Il suono di un violino del 1932 risuonerà per una sera al Museo di Orsanmichele. Con il Quartetto d’archi dell’Orchestra da Camera fiorentina e la voce del soprano Caterina Bevacqua.

Firenze, Musica

Vissuto a Firenze a cavallo tra ‘800 e ‘900, Serafino Casini è considerato tra i maggiori liutai italiani del periodo. Leggenda narra che per i suoi strumenti impiegasse legni secolari provenienti da una chiesa demolita del XVI secolo. E sarà proprio un suo violino, datato 1932, a risuonare lunedì 26 ottobre 2020 al Museo di Orsanmichele (ore 21) nell’ambito dei concerti della liuteria toscana tra ‘700 e ‘900.
Sul palco il Quartetto d’Archi dell’Orchestra da Camera Fiorentina composto da Beatrice Bianchi (foto a destra) e Alessandro Bernardi (foto a sinistra) ai violini, Camilla Insom alla viola, Marilena Cutruzzulà al violoncello e impreziosito dalla voce del soprano Caterina Bevacqua.

Il programma, intriso di Barocco e Classicismo, spazia tra arie d’opera e da concerto: da “Sposa son disprezzata” di Antonio Vivaldi (da ”Bajazet”) a “Lascia ch’io pianga” di Georg Friedrich Händel (da “Rinaldo”), da “Vado, ma dove?” di Wolfgang Amadeus Mozart – aria notissima che ritroviamo nella rivisitazione mozartiana de “Il burbero di buon cuore” – a “Ah, perfido” di Ludwig van Beethoven, uno dei rari contributi del compositore tedesco alla vocalità.

Inizio concerto ore 21, biglietto 10 euro. Prevendite in corso nei punti www.boxofficetoscana.it/punti-vendita e online e su www.ticketone.it.

Il Festival dei concerti della liuteria toscana tra ‘700 e ‘900 è un progetto dell’Orchestra da Camera Fiorentina sostenuto da Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze. Il festival è realizzato grazie anche al contributo in “art bonus” di Intesa Sanpaolo. In collaborazione con Conservatorio di Musica Luigi Cherubini di Firenze, Centro Studi Luigi Dalla Piccola. Si ringraziano per l’ospitalità Comune di Firenze, Musei del Bargello, Auditorium di Santo Stefano al Ponte. Direzione artistica a cura di Giuseppe Lanzetta.


Programma lunedì 26 ottobre 2020
G. F. Händel        Lascia ch’io pianga da “Rinaldo”
W.A. Mozart        Vado, ma dove? Aria da “Concerto K. 583”
A. Vivaldi              Sposa son disprezzata, da “Bajazet”
L.v. Beethoven     Ah, perfido aria da concerto

Info concerti
Cell. 339 1632869 – www.orchestrafiorentina.itinfo@orcafi.it

Direzione artistica
Giuseppe Lanzetta

Progetto
Orchestra da Camera Fiorentina

In collaborazione con
Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo
Fondazione CR Firenze

Si ringraziano per l’ospitalità
Associazione OMA – Osservatorio dei Mestieri d’Arte
Città Metropolitana Firenze
Comune di Firenze
Regione Toscana

Lascia un commento