Livorno, curiosità e rarità del Premio Ciampi 2013. Sabato 16 dicembre due appuntamenti (alle 16 e alle 20) al Teatro Goldoni

Manca meno di una settimana all’edizione 2023 del Premio Ciampi Città di Livorno, che si terrà sabato 16 dicembre 2023 al Teatro Goldoni ed è organizzato da Associazione Premio Ciampi e Arci Livorno con il contributo e patrocinio del Comune di Livorno, Fondazione Livorno, Regione Toscana e Fondazione Teatro di Livorno. I biglietti per la serata sono in via di esaurimento, i pochi rimasti sono acquistabili in prevendita presso la biglietteria del Teatro Goldoni e online sul circuito Ticketone (www.goldoniteatro.itwww.boxofficetoscana.itwww.ticketone.it). Sono tanti i temi e le iniziative che caratterizzano quest’anno una manifestazione che torna finalmente nella sua veste completa dopo la pandemia e sa molto di Livorno. A partire dalla dedica speciale a Franco Carratori, ideatore della manifestazione venuto a mancare lo scorso 15 novembre, ma sempre così presente anche nel messaggio lanciato quest’anno, “Lunga vita agli outsider!”, dal Premio intitolato al ricordo del poeta e cantautore livornese Piero Ciampi, scomparso nel 1980. Livornese come due dei protagonisti che saliranno sul palco del Goldoni il 16 dicembre.

Eugenio Sournia

Il primo è Eugenio Sournia, ovvero colui che, per la prima volta nella storia del Premio nato nel 1995 ha vinto sia il Concorso nazionale che il Premio cover, con la sua interpretazione del brano di Ciampi “L’ultima volta che la vidi”, datato 1961. Cantautore classe 1991, Sournia è un autore di grande talento che dopo l’esperienza come frontman della band Siberia, è al debutto nella sua carriera da solista, avendo appena pubblicato il suo primo Ep omonimo contenente sei tracce e uscito per Carosello Records. «Aver vinto il Premio Ciampi in entrambe le categorie è una gioia immensa per me – afferma lo stesso Sournia -. Rappresenta una sorta di coronamento dopo l’uscita del mio primo disco, a cui ho lavorato per anni. Inoltre, si tratta di un Premio di portata nazionale, ma con una forte connotazione labronica e io crescendo mi sento sempre più legato a questa città, pur avendo origini diverse. E poi Piero Campi è diventato per me un nume tutelare, lo ritengo l’unico tra i grandi cantautori in grado di coniugare l’assenza totale di filtri con la poesia». Sabato 16 dicembre Eugenio Sournia suonerà per la prima volta al Goldoni: «È una grande soddisfazione – ammette -, indosserò un completo regalatomi dalla mia fidanzata e spero che andrà tutto per il meglio. Con me sul palco ci saranno Matteo D’Angelo alla chitarra, Luca Mele alla batteria e Andrea Libero Cito al violino». Quanto alla scelta della cover, risultata tra le vincitrici per scelta della giuria presieduta da Antonio Vivaldi, Sournia sostiene che il brano “L’ultima volta che la vidi” sia «un pezzo molto classico ma con una grande apertura, con tutti gli elementi centrali della poetica di Ciampi, dalla malinconia al senso di inadeguatezza».

Giorgio Vannucci (ph. Viola Buti)

Sono tre quest’anno i vincitori, in ex aequo, del Premio Cover: oltre a Sournia, gli altri due sono Matteo Troilo con “Cosa resta” e il livornese Giorgio Mannucci con “L’amore è tutto qui”. La scintilla tra Mannucci e Ciampi non è nata molto tempo fa, come spiega lui stesso: «Durante un’edizione del festival Mostri Sacri lo omaggiai qualche anno fa lungo i fossi di Livorno e per dare vita a quella esibizione sono stato un mese di fila ad ascoltarlo, arrivando a capire la profondità di Piero Ciampi e come certe sue liriche mi stavano addosso. Così ho iniziato ad amarlo e, successivamente, mi sono messo al lavoro su un suo brano, “L’amore è tutto qui”, con il quale ho poi deciso di partecipare al concorso». Il brano Il brano si trova già su tutte le piattaforme digitali ed è uscito con la neonata Mangiadischi Label. Che interpretazione ne ha dato Giorgio Mannucci, musicista, cantante e compositore classe 1984 che è sulle scene sin dai primi anni 2000? «Mi è venuto naturale staccarmi dal suo mondo, così raffinato, e portare quella canzone nel mio mondo, più anglofono. Non nego che gli Strokes siano un riferimento fondamentale per me, ma sia loro che Ciampi ci sono sempre nelle mie canzoni. Nella versione della cover che ho proposto, ho mantenuto la malinconia e la poetica ciampiane, diversificando un po’ a livello ritmico e lasciandomi uno spazio di ricerca e sperimentazione che credo sia importante concedersi». Al Teatro Goldoni, Mannucci sarà accompagnato sul palco da Alessio Carnemolla alla batteria, Francesco Carone al piano, Chiara Cavalli al violino e Fabrizio Balest al basso.

