Livorno, car-sharing in centro città. Sei auto elettriche, cinque postazioni e la possibilità di girare senza problemi. Il servizio (operativo al 22 gennaio) nasce nell’ambito del progetto “mobilità dolce e integrata”. Partecipano Comune, Provincia e Ministero dell’ambiente con la società Playcar di Cagliari

Sarà operativo da oggi, sabato 22 gennaio 2022, a Livorno il nuovo servizio di car-sharing con auto totalmente elettriche fornito dal Comune di Livorno tramite la società Playcar di Cagliari nell’ambito del Progetto Modì (Mobilità Dolce e Integrata nell’Area vasta livornese), cofinanziato dal Ministero dell’Ambiente e con l’Amministrazione Provinciale ente coordinatore.

Un servizio utile, comodo, rispettoso della salute e dell’ambiente, e in grado di apportare benefici non indifferenti al bilancio familiare.

Tramite una “app” da scaricare, con poche e semplici operazioni (registrazione del documento e del metodo di pagamento) è possibile prenotare una vettura, ritirarla e aprirla (senza bisogno di consegna chiavi) in una delle postazioni cittadine riservate, metterla in moto e utilizzarla a proprio piacimento, a costi contenuti, con accesso libero alle zone a traffico controllato e con la possibilità di parcheggiare gratuitamente sugli stalli blu.

L’iniziativa è stata presentata  in piazza Grande, con un’auto del servizio di car-sharing elettrico posizionata a scopo dimostrativo sullo spazio antistante al Duomo. Erano presenti Giovanna Cepparello assessora comunale alla mobilità e all’ambiente, Irene Nicotra dirigente del servizio mobilità e TPL della Provincia di Livorno, Valerio Spada responsabile sviluppo e finanze di Playcar, insieme ai tecnici comunali che hanno collaborato alla realizzazione del progetto. 

Il servizio parte con sei auto elettriche, già collocate nelle postazioni così ubicate: due in via del Porticciolo, intorno al civico 2; una in piazza del Pamiglione, nel tratto di carreggiata lato sud in fondo a via Fiume; una sugli scali D’Azeglio, in prossimità dei civici 32a-32b; una in via Grande in prossimità del civico 63 e una in piazza Dante in prossimità del civico 48. 

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche delle vetture, la propulsione è al 100% elettrica; la velocità raggiungibile è adeguata, ben oltre i limiti consentiti dal Codice della strada. Ripresa e partenza da ferma sono da auto sportiva, attacchi isofix, cambio continuo. La capienza è di 5 persone. L’autonomia è di 330/350 km in urbano con carica al 100%, mentre in extraurbano è di 220/240 km (considerando una velocità media di 110 km/h). 

Il personale della Playcar provvede alla ricarica e alla sanificazione delle vetture prima della consegna. Il cavo di ricarica non è incluso nel noleggio standard, ma deve essere espressamente richiesto in anticipo al servizio clienti, solo per noleggi di lunga durata in modalità “auto riservata” (viene consegnato da un manutentore su appuntamento).

L’utilizzo extraurbano è consentito ma è necessario controllare prima della partenza il livello di carica della batteria e considerare che, all’aumentare della velocità, si riduce l’autonomia. In altre parole, è possibile andare fuori città, ma non troppo lontano se non si ha il cavo di ricarica e dopo aver attentamente controllato l’autonomia residua prima della partenza.

Per quanto riguarda la tariffazione del servizio, essa comprende due voci: è previsto un costo temporale di 2,5 euro per ogni ora di utilizzo, più un costo chilometrico che dipende dalla distanza percorsa. È possibile comunque sottoscrivere varie forme di abbonamento, in base alle proprie esigenze.

Sulla tariffa mostrata al momento del pagamento sarà applicato uno sconto del 15% erogato dal Comune di Livorno nell’ambito del Progetto Modì, fino ad esaurimento dei fondi a disposizione.

