Festival Città dei Lettori a Villa Bardini – foto di Stefano Casati_2

La città dei lettori, secondo giorno (8 giugno). Il programma a Villa Bardini (tanti autori, fra cui Marzano, Missiroli, Repetti, Covacich, Tobagi), masterclass Lonely Planet, spazio ragazzi, tour letterari

Firenze, Libri & Fumetti

La masterclass targata Lonely Planet, i 70 anni di Bur, la letteratura al femminile, il ricordo di Piazza Fontana, un suggestivo reading al tramonto e tanti autori tra cui Frédéric Beigbeder, Melissa Panarello, Ascanio Celestini, Marco Missiroli e Simone Innocenti. Sono solo alcuni degli appuntamenti e dei protagonisti di sabato 8 giugno 2019, seconda giornata de La Città dei Lettori, il festival della letteratura che si svolgerà a Villa Bardini, Firenze (Costa San Giorgio), fino a domenica 9 giugno (le foto sono di Stefano Casati).

Festival Città dei Lettori a Villa Bardini – foto di Stefano Casati_1

“Leggere cambia tutto” è l’idea al centro della manifestazione ideata e diretta da Gabriele Ametrano, promossa dall’Associazione Culturale Wimbledon, con la collaborazione e il sostegno di Fondazione CR Firenze e Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron. Il festival e il progetto omonimo hanno il patrocinio e il sostegno di Regione Toscana e Comune di Firenze, sono inseriti nella programmazione dell’Estate Fiorentina 2019 e aderiscono al Patto regionale della lettura promosso da Regione Toscana. La rassegna è gratuita e a impatto zero: abolite le bottiglie in plastica, mentre per reintegrare la CO2 emessa si piantano alberi. All’ingresso, gratuito, tanti libri in omaggio per trasformare gli spettatori in lettori.

Festival Città dei Lettori a Villa Bardini – foto di Stefano Casati_4

La mattinata entra da subito nel clou: si parte alle 9.30 alla Limonaia con l’attesa masterclass “Come si diventa autori Lonely Planet” a cura di Silvia Castelli, responsabile della redazione della guida tascabile più famosa al mondo mentre al Belvedere si susseguono tre appuntamenti al femminile: alle 10 si riflette sull’importanza della memoria nelle relazioni con Michela Marzano e “Idda”, alle 11.15 Claudia Durastanti tratteggia con eleganza “La straniera”, in lizza per il Premio Strega, incontro in collaborazione con FILL – Festival of Italian Literature in London, di cui Durastanti è la curatrice. Alle 12.30 è la volta del femminile di una vita, spazio dedicato all’antologia di racconti raccolta da Annalena Benini.

Festival Città dei Lettori a Villa Bardini – foto di Stefano Casati_3

Da non perdere gli incontri nel Salone che si aprono con Marco Missiroli e il suo “Fedeltà”, racconto intimo di un matrimonio che si sgretola in bilico tra tradimento e desiderio, nella dozzina dello Strega (ore 10.30) seguito dal workshop “Maniaci di libri e amanti della lettura” a cura di Veronica Giuffrè, tra le book influencer più conosciute in Italia, con i librai di Milano, Torino, Palermo, Rovereto, e Pietrasanta.

Il pomeriggio si apre nel Salone con “Riviste in contatto – Leggere fuori dai libri”, incontro e letture con le riviste Verde Rivista da Roma, Colla da Torino, In fuga dalla bocciofila da Firenze, Ossì da Roma e L’ultimo uomo da Roma, in collaborazione con Firenze Rivista (ore 14.30). A seguire, appuntamento con Melissa Panarello e “Il primo dolore”, romanzo della maturità nel quale l’ex adolescente provocante dei “100 colpi di spazzola” descrive la condizione femminile attraverso la maternità (ore 16). Alle 17.15, sempre nel Salone, si celebrano i 70 anni di Bur, la collana che dal 1949 “offre a tutti l’opportunità di possedere integralmente i testi principali delle letterature di tutti i tempi”, come recitava la quarta di copertina di alcuni dei primi volumi: una festa con Silvia Avallone e tanti librai, per omaggiare la lettura tascabile.

  • Tanti gli autori in programma nel pomeriggio anche al Belvedere: alle 15 c’è Paolo Repetti con “Esercizi di sepoltura di una madre”, seguito da Mauro Covacich con “Di chi è questo cuore”, in corsa per lo Strega. Alle 17.30 riflettori puntati su Benedetta Tobagi e “Piazza Fontana, il processo impossibile” per ricordare e analizzare storicamente i drammatici eventi del dicembre 1969; a seguire l’irriverenza di Ascanio Celestini e il suo “Barzellette” (ore 18.45). In contemporanea sulla terrazza si alterneranno Simone Innocenti con “Vani d’ombra” (ore 16.45), l’ex enfant terrible della letteratura francese Frédéric Beigbeder e il suo “Una vita senza fine” per un dialogo in collaborazione con Premio Gregor Von Rezzori Città di Firenze (ore 18). La giornata si chiude alle 19.30 con il suggestivo reading al tramonto a cura degli studenti di IED Firenze Giacomo Peruzzi, Sara Di Giovanni, Sofia Mazzella, Shawni Medini e Irene Venanzi del corso di Sociologia della Comunicazione condotto da Francesca Pazzagli. Tommaso Giagni, Leonardo Gori, Veronica Giuffrè, Emiliano Gucci, Luca Ricci, Marco Vichi e Gabriele Sabatini leggeranno estratti dalle opere di Pratolini, Calvino, Svevo e molti altri.

Spazio Ragazzi

Numerose le attività dedicate ai più piccoli allo Spazio Ragazzi: dall’omaggio a Gianni Rodari “Olivia l’esploratrice sorridente” con Giulia Canali (ore 9.30) seguito da “Monsieur Magritte” e “Un regalo per Nino” dedicato ad un pubblico dai 6 anni su con Lilith Moscon e Francesco Chiacchio (ore 10). Alle 11 “Le amiche che vorresti e dove trovarle”, intervista di Matteo Biagi a Beatrice Masini, dai 10 anni in su seguito da “Silenzio! e Zuppa 100% Strega” con Magali Le Huche, per piccoli dai 5 ai 10 anni (ore12). Il pomeriggio si apre alle 15.30 con Manlio Castagna, vicedirettore del Giffoni Film Festival, e il suo “Petrademone”, in collaborazione col blog dedicato alla letteratura per ragazzi www.qualcunoconcuicorrere.it; seguirà la performance musicale per i bimbi dai 7 anni in su “Io sono Violeta Cuorcontento – Violeta Parra” a cura della Biblioteca Nacional de Chile in collaborazione con l’Ambasciata del Cile in Italia con Teresa Porcella (voce), Gianni Cammilli (chitarra e voce) e Andrea Laschi (percussioni). Agli spettatori sarà regalato il libro Io sono “Violeta Cuorcontento” di Anna Maria Del Rio, illustrazioni di Karina Coq. La giornata si chiuderà con la lettura animata per i piccoli dai 5 anni in su “Tino Tino Tino Tina Tino Tin Tin Tin” con le musiche dal vivo di Emanuela Bussolati ed Elisabetta Garilli, accompagnate da Garilli Sound Project (ore 18.30).

Tour guidati

Al via i tre tour letterari: alle 10.30 dallo Spazio Firenze dei Lettori parte “Gli occhi di Firenze” guidato da Paolo Ciampi, a caccia dei segreti della città (in replica alle 16), mentre alle 11.30 nell’area libreria del Salone prende il via la visita-spettacolo alla mostra “A passi di danza. Isadora Duncan e le arti figurative in Italia tra Ottocento e Avanguardia” con Luca Scarlini, mentre alle 12 allo Spazio Firenze dei Lettori parte la visita al Giardino e a Villa Bardini.

Limonaia

Spazio anche alla letteratura culinaria con Annamaria Tossani e Luisanna Messeri alla scoperta de “La cucina del casale” in collaborazione con Jean Michel Carasso (ore 15.30).

Una “città sostenibile”

Non solo libri, ma anche ambiente e solidarietà: tra le novità di questa edizione, spicca, infatti, la campagna “Bevi l’acqua della città”, in collaborazione con Publiacqua. L’iniziativa eliminerà la vendita e il consumo di acqua in bottiglia e darà al pubblico la possibilità di bere gratuitamente l’acqua dell’acquedotto fiorentino, attraverso apposite postazioni installate nel giardino e nella Villa. Quest’anno si rinnova, inoltre, l’impegno per ridurre le emissioni di CO2 prodotte durante il festival grazie al supporto di Treedom, piattaforma web che pianterà a fine rassegna un quantitativo di alberi tale da compensare l’anidride carbonica emessa durante la tre giorni. Centrale anche il tema dell’impegno sociale: l’Associazione Wimbledon sostiene infatti le attività di Busajo Onlus, un progetto nato a Firenze che promuove accoglienza, istruzione e reintegro di bambine e bambini di strada in Etiopia, a cui verrà devoluta parte dei ricavi ottenuti dal crowdfunding attivato per La città dei lettori.

Lascia un commento