Fondazione CR Firenze dona alla città e ai fiorentini due nuovi progetti per il tempo libero: una nuova piscina a San Bartolo a Cintoia e il Parco Florentia (Argingrosso e aree ex Poderaccio ed ex Gover)

Una nuova grande piscina a San Bartolo a Cintoia e il nuovo polmone verde della città, il parco Florentia. Due progetti dedicati al tempo libero dei fiorentini sono stati donati dalla Fondazione CR Firenze al Comune di Firenze con l’obiettivo di dare un supporto per accedere ai fondi messi a disposizione dall’Unione Europea o da altri soggetti. Gli studi di fattibilità e la progettazione vanno ad aggiungersi ai quattro progetti dedicati ad altrettante scuole di Firenze e dell’area metropolitana già presentati da Fondazione CR Firenze. 

Le progettazioni delle due nuove opere, per un importo complessivo stanziato di 658mila euro, sono state realizzate da altrettanti studi di architettura in collaborazione con gli uffici tecnici del Comune di Firenze, che si occuperanno ora della ricerca di finanziamento di tali opere.  Le risorse dell’Unione Europea stanziate con l’approvazione del Next Generation EU, sono destinate a progetti che prevedono l’apertura di cantiere entro il dicembre 2023, una volta espletate le procedure di gara e sviluppata integralmente la progettazione. Altre risorse quali REACT EU prevedono invece la conclusione dei lavori entro il 2023. Considerata la tempistica la Fondazione CR Firenze ha offerto il proprio aiuto al Comune per agevolare il percorso di accesso alle risorse europee per progetti di largo respiro, pluriennali e intersettoriali. L’iniziativa riguarda opere infrastrutturali strategiche, selezionate in settori di interesse per la Fondazione CR Firenze, coerentemente con la sua missione a favore dello sviluppo e del benessere delle comunità locali.

Il progetto per il nuovo centro natatorio è curato da Ipostudio Architetti. L’edificio a “elle” ospita una hall di ingresso, con il bar e gli spogliatoi (capaci di ospitare 100 persone). Al di sopra ci sono le due vasche: una grande, con le gradinate per 500 spettatori, destinata a ospitare le competizioni semi-agonistiche e agonistiche, e una più piccola, a vocazione ricreativa, con copertura mobile, che potrà quindi diventare una piscina all’aperto nella bella stagione. Grazie a delle grandi vetrate le piscine si affacciano su giardini interni che garantiscono una continua percezione del “parco sportivo” in cui il centro natatorio si trova e con il quale dialoga.

Il nuovo parco Florentia è progettato da Hydea Spa e Studio Rossi Prodi & Associati, pensato per essere il secondo polmone verde della città per estensione. Si sviluppa infatti su una superficie complessiva di circa 90 ettari e comprende il potenziamento dell’attuale parco dell’Argingrosso e la rigenerazione di due aree l’ex “Poderaccