“Puccini al Giglio. Le opere di Puccini al teatro di Lucca”: il 29 novembre la presentazione del volume di Emiliano Sarti

Libri & Fumetti, Lucca

Proseguono a ritmo serrato gli appuntamenti del festival Lucca Puccini Days – organizzato e promosso da Comune di Lucca, Fondazione Giacomo Puccini e Teatro del Giglio grazie al sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca – che, ai molti nomi di punta del mondo musicale nazionale e internazionale, affianca un fitto calendario di eventi collaterali programmati ad hoc nel nome di Giacomo Puccini.
Giovedì 29 novembre 2018 alle ore 17 (ridotto del Teatro del Giglio – ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti), sarà presentato al pubblico, alla presenza dell’autore Emiliano Sarti, il libro “Puccini al Giglio. Le opere di Puccini al teatro di Lucca”. Il volume, edito da Dreambook di Pisa, ripercorre la storia delle rappresentazioni pucciniane al Teatro del Giglio nell’arco di oltre cento anni, dal 1891 fino ai giorni nostri, riportando i nomi di tutti i cantanti che interpretarono le opere, dei direttori d’orchestra, dei registi e le vicende che accompagnarono le diverse esecuzioni, facendo largo uso delle cronache dei giornali locali, le più significative delle quali vengono interamente citate. È un lavoro mai tentato in precedenza, almeno in forma completa, mediante il quale è possibile anche rivivere momenti culturalmente rilevanti della storia del teatro cittadino.

La prima opera di Puccini che si tenne al Giglio fu Edgar nel 1891. Da allora, quasi ogni anno, il teatro lucchese ha proposto una o più opere del Maestro. Si tratta di un percorso affascinante che mette in luce i rapporti fra Puccini e la sua città e che dimostra come ogni rappresentazione di ciascuna delle sue opere sia sempre stata un evento vissuto con attenzione e partecipazione, senza che la popolarità del Maestro conoscesse mai momenti di eclissi.

«Questo lavoro – afferma Emiliano Sarti – mi ha aiutato a comprendere molti aspetti sia della vita del compositore che dell’ambiente lucchese e mi ha confermato nella consapevolezza che tanti luoghi comuni sui rapporti tra Puccini e la sua città natale devono essere sfatati. Spero che queste pagine contribuiscano a fare chiarezza e a dimostrare come Puccini sia un musicista molto amato e quale grande successo da sempre le sue opere abbiano conosciuto nel teatro cittadino.»

Cresciuto nel piccolo borgo di Gualdo sulle colline della Versilia, Emiliano Sarti vive da molti anni a Lucca, dove ha insegnato Latino e Greco al Liceo Classico “Machiavelli”. Ha pubblicato: Amore e morte nella lirica greca; Carpe diem. Pagine di poesia latina; Antologia tematica di lirici greci; L’eroe e il suo destino (Aiace – Edipo re – Filottete); un commento all’Edipo a Colono e all’Elettra di Sofocle e altri saggi di letteratura greca e storia romana. La sua passione per la musica lo ha spinto, nel corso degli anni, ad approfondire la personalità e l’opera di Alfredo Catalani e di Giacomo Puccini pubblicando L’eco della pia campana – Vita e opere di Alfredo Catalani; Il mio mistero è chiuso in me – Vita e opere di Giacomo Puccini.

Frutto della collaborazione tra Comune di Lucca, Fondazione Giacomo Puccini e Teatro del Giglio, il festival Lucca Puccini Days è realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca; giunto alla sua quinta edizione, vanta la prestigiosa media partnership di Classica HD e i patrocini di MIBAC – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Regione Toscana e AGIS Toscana.

Lascia un commento