Non ci sarà la fiera a causa del Covid-19, ma per San Martino patrono di Pietrasanta si festeggia a tavola con i piatti della tradizione. Partendo dal tortello pietrasantino. I ristoranti che aderiscono

In cantina e in cucina, Versilia

San Martino è… in tavola. Il Santo Patrono di Pietrasanta si festeggia tra piatti tipici e rivisitazioni avanguardiste nei ristoranti cittadini aderenti. Causa restrizioni Covid-19 non ci sarà la tradizionale fiera, uno degli appuntamenti più attesi nell’autunno di eventi della Piccola Atene che avrebbe dovuto tenersi nel weekend tra il 7 e l’8 novembre 2020, ma ci saranno i tradizionali menu in nove tra ristoranti, osterie, cantine, pizzerie e locande. L’iniziativa è promossa dal Comune di Pietrasanta. (Nella foto sopra il titolo: particolare della locandina dedicata a San Martino).

“Pietrasanta insieme al primato delle gallerie d’arte e della lavorazione artistica del marmo e del bronzo ha un altro primato: è quello della ristorazione. – spiega Francesca Bresciani, assessore agli eventi – La forza della proposta complessiva della nostra città, dal centro alla marina passando per le frazioni, è la straordinaria varietà di cucine ed esperienze enogastronomica che rappresentano un asset potentissimo per visitatori e turisti. Pietrasanta funziona tutto l’anno perché si mangia bene, ci sono eventi praticamente ogni settimana e si respira cultura ed arte sempre. Ringrazio i ristoratori che hanno aderito in questo momento molto complicato alla nostra iniziativa. Non potremo festeggiare in piazza tra bancarelle ma potremo farlo a tavola, visitando uno dei nostri musei o delle nostre mostre e partecipando alla santa messa nel nostro bellissimo Duomo di San Martino”.

Dal 2 novembre e fino all’11 novembre 2020 nei ristoranti si potranno apprezzare i classici piatti della tradizione come il tordello pietrasantino, la pappa al pomodoro, il coniglio alla cacciatora, la ribollita, il lampredotto toscano o la tagliata, dalla carne alle portate di pesce come gli straccetti di baccalà e gli gnocchi di cozze al vapore a sfiziosi e deliziosi dessert per concludere: sono solo alcuni dei tanti piatti proposti da Ristorante Enoteca Alex, Il Posto, Trattoria Gatto Nero, Il Peposo, Pinocchio, La Volpe e l’Uva, Arte & Gourmet, inCarne, LaVintage Bistrot. La brochure completa con tutti i menu è disponibile sul sito www.comune.pietrasanta.lu.it e sarà oggetto di una campagna social e web per promuovere le proposte dei ristoranti.

Tra gli eventi collaterali è confermata la Santa Messa nel Duomo di San Martino in agenda mercoledì 11 novembre alle ore 18.00 e l’apertura dei musei e degli spazi espositivi cittadini con l’esposizione il Tempo dei maestri della scultura ceramica Bertozzi & Casoni con uno speciale allestimento pensato appositamente per gli spazi del complesso del Chiostro e della Chiesa di S. Agostino (aperta dal martedì al venerdì dalle 16.00 alle 19.00, il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00. L’ingresso è libero), la collettiva EstremA Oriente nella Sala del San Leone a Porta a Lucca, Scultura come paesaggio del giovane Tommaso Milazzo nella Sala delle Grasce e nella Sala Puti e Sala del Capitolo De Rerum Natura nell’anno del ventennale dalla nascita di Asart (Artisti Scultori Associati) nel Chiostro di S. Agostino.

 

Lascia un commento