il progetto è stato selezionato tra le 159 candidature che hanno partecipato al bando promosso dal Mibact. Un successo che premia la vocazione sociale del lavoro di FTS onlus, circuito regionale multidisciplinare che diffonde e promuove la cultura dello spettacolo dal vivo in Toscana, e che sugella la collaborazione con la Scuola di Musica di Fiesole nel comune obiettivo di valorizzare le diverse comunità nei territori della Toscana attraverso la musica.

“Un coro di storie” propone un percorso formativo imperniato sul metodo musicale come veicolo aggregativo e di reciprocità di conoscenza. “La musica è il primo linguaggio che si impara e l’ultimo che si dimentica”, sottolinea Beatrice Magnolfi, presidente di Fondazione Toscana Spettacolo onlus. “Il coro stesso è simbolo di ricerca e necessità di armonia rappresentando il veicolo ideale per lo scambio e il confronto”, aggiunge Patrizia Coletta, direttore di FTS onlus. FTS onlus da oltre due anni lavora in rete per la diffusione della musica nei propri teatri, una grande platea che ha accolto con entusiasmo le proposte dei concerti dal vivo nei propri cartelloni. Con questo progetto, si allarga l’offerta di iniziative per la formazione del pubblico: ai laboratori di prosa e danza si affiancano occasioni di approfondimento anche per la musica, in particolare per le comunità di stranieri che vivono in Toscana”. Infatti, il progetto interesserà soprattutto gli stranieri residenti nella regione che attraverso la musica potranno comunicare, conoscersi e mantenere vivo il repertorio tradizionale.

“Un coro di storie è un progetto particolarmente caro alla Scuola di Musica di Fiesole – dichiara Lorenzo Cinatti, sovrintendente della Scuola di Musica di Fiesole – che da sempre persegue l’obiettivo di portare la musica a tutti, senza distinzione alcuna. Valore aggiunto di questa iniziativa è la compresenza di musica e teatro, grazie alla sinergia tra la Fondazione Scuola di Musica di Fiesole e la Fondazione Toscana Spettacolo onlus, capofila del progetto, entrambe sostenute dalla Regione Toscana. Il progetto, che vede la collaborazione di Oxfam Italia Intercultura, interesserà gran parte del territorio regionale, coinvolgendo cinque istituti scolastici delle provincie di Firenze, Prato, Pisa, Siena e Grosseto”.

Destinatari studenti e insegnanti; metodo: attività corale per sviluppare la capacità di cogliere e restituire un brano musicale; attività collettive di ascolto, canti e improvvisazioni vocali, drammatizzazione e sonorizzazione dei testi. Il Maestro Alain Meunier, direttore artistico della Scuola di Musica di Fiesole, curerà sia il percorso formativo sia le fasi finali di realizzazione del progetto. Nella rete di collaborazioni, Giovanni Guerrieri, regista e attore della compagnia teatrale I Sacchi di Sabbia, farà “dialogare” i testi dei materiali raccolti dai ragazzi con le partiture musicali.

Lascia un commento