Rispetto al piano tariffario incluso al momento dell’iscrizione, si possono ottenere tariffe più economiche sottoscrivendo un abbonamento (tariffe e abbonamenti sono visualizzabili sul sito e sull’app “Playcar Car Sharing”). 

Aziende e altri soggetti con partita Iva possono scaricare come costo la spesa sostenuta per il car-sharing, al pari di qualsiasi altro servizio di trasporto.

Il servizio è di tipo “Round Trip”, cioè si prende e si riconsegna il veicolo nello stesso parcheggio.

La comodità sta nel fatto di poter disporre di un veicolo, anche solo per un’ora, pagando solo per il suo reale utilizzo e senza dovere provvedere a tutti gli oneri e le adempienze legate al possesso di un’automobile. 

Inoltre, poiché questi veicoli hanno una specifica area dedicata alla sosta e alla ricarica, la riconsegna può avvenire velocemente, senza doversi affannare a cercare un posto libero in centro (si immagini un esercente o un cittadino che ha bisogno di fare una commissione ma al ritorno non vuole perdere tempo a cercare un parcheggio).

Inoltre il disciplinare che regola la circolazione nel centro abitato di Livorno prevede notevoli facilitazioni per tutti i veicoli a trazione completamente elettrica, che possono accedere e sostare liberamente nelle ZSC e nelle ZTL gratuitamente, senza limiti orari e senza contrassegno.

Sugli stalli blu, al momento la gratuità è su quelli “promiscui”, ma a regime, cioè dal 1° febbraio, sarà gratuito il parcheggio su tutti gli stalli blu della città.

Il car sharing avrà ovviamente anche un impatto sociale, a vantaggio di chi non può permettersi il “mantenimento” di un’automobile e incoraggiando chi sta già valutando di dismettere una vettura, magari una seconda auto che viene utilizzata sporadicamente per fare la spesa o andare a trovare un parente, anche in un comune limitrofo.

Dal punto di vista dell’ambiente e della mobilità, se il servizio prenderà piede la città sarà meno inquinata, ci saranno meno auto in sosta in prossimità delle abitazioni e quindi un numero maggiore di parcheggi liberi a disposizione.

La Playcar Srl, una ditta molto innovativa, conta di replicare anche a Livorno i buoni risultati ottenuti a Cagliari, dove, partiti con 9 auto nel 2014, adesso opera con una flotta composta da ben 105 vetture elettriche.

“Questo servizio di car-sharing elettrico, ben strutturato, ha tutte le carte in regola per incontrare il favore della cittadinanza – dichiara l’assessora Cepparello. Rientra nella nostra strategia tesa a promuovere la mobilità sostenibile senza far ricorso al mezzo privato. Adesso dobbiamo impegnarci per farlo conoscere sempre di più ai livornesi, affinché il servizio possa crescere e migliorare”.

“Con il progetto Modì – dichiara la dott.ssa Nicotra – la Provincia ha già realizzato con successo diverse attività. Grazie ai finanziamenti del progetto si possono sviluppare  specifiche azioni, come in questo caso, destinando una parte del budget disponibile ad agevolazioni tariffarie sull’utilizzo del servizio di car sharing. L’Amministrazione provinciale, per esempio, ha avviato un’azione rivolta ai propri dipendenti nell’ambito degli spostamenti casa-lavoro, come previsto dal PSCL aziendale (Piano Spostamenti Casa Lavoro)”.

“L’avvio di un altro Car sharing Playcar sul territorio nazionale – sottolinea Valerio Spada – è un passo importante per la nostra azienda. Anche perché si mettono a disposizione degli utenti solo veicoli elettrici. Siamo sicuri che i cittadini livornesi accoglieranno questo nuovo servizio con entusiasmo: siamo il primo car sharing totalmente privato avviato in Italia nato a Cagliari e abbiamo maturato una esperienza decennale, faremo del nostro meglio per continuare a soddisfare i cittadini che usufruiscono dei nuovi servizi di mobilità”.

Lascia un commento