Metamelanconia olio su tela 60×80

Al Lu.C.C.A. incontro fra l’artista (Paolo Scheggi) e il curatore della mostra (Maurizio Vanni). A Santa Croce sull’Arno apre “Holding Patterns” di Nari Ward

Arte, Lucca, Pisa

*** LUCCA / REALTÀ, META-REALTÀ E SOGNO, MOSTRA AL LU.C.C.A – Paolo Scheggi

Colori allo stato puro che creano atmosfere irreali nelle quali sono spesso inseriti dei variopinti e imprevedibili personaggi fantastici. Si diverte a stupire l’artista toscano Paolo Scheggi nei dipinti che compongono la sua mostra personale dal titolo “Realtà, meta-realtà e sogno”, a cura di Maurizio Vanni, al Lu.C.C.A. Lounge & Underground di Lucca fino all’11 novembre 2018. La mostra, sostenuta da Sical Circe Restauri, è a ingresso libero. L’incontro con l’artista e il curatore si terrà sabato 20 ottobre 2018 alle 17.

Figura obliqua olio su tela 50×70Le opere di Paolo Scheggi (a lato e sopra il titolo due tele esposte) escono fuori dagli schemi convenzionali catapultandoci in un contesto che va al di là della logica e della razionalità. “Paolo Scheggi – scrive Maurizio Vanni – ha sempre cercato un collegamento consapevole con la sua parte più profonda, senza mai dimenticare il mondo che lo circonda alla ricerca di una tecnica che ha reso funzionale ai propri obiettivi artistici. La pittura è una cosa seria: non è un mezzo per rendere più lieve la propria esistenza o per ‘forzare’ la realtà attraverso ricorsi onirici, ma uno strumento per dare nuova vita alla vita attraverso forme, personaggi, colori, luci, oggetti e superfici che potrebbero non avere corrispondenza diretta con ciò che crediamo di aver visto”.

Artista coraggioso e testimone del proprio tempo, Scheggi (nato a Castiglione d’Orcia nel 1955, vive e lavora a Figline Valdarno) rimane coerente a se stesso mettendosi continuamente in gioco. Le sue visioni partono dal reale quotidiano per proiettarsi al di là verso una percezione altra. “Scheggi – prosegue Vanni – ci invita ad andare oltre il senso della vista proprio nel momento in cui non vuole determinare in un unico senso le sue opere. I volumi dei suoi personaggi, quasi mai troppo caratterizzati, si stagliano sopra qualunque fondo con la loro solitaria dignità, immersi nel silenzio di uno spazio statico seppur circondato da elementi funzionali alla narrazione visiva. Il suo personaggio-archetipo tende a demolire ogni convezione, ma al tempo stesso diventa ‘amico’ di chi lo osserva. Lo spettatore attento è, infatti, invitato a un vero e proprio viaggio, una sorta di esperienza iniziatica: ciò che un attimo prima aveva creato timore improvvisamente appare come un gioco di prestigio nel quale il mistero è solamente simulato”. Il suo gusto per il gioco si integra con quell’ironia esistenziale legata al suo disincanto per la vita. Ironia intesa come prendere le distanze, porre un’alternativa, concepire e definire un limite a sé e alle cose: la tentazione di chiedergli spiegazioni sui suoi dipinti è elevata, ma come ben sappiamo, un mago non svela mai i suoi trucchi.

*** SANTA CROCE SULL’ARNO / ARTE – IMPRESA – TERRITORIO – Nari Ward

Sabato 20 ottobre 2018, nell’ambito del progetto “Arte – impresa – territorio“, inaugura a Villa Pacchiani a Santa Croce sull’Arno “Holding Patterns”, una mostra di Nari Ward a cura di Ilaria Mariotti. L’esposizione nasce da un percorso di relazione tra l’artista, UNIC – Concerie Italiane e Lineapelle S.r.L., nell’ambito di un progetto più ampio, iniziato nel 2013, fortemente sostenuto dal Comune di Santa Croce sull’Arno, da Galleria Continua e Associazione Arte Continua da sempre interessate alla relazione tra arte e territorio e fautrici della necessità di coinvolgere gli artisti in un percorso di riconsiderazione di questioni sociali. Per la quinta volta il progetto è stato premiato dal Bando regionale Toscanaincontemporanea.

