Autunnalmente -Vita e opere di Beppe Fenoglio: incontro a cura di Michele Cecchini alla Biblioteca del Vespucci-Colombo di Livorno. Il 13 dicembre alle ore 15.15

Proseguono gli incontri promossi dalla Biblioteca dell’Istituto Vespucci-Colombo di Livorno. L’ultimo appuntamento del 2023 non riguarda la presentazione di un libro ma si tratta di un incontro dedicato a uno degli autori tra i più importanti del Novecento. Mercoledì 13 dicembre 2023 alle ore 15,15, presso i locali della Biblioteca situati al piano terra della sede di piazza Vigo, Michele Cecchini terrà un incontro dal titolo “AUTUNNALMENTE – Vita e opere di Beppe Fenoglio”. L’ingresso è libero e aperto a tutti.
L’evento, organizzato dalla Biblioteca dell’Istituto in collaborazione con Erasmo Libri, si configura come un piccolo spazio di approfondimento della figura e delle opere dello scrittore albese.

Michele Cecchini proverà a illustrare i contenuti e i temi tipici di Fenoglio – la vita delle Langhe, la Resistenza – e le peculiarità della sua scrittura, caratterizzata da una intensa sperimentazione linguistica. Un’attenzione particolare verrà data alla sua figura appartata di scrittore e letterato appassionato di lingua e letteratura inglese.

Le testimonianze di Fenoglio stesso sulla sua attività di scrittore si prestano a considerazioni e approfondimenti. Così ne illustrava motivazioni e modalità: “Scrivo per un’infinità di motivi. Non certo per divertimento. Ci faccio una fatica nera. La più facile delle mie pagine esce spensierata da una decina di penosi rifacimenti ”.

Beppe Fenoglio (Alba, 1º marzo 1922 – Torino, 18 febbraio 1963) rimase ad Alba tutta la vita, dividendosi tra l’impiego presso una ditta enologica e la scrittura. Quanto alla propria vicenda biografica, così la liquidava in una lettera a Italo Calvino: “Circa i dati biografici, è dettaglio che posso sbrigare in un baleno. Nato trent’anni fa ad Alba – studente (Ginnasio – Liceo, indi Università, ma naturalmente non mi sono laureato) soldato nel Regio e poi partigiano: oggi, purtroppo, uno dei procuratori di una nota ditta enologica. Credo che sia tutto qui”. 

In vita, Fenoglio vide pubblicati solo tre volumi, due per Einaudi e uno per Garzanti. Morì prematuramente, a 41 anni non ancora compiuti. Il successo arrivò postumo, soprattutto grazie ai due capolavori: “Una questione privata” e “Il partigiano Johnny”. Soprattutto quest’ultimo, rimasto incompiuto, è protagonista di una vicenda editoriale tra le più complicate e controverse. 

Il curatore dell’incontro raccomanda di portare con sé i volumi delle opere di Fenoglio (chi lo desiderasse, può anche consultare e prendere in prestito quelli della biblioteca) per fare delle letture condivise e per seguire con maggiore cura i vari passi presi in esame.

Sempre sulle lapidi, a me basterà il mio nome, le due date che sole contano, 

e la qualifica di scrittore e partigiano. 

(da “I ventitré giorni della città di Alba”)

Michele Cecchini, nato a Lucca nel 1972, risiede da molti anni a Livorno, dove insegna materie letterarie presso l’Istituto Vespucci-Colombo.
Per Bollati Boringhieri ha pubblicato i romanzi: “Un morso all’improvviso” (2023), “E questo è niente” (2021), “Il cielo per ultimo” (2019). 

INFO e prenotazioni: Biblioteca Istituto Vespucci-Colombo, piazza Vigo: tel. 0586-893297 – 893228; e-mail: biblioteca@vespucci.edu.it 

Lascia un commento