The student hotel foto di Michelle Davis

Il tetto delle ex Dogane di Rifredi, la Terrazza del Verone, la Torre di Arnolfo… Firenze dall’Alto, una diversa prospettiva culturale per sei incontri al tramonto (ogni giovedì) dal 27 giugno al 1° agosto. Il cartellone

Da non perdere, Firenze

Una diversa prospettiva su quelle che saranno o potrebbero essere le città del futuro, guardando il presente da una posizione sopraelevata: è Firenze dall’Alto, sei incontri al tramonto, ogni giovedì, a partire dal 27 giugno 2019 fino all’1 agosto. Tra musica, teatro e parole, ospiti nazionali e internazionali si interrogano sulle molte città possibili.  Firenze dall’alto è un progetto strategico del Comune di Firenze per l’Estate Fiorentina 2019 organizzato da LAMA Development and Cooperation Agency Soc. Coop. in collaborazione con Murmuris, Attodue, Omega Musica e La Scena Muta. 

tetto Ex Dogane Rifredi foto di Marco Dalmasso

Il primo appuntamento, previsto – come accennato – per giovedì 27 giugno ore 19:00, si terrà alle Ex-Dogane di Rifredi (a sinistra, foto Marco Dalmasso). Qui, dove un tempo c’erano solo magazzini per lo stoccaggio delle merci, adesso hanno sede due delle più importanti realtà professionali e culturali a Firenze, ovvero Impact Hub e BUH! Circolo Culturale Urbano. Sul tetto del loro edificio Firenze dall’Alto porterà in scena “Caleidoscopio”, performance su drammaturgia originale a cura di Murmuris/Attodue, con testo di Luca Starita e regia di Laura Croce. In questo spettacolo l’autore ha immaginato di guardare la città attraverso posizioni diverse e inusuali: sdraiato, obliquo, in posizione di partenza, prono, in ginocchio, in piedi. Ma alla fine lo sguardo finisce sempre verso noi stessi e il nostro essere cittadini. Ad interpretare la performance, Alessandro Averone e Giorgia Coco. 

Per la settimana successiva, appuntamento a The Student Hotel, ex sede delle Ferrovie dello Stato in zona Fortezza da Basso (foto sopra il titolo, Michelle Davis). Nella terrazza della sua palestra con vista Duomo, avrà luogo il reading di Davide “BOOSTA” Dileo, musicista, dj, compositore, autore e produttore. Giovedì 4 luglio alle ore 19:00 indosserà i panni di scrittore, presentando il suo ultimo libro “C’era una volta il silenzio e altre favole per innamorati”, uscito a novembre 2018 per Mondadori, con le illustrazioni di Marta Carraro. Favole per adulti, per coloro che non hanno smesso di sentirsi bambini, immaginare, sognare e chiedersi il perchè delle cose. 

GUIDO Catalano

Giovedì 11 luglio Firenze dall’alto fa tappa al Museo degli Innocenti, nella Terrazza del Verone, area dell’edificio da poco ristrutturata e un tempo dedita all’asciugatura della biancheria (da cui la denominazione “del Verone”). Qui, alle ore 19:00, il reading del romanzo “Tu che non sei romantica”, interpretato dall’autore stesso Guido Catalano (foto a sinistra), poeta contemporaneo tra i più famosi d’Italia, scrittore e performer. Il libro, uscito per Rizzoli a febbraio 2019, è una storia piena di baci, di poesia, di gatti, di sguardi, ma anche di guerra e di paura, di sesso e di magia. E amore, così tanto che anche chi non è romantico non potrà farne a meno. Guido Catalano è anche autore di sei libri di poesie, tra cui le raccolte “Ti Amo Ma Posso Spiegarti” e “Piuttosto Che Morire M’Ammazzo” e “Ogni Volta Che Mi Baci Muore Un Nazista”, che superano insieme oltre 50.000 copie. 

Torre di Arnolfo FOTO di Mauro Sani per MUS.E Firenze

Per il quarto incontro del Festival, appuntamento in un altro luogo storico di Firenze, simbolo di tutta la città: la Torre Arnolfo di Palazzo Vecchio (a destra, foto Mauro Sani). Si devono salire oltre duecento scalini per arrivare sulla cima, ma una volta giunti a destinazione, la vista di cui si gode è spettacolare. Qui, giovedì 18 luglio, un’altra performance a cura di Murmuris/Attodue, intitolata “Elevazione”. Lungo il camminamento di Ronda che porta alla torre, va in scena lo spettacolo di Laura Forti, autrice teatrale da ormai vent’anni, rappresentata in molti paesi europei, in particolare Francia e Germania, e che in Italia ha collaborato per diversi anni con Teatro due di Parma. Alla regia, Simona Arrighi, mentre dietro i costumi c’è Antonio Musa. Ad interpretare lo spettacolo, Sandra Garuglieri e Alessandro Baldinotti. 

  • La settimana successiva, un concerto in onore di Fabrizio De André, in occasione della celebrazione dei 20 anni dalla sua morte. Lo spettacolo intitolato “La buona novella”, come l’album considerato dal cantautore stesso il più grande lavoro della sua carriera, si terrà al Forte  Belvedere, nato per proteggere la città e luogo dotato di una straordinaria visuale su di essa. L’appuntamento è per giovedì 25 luglio ore 20:00 e a interpretare il concerto/spettacolo saranno il Coro Mosaico S. Felicita di Lucca diretto da Silvano Pieruccini, l’Orchestra Nuova Europa diretta da Alan Freiles e nata dall’associazione OMEGA Musica, e Mattia Braghero, attore e cantante impegnato in teatro e in tv nonché solista del cast di Jesus Christ Superstar – Peep Arrow con Ted Neeley.

La rassegna si chiude giovedì 1 agosto sul tetto della Manifattura Tabacchi, uno spazio contemporaneo fuori dal centro storico, che guarda al futuro. Qui risuonerà la polifonia di San Salvador, collettivo di sei voci e percussioni alla ricerca di un folclore universale che parte dall’Occitano, l’antica lingua provenzale orginaria del sud della Francia. Nelle loro composizioni la voce viene utilizzata come strumento ritmico, combinando poesia e ipnotiche armonie. 

    • Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero su prenotazione fino ad esaurimento posti (ad eccezione dell’evento del 25/07 al Forte Belvedere, ingresso gratuito fino ad esaurimento posti). 

Prenotazioni dei primi tre eventi già attive a seguenti link: 

http://bit.ly/Firenzedallalto27giugno
http://bit.ly/Firenzedallalto4luglio
http://bit.ly/Firenzedallalto11luglio

Maggiori informazioni:
www.facebook.com/firenzedallalto
www.instagram.com/firenzedallalto

Lascia un commento