La combriccola del Blasco per la riapertura del Backdoors a Poggio a Caiano. Sabato 23 ottobre anche con cena completa a cura dell’Antica Osteria Le Panche

Sabato 23 ottobre 2021 alle 20 riapre il mitico «Backdoors» (via Ardengo Soffici 64, Poggio a Caiano, Prato; prenotazione obbligatoria al 3892661766) con una festa in piena regola: cena completa a cura dell’Antica Osteria Le Panche, servita al tavolo a 25 euro compresi le bevande e il concerto che inizierà alle 22, quando salirà sul palco La combriccola del Blasco, storica tribute band di Vasco Rossi attiva dal 1990, per l’occasione in formazione Quartetto Power Rock. Solo se rimarranno posti sarà possibile prenotare un tavolo per il solo dopo cena con concerto (15 euro con drink e stuzzichini o dolcetti).

Rodolfo Banchelli

Quando scattò il primo lockdown, che per i locali è durato fino a otto giorni fa, la storica sala di Poggio a Caiano era stata riportata in vita da appena 20 giorni. Un duro colpo, ma non si è arreso Rodolfo Banchelli, artista poliedrico con collaborazioni che vanno da Dario Fo a Lucio Dalla e con alle spalle anche la gestione del «Manila» di Campi Bisenzio, un locale che ha segnato la storia di musica, nightclubbing e spettacolo italiano, lanciando personaggi come Carlo Conti e band come i Neon e i Litfiba. Rodolfo Banchelli, che curerà personalmente la direzione artistica, punta a riportare la cultura al «Backdoors», del quale aspira a fare un piccolo centro internazionale dello spettacolo. Sarà un luogo di concerti italiani ed internazionali, di teatro, di serate dance anni Ottanta e Novanta, e anche di notti salsere e di tango argentino, quando per il ballo sarà restituita la piena capienza.

Intanto la serata della resurrezione post-lockdown tralascerà il dj set e sarà animata dalla sola musica live con La combriccola del Blasco, antesignana del fenomeno Tribute band, nata nel 1990 dalla passione sfrenata di Adamo “Adams” Paoletti per Vasco Rossi. Attualmente La combriccola del Blasco (www.lacombriccoladelblasco.it) è un marchio registrato a livello nazionale e manda in scena dagli 80 ai 100 concerti ogni anno in giro per tutta la Penisola. Questo risultato è il frutto di impegno, di una voce solista molto vicina a quella del rocker di Zocca, di una passione e di una band, definita dal leader stesso, oltre che dal pubblico, “grande e professionale”. C’è da sottolineare la tenacia e la capacità direttiva di Adams, che ha saputo coordinare impeccabilmente questo tipo di spettacolo, riuscendo a coinvolgere il pubblico non in un’imitazione, bensì in una condivisione della passione per Vasco e per la sua musica. Oltre Adamo Adams Paoletti alla voce solista, la band è usualmente composta da Mirko Diolaiuti alla batteria; Vincenzo Lo Monaco alle tastiere; Mattia Lassi al basso; Davide Pupilli, Irma Mirtilla e Alessio Pierini alle chitarre.

Lascia un commento