20190528_memoria-corta-il-giorno-piu-caldo-giuseppe-coco

Memoria corta, tra passato e presente. Rassegna di cortometraggi a Seravezza. Il 1° giugno la proiezione di cinque pellicole e la scelta della vincitrice

Cinema & TV, Versilia

A Seravezza tornano i cortometraggi d’autore. Sabato 1 giugno 2019 alle Scuderie Granducali si tiene infatti la seconda edizione della rassegna “Memoria Corta” promossa dal Comune di Seravezza e dalla Fondazione Terre Medicee con la collaborazione dell’Associazione Culturale Mondo Cinema. L’evento si inserisce quest’anno nel programma del Memofest, portando così le suggestioni e il fascino della settima arte nel fine settimana dedicato alla memoria. Cinque le pellicole in rassegna e formula invariata rispetto allo scorso anno, con proiezioni una di seguito all’altra, registi presenti in sala e pubblico che al termine potrà esprimere il proprio gradimento decretando l’opera vincitrice di questa seconda edizione.

Da Roma due ospiti d’eccezione del calibro di Ernesto Massimo Piazza e Massimo Forleo, tra i più noti e apprezzati esperti italiani di cinema. Piazza è membro delle commissioni di revisione cinematografica ed ha curato per conto del Ministero dei Beni Culturali varie iniziative legate al cinema come l’evento “Santa Croce Effetto Notte” nel 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Collabora inoltre con il Teatro di Roma e organizza nel teatro di Villa Torlonia la rassegna di documentari “Storie e Stelle del Cinema Italiano” per la quale si avvale della qualificata consulenza di Massimo Forleo, programmista e regista Rai curatore di numerose trasmissioni radiofoniche dedicate al cinema, alla musica, al teatro e alla cultura (tra le più note Notturno Italiano su Radio 1).

La seconda edizione di “Memoria Corta” punta sulla potenza espressiva del cinema per offrire uno spaccato sulla contemporaneità valorizzando il tema del ricordo, del legame tra passato e presente, del patrimonio di esperienze e di vissuto sul quale persone e comunità costruiscono il loro futuro, seguendo una linea che caratterizza fortemente l’operato dell’amministrazione guidata dal sindaco Riccardo Tarabella. Temi importanti che le cinque pellicole selezionate quest’anno leggono anche in modo leggero e gradevole, offrendo uno spettacolo adatto e godibile da tutti gli appassionati di cinema.

Titoli e registi dei cortometraggi in rassegna: “Il disertore” di Federica Bertellotti e Daniele Ricci; “Il giorno più caldo” di Giuseppe Coco; “Are You Volleyball?!” del regista iraniano Mohammad Bakhshi; “Aida” di Mattia Temponi; “Foreign fighter” di Claudio B. Lauri.

La serata avrà inizio alle ore 21:15 e sarà ad ingresso libero.

MEMORIA CORTA – I cortometraggi in rassegna

“Il disertore” di Federica Bertellotti e Daniele Ricci (15 minuti)

Una misteriosa lettera giunge nelle mani del Presidente della Nazione, ma il suo contenuto gli rivela cose che avrebbe preferito non conoscere.

“Il giorno più caldo” di Giuseppe Coco (15 minuti / sopra il titolo un fotogramma)

Nel giorno più caldo di un’estate catanese Pietro, uomo solitario che vive circondato di oggetti e ricordi, incontra un bambino che sembra arrivato dal nulla. Questo incontro cambierà definitivamente le sorti di Pietro che si troverà a fare i conti con i ricordi drammatici di quando era ragazzo nella Sicilia del 1943.

20190528_memoria-corta-Are-You-Volleyball-di-Mohammad-Bakhshi

“Are You Volleyball?!” di Mohammad Bakhshi (15 minuti / nella foto a lato, una scena)

Un gruppo di richiedenti asilo arriva a una frontiera e non può continuare. Sono in conflitto con i soldati di frontiera ogni giorno fino a quando un bambino sordo-muto diventa un catalizzatore per una migliore comunicazione tra i due gruppi.

“Aida” di Mattia Temponi (15 minuti)

2 Giugno 1946. L’Italia al voto: si decide fra Repubblica o Monarchia. Aida, una vecchia ottantenne che vive sola nella sua piccola casa, mai avrebbe pensato che, nella sua lunga vita, avrebbe potuto porre una croce su una scheda elettorale.

“Foreign fighter” di Claudio B. Lauri (7 minuti)

All’indomani degli attentati terroristici di Parigi, un dialogo tra un attentatore e il suo avvocato diventa la premessa per un riflessione sulle origini del terrore, prima di un finale a sorpresa.

Lascia un commento