Succederà tutto nell’arco di una giornata che sarà animata sin dal pomeriggio e sarà costellata di momenti rari e inediti. Come il ritorno sul palco, dopo moltissimi anni, di Lucia Rango (foto sopra il titolo), cantante torinese con cui Ciampi ebbe una fruttuosa collaborazione artistica. Quello che ne conseguì fu il primo e unico disco della Rango dal titolo “Lucia Rango Show”, con quattordici brani arrangiati da Elvio Monti, undici dei quali scritti da Ciampi. L’unico duetto mai registrato dal cantautore livornese, fu proprio una versione inedita di “Non chiedermi più” realizzato proprio con la cantante. Sul palco del Goldoni, sabato 16 dicembre, sarà proprio questo il brano a essere riproposto in duetto da Lucia Rango e Jennà Romano, seguito da un inedito dei due artisti dal titolo Se resti ancora un po’ che sarà presente nel nuovo album solista del cantautore napoletano. Nel pomeriggio, invece, tra la consegna di riconoscimenti e le presentazioni di albume libri, ci sarà sazio anche per una chiacchierata con Enrico De Angelis, storico autore di “Piero Ciampi Tutta l’opera”, uno dei più autorevoli esperti della canzone d’autore italiana e già responsabile artistico del Premio Tenco, che ci parlerà di un importante ritrovamento legato alla figura di Piero Ciampi.

CCCP – Fedeli alla Linea (ph. Guido Harari)

Sabato 16 dicembre al Teatro Goldoni si comincerà alle 16 nella Sala Mascagni, con ingresso libero, con la premiazione dei vincitori del Premio Ciampi – Valigie rosse dedicato alla poesia, ovvero Pierluigi Lanfranchi per la sezione italiana con la plaquette “Controfigure”, e la canadese Ouanessa Younsi con la raccolta “Attingere agli uccelli” per la sezione internazionale. Nell’ambito del Premio L’altrarte si parlerà invece del libro “Elvis, the FatOld Hero”, eccentrica e suggestiva raccolta di racconti firmati dal compianto musicista inglese Kevin Coyne, che fu un autentico outsider proprio come Piero Ciampi. A ritirare il premio sarà il figlio Robert Coyne, anche lui musicista, che eseguirà alcuni brani del padre. Un altro momento importante che da sempre caratterizza il Premio Ciampi è il convegno nazionale, come sempre imperniato su musica e letteratura, che si terrà sempre nel pomeriggio. Con Femita. Femmine rock dello stivale. Vol. 2, Laura Pescatori prosegue nella sua indagine sulla musica rock italiana al femminile. Paolo Gerbella e Maurizio Logiacco sono, insieme a Guido Festinese, gli ideatori di Schiena dritta. Per Gianmaria Testa, lavoro tra musica, racconto e fotografia. Siamo noi a far ricca la terra di Marco Rovelli è una biografia ‘atipica’ di Claudio Lolli, uno dei maggiori cantautori italiani e vincitore di un Premio Ciampi alla carriera. Infine, 17 fili rossi + 1, presentato da Paolo Pasi, è un progetto discografico che narra le vicende legate alla strage di Piazza Fontana del dicembre 1969.

Marlene Kuntz (ph. Michele Piazza)

Lo stesso Paolo Pasi sarà il presentatore della serata che scatterà alle 20 al Teatro Goldoni, dove tra i protagonisti ci saranno anche il vincitore del Premio Piero Ciampi a fumetti Maicol & Mirco e Antonio Pronostico, che disegneranno in presa diretta ripresi da telecamere. La musica sarà la grande protagonista della serata. Sul palco saliranno, tra gli altri, i tre vincitori del Premio alla Carriera: i CCCP-Fedeli alla Linea, che in occasione delle celebrazioni per i 40 anni dall’uscita del primo EP “Ortodossia” saranno presenti a Livorno per ritirare il riconoscimento e dialogare insieme a John Vignola; i Marlene Kuntz, gruppo fondamentale per il rock del nostro paese che si esibirà in versione duo con i fondatori Cristiano Godano e Riccardo Tesio; i Not Moving, ovvero “l’underground che resiste”, come qualcuno li ha definiti, ancora oggi in grado di emozionare fondendo con la passione di sempre punk, garage e psichedelia. Sono tanti i riconoscimenti decisi quest’anno dalla giuria: tra le menzioni speciali ci sono i nomi di altri partecipanti al Concorso nazionale: Porfirio Rubirosa, Dalia Buccianti, Lorenzo Lepore e Francesco Pecs. Riconoscimento speciale anche a Marzio Del Testa per la sua versione di “Andare camminare lavorare”. Un altro momento importante sarà rappresentato da un set fra canzone e narrazione appositamente approntato per questa edizione del premio e che potremmo intitolare “fra Piero Ciampi e l’attualità”. Ne saranno protagonisti i musicisti napoletani Jennà Romano (Letti Sfatti) e Patrizio Trampetti (Nuova Compagnia di Canto Popolare) e il giornalista Sandro Ruotolo. Insieme a loro ci sarà appunto Lucia Rango. Tutte le esibizioni saranno accompagnate dalla proiezione di immagini relative a Piero Ciampi.

Il Premio Ciampi ringrazia per la preziosa collaborazione: Valigie Rosse, Il Popolo del Blues, Musiche Metropolitane, Blu Cammello, Piero Ciampi Fan Club, AMM Associazione Musica Monteggiori, BrikkeBrakke cooperativa sociale, BigWaverecording studio, Il Canto della balena – Gruppo di tutela culturale.

Lascia un commento