unnamed-50

Nel laboratorio creativo dello scrittore Vanni Santoni. Una “lezione” alla Scuola Fenysia di Firenze (il 5 aprile)

Firenze, Libri & Fumetti
Come si costruisce una saga familiare di seicento e più pagine ambientata in sei paesi differenti? Come si tengono assieme cinque piani narrativi e una dozzina di piani temporali? Vanni Santoni, autore dei Fratelli Michelangelo, romanzo uscito da pochi giorni per Mondadori e già acclamatissimo, terrà alla Scuola Fenysia una lezione speciale gratuita, in cui presenterà il libro, ma soprattutto racconterà i retroscena di questo lavoro durato sette anni, mostrando e illustrando gli schemi originali e le varie versioni del testo, e raccontando nel dettaglio la genesi dell’opera, dalle prime scene scritte, alla presa di coscienza del potenziale di personaggi e vicenda, alla pianificazione, allo sviluppo e alla strutturazione del romanzo, fino all’editing e alla revisione finale. L’appuntamento è per il 5 aprile 2019 alle ore 18 (ingresso libero fino a esaurimento posti) presso la ScuolaFenysia, Palazzo Pucci (via de’ Pucci, Firenze).
Un’occasione più unica che rara per entrare nel laboratorio dell’autore di libri di culto come Personaggi precari o Gli interessi in comune e grandi successi come Muro di casse o La stanza profonda, attraverso il suo romanzo più recente e ambizioso, e un appuntamento di sicuro interesse per tutti coloro che si stanno misurando, o intendono misurarsi, con la scrittura di un loro libro e vogliono sapere come lavorano i professionisti e le grandi case editrici.
Vanni Santoni (1978), dopo l’esordio con Personaggi precari ha pubblicato, tra gli altri, Gli interessi in comune Feltrinelli 2008), Se fossi fuoco arderei Firenze (Laterza 2011), Terra ignotae Terra ignota 2(Mondadori 2013 e 2014), Muro di casse (Laterza 2015), La stanza profonda (Laterza 2017, dozzina Premio Strega). È fondatore del progetto Scrittura Industriale Collettiva (In territorio nemico, minimum fax 2013). Insegna scrittura per la Scuola del Libro e la Scuola Holden, dirige la collana di narrativa di Tunué e scrive sul Corriere della Sera. Il suo ultimo romanzo è I fratelli Michelangelo (Mondadori 2019)

Lascia un commento