Per questa edizione del progetto Nari Ward è stato invitato a porsi in dialogo con UNIC – Conceria italiane e Lineapelle S.r.L. quale elemento chiave e metafora per leggere caratteristiche e dinamiche dell’intero territorio. “UNIC Concerie Italiane è la più importante associazione degli industriali conciari a livello mondiale; è rappresentativa di un settore strategico per il tessuto economico e manifatturiero italiano e per i territori in cui le aziende conciarie operano. UNIC svolge il proprio ruolo di rappresentanza della categoria e di promozione del settore conciario anche attraverso investimenti per il recupero e la conservazione del patrimonio storico e culturale ed il sostegno convinto, come nel caso specifico, all’incontro fra conceria ed arte contemporanea”, afferma Fulvia Bacchi direttore generale del gruppo. Tra le componenti di UNIC vi è Lineapelle, la più importante rassegna internazionale dedicata ai settori pelli, accessori, componenti, sintetico, tessuti e modelli per calzatura, pelletteria, abbigliamento e arredamento. “Avere un tale partner a condividere questo nostro progetto, asserisce Giulia Deidda, Sindaco di Santa Croce sull’Arno, significa parlare e toccare – attraverso materiali, lavorazioni, artigianalità e tecnologia – un territorio intero e valorizzare, attraverso l’arte, l’identità e la natura del Distretto”. “Cerchiamo di creare cortocircuiti tra il mondo dei materiali, dell’economia, del sociale e il pensiero degli artigiani, degli imprenditori e degli artisti, La restituzione di un’esperienza complessa, che avviene in occasione della mostra, è sempre un’occasione di riflessione pubblica e condivisa su caratteristiche locali e globali insieme”. Aggiunge l’assessore alle Politiche ed Istituzioni Culturali, Mariangela Bucci.

01_We The People
“We The People”, Nari Ward

Giamaicano di nascita ma newyorkese di formazione e residenza, Nari Ward è un artista di levatura internazionale. Da febbraio 2019 sarà protagonista di un’importante retrospettiva al New Museum di New York. Nari Ward realizza opere che partono dai materiali quali testimonianza della vita sociale, economica, rituale di comunità intere. Lacci di scarpe, passeggini, carrelli del supermercato, televisori, oggetti trovati sono elementi per la costruzione di metafore sulla nostra contemporaneità. I suoi lavori si strutturano come nuclei dai quali si possono dipanare molteplici narrazioni. Ciascuna narrazione è diversa perché diverso è l’approccio individuale: talora affascinato dai materiali, talora dalla possibilità di rintracciare storie comuni o individuali. L’opera diviene una tappa di un processo di comprensione e restituzione di dati concettuali, scientifici ma anche soggettivi, autobiografici.

La mostra presenta un gruppo di opere inedite realizzate appositamente per il progetto e in relazione al percorso di incontro e scambio che riguarda tutto il territorio di Santa Croce sull’Arno e molti aspetti diversi della sua produttività e complessità sociale.

Molte le associazioni ossimoriche concettuali che le opere evocano: trasparenza vs opacità, giocosità vs gravità, levità vs pesantezza, eternità vs temporalità, movimento vs permanenza. La pelle, le sue lavorazioni e la sua trasformazione, è il materiale che caratterizza le dinamiche industriali ed economiche del Distretto conciario e di cui Santa Croce sull’Arno è la “capitale”. I processi legati alla sua lavorazione, le economie che muove, le risorse umane con le specificità di saperi artigianali e tecnologici e scientifici che implicano sono i dati e le informazioni che costituiscono la base del percorso di Nari Ward. Dati che l’artista ha raccolto durante le visite alle concerie (Camaleonte e Dolmen, Ausonia e Cuoificio Bisonte), agli impianti di depurazione (Aquarno: Consorzio Depuratore, Ecoespanso, Centro Recupero Cromo), al Polo tecnologico conciario PO.TE.CO., e, dato che la qualità della cittadinanza a Santa Croce sull’Arno è composita, anche da un punto di vista religioso, all’Istituto Culturale Islamico.

“Le opere in mostra costituiscono un percorso di narrazione nella sua complessità dove ciascun lavoro è un concentrato di esperienze personali e collettive trasfigurate dalla poetica dell’artista. Plastica, plexiglass, pelle, ferro, resine, inerti, oggetti trovati durante sopralluoghi e visite vengono utilizzati dall’artista in giustapposizioni che sradicano l’oggetto dal reale o realistico e lo proiettano in una inedita dimensione esperienziale”. Chiosa la curatrice Ilaria Mariotti.

“Holding Patterns”, l’opera che dà il titolo alla mostra, è un progetto video e fotografico. “Il mio progetto – racconta Nari Ward – riguarda il possesso, l’appartenenza e la visibilità. Durante la mia ricerca sulle concerie sono arrivato a comprendere il processo utilizzato per mantenere la permanenza e la bellezza estetica della pelle animale utilizzata nella produzione di beni di consumo. Possedere e sospendere il tempo e il decadimento è un compito formidabile. Nel mio viaggio, mentre visitavo la Torre di Pisa, ho visto numerosi turisti scattare foto mantenendo la posa fittizia di tenere la torre in posizione (…). Le imprese divertite dei turisti mi rendevano perfettamente consapevole dell’altro gruppo di individui, anche loro nelle immediate vicinanze della torre. Quello dei recenti immigrati che cercano di vendere le loro merci ai turisti per guadagnarsi da vivere (…). Ho iniziato a pensare; come posso far trasmigrare l’immigrato nel turista? Uno è una realtà del tempo libero l’altro del lavoro, ma entrambi sono stati temporanei che un individuo può controllare con diversi gradi di azione”. Nel video “Holding Patterns”, due profughi sono ripresi sullo sfondo dei monumenti della Piazza del Duomo nella posa dei tanti turisti che si fotografano in selfie o si fanno fotografare “sorreggendo la Torre”. Sulle loro spalle, come mantelli regali o rituali abbigliamenti tribali, si ammassano pelli preziose finemente lavorate dai colori sgargianti e dalle fantasie più disparate. Lo sforzo e la fatica nel sorreggere il carico sono visibili, e caratterizzano le immagini d’intensa bellezza.

“Back to Nature Treatment” evoca uno scenario di natura. Tronchi di albero realizzati con tubi, utilizzati abitualmente all’interno del Depuratore. Il ciclo del trattamento delle acque, ma anche lo spettacolare sito del Depuratore fatto da intrecci di tubature e vasche dove si compie il processo di bonifica, sono il background da cui l’opera muove. Materiali diversi s’innestano nella composizione in bilico tra natura e artificio. “Insistence on Opacity” prende le mosse dalla visita di Nari Ward all’Istituto Culturale Islamico. La comunità di Santa Croce sull’Arno è estremamente composita: il 23% su una popolazione di circa 14.600 persone è composto da migranti di oltre 50 diverse etnie. Una delle caratteristiche dell’edificio che la ospita, è la varietà di presenza di elementi decorativi occidentali che appartengono anche alla cultura islamica. Su questo doppio registro si fonda la complessità dell’immagine di quest’opera: un luogo intimo e privato, che svela e nasconde. Sulle suggestioni legate alla trasparenza opera anche “Limpidus Goats”. Di nuovo un’ambiguità: capra (“goats”) è il sostantivo con cui a Santa Croce sull’Arno sono nominati i cavalletti utilizzati nelle concerie per appoggiare le pelli. Trasparenza e opacità sono caratteristiche anche di “Ballast of Miracles”: una serie di palloncini trasparenti (del tipo di quelli che, luminosi, animano da qualche tempo le feste patronali di città e paesi) che contengono oggetti raccolti durante visite ad aziende del territorio non più in funzione, prove del passaggio del luogo in edifici ora abbandonati.

Tutta la mostra si pone come tentativo di costruzione di un “luogo” altro, che vive una dimensione parallela, alternativa e tangente alla realtà che viviamo ma governata da necessità diverse da quelle quotidiane e materiali. Le opere di Nari Ward sono gli oggetti che vivono di una curiosità estrema nei confronti dei materiali e degli aspetti più fisici che le caratterizzano, ma hanno il potere di diventare oggetti misteriosi capaci di farci esplorare piani diversi dell’esistenza all’interno di nuovi “luoghi” che riescono a determinare.

Grazie alla collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Firenze e la Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana sono stati messi a punto percorsi dedicati alla formazione del pubblico, alla formazione dei giovani artisti attraverso appuntamenti diversificati rivolti alle scuole e agli adulti.

“Holding Patterns, per Arte – impresa – territorio”
Nari Ward
Curatore Ilaria Mariotti
Progetto: un progetto del Comune di Santa Croce sull’Arno in collaborazione con UNIC – Concerie Italiane e Lineapelle S.r.L., Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana e Associazione Arte Continua, Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana, Accademia di Belle Arti di Firenze, Istituto Comprensivo Santa Croce sull’Arno, realizzato nell’ambito di Toscanaincontemporanea2018
Sponsor tecnico: Consorzio Aquarno, Dolmen S.p.A., Cuoificio Bisonte S.p.A, Salvadori S.r.L., Treccificio R.C.G. s.n.c, Labor S.r.L.
Dal 20 ottobre 2018 al 6 gennaio 2019
Sede espositiva: Villa Pacchiani Centro Espositivo, P.zza Pier Paolo Pasolini, Santa Croce sull’Arno, www.villapacchiani.wordpress.com, giovedì-domenica ore 16.00/19.00, ingresso libero; Comune di Santa Croce sull’Arno tel. 0571 30642; 0571 389853

Lascia un commento