Ponte del Primo Maggio: quasi 63mila visitatori tra Uffizi, Pitti (dove sta per aprire una grande mostra su Pontormo) e Boboli con una crescita record del 78%

Arte, Firenze

Il ponte del Primo Maggio 2018 si è concluso con una totale di 62.954 visitatori che sono entrati agli Uffizi, a Palazzo Pitti e al Giardino di Boboli nei quattro giorni tra sabato 28 aprile e martedì primo maggio. Elemento chiave della crescita complessiva del 78% è stato, rispetto all’anno scorso, la prima apertura in assoluto delle tre strutture afferenti alle Gallerie degli Uffizi il giorno del primo maggio, insieme all’apertura straordinaria degli Uffizi e del Giardino di Boboli il lunedì, consueto giorno di chiusura dei musei. Infatti, la giornata di sabato 28 aprile ha visto un aumento del 13,6% e quella di domenica del 4,2% rispetto al 2017. Le aperture di lunedì e martedì hanno dato l’occasione di visitare i nostri musei a 27.526 ospiti in più rispetto all’anno precedente.

Afferma Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi: “Con il nuovo record di visitatori per il ponte del primo maggio, le Gallerie degli Uffizi riconfermano il loro ruolo cruciale come motore economico per Firenze e per tutta la Toscana, oltre che incubatore di conoscenza e di scambio culturale tra i popoli. Con grande piacere registriamo che il trend di notevole crescita per la reggia granducale, reale e imperiale di Palazzo Pitti con i suoi quattro musei (Tesoro dei Granduchi, Galleria Palatina, Galleria d’arte moderna e Museo della Moda e del Costume) prosegue fortemente, dopo i risultati straordinari degli ultimi mesi, e in particolare del recente fine settimana di Pasqua. Per giunta, durante i quattro giorni del ponte del primo maggio abbiamo potuto ospitare 4.692 visitatori in più a Pitti rispetto all’anno scorso (più 132%). Ci auguriamo che questa solida tendenza continui anche nei mesi a venire, grazie anche alle numerose iniziative musicali e culturali in programmazione, tra i quali spicca l’importante mostra sul Pontormo che aprirà la settimana prossima”.

Si tratta della mostra “Incontri miracolosi: Pontormo dal disegno alla pittura” a Palazzo Pitti, nella Sala delle Nicchie, dove sarà aperta dall’8 maggio al 29 luglio 2018.

La mostra a cura di Bruce Edelstein e David Gasparotto, nata in collaborazione con il J. Paul Getty Museum di Los Angeles e la Pierpont Morgan Library di New York, è una selezione preziosa di opere della maturità di Pontormo, eseguite alla fine degli anni Venti del Cinquecento. Per l’occasione – come si legge nella scheda dei Beni culturali – rientra a Firenze dopo oltre vent’anni  l’Alabardiere ora al Getty Museum, che verrà messo a confronto sia con il disegno preparatorio agli Uffizi, che con il magnifico Ritratto di Carlo Neroni di collezione privata, recentemente scoperto. Il versante religioso della produzione di Pontormo è rappresentato dalla splendida Visitazione di Carmignano (un particolare nella foto sopra il titolo), anch’essa esposta per la prima volta insieme al relativo, bellissimo studio a matita nera degli Uffizi, quadrettato per il riporto sulla tavola.

Orario mostra: 8 maggio – 29 luglio 2018, dalle 8.15 alle 18.50 Chiuso lunedì

Lascia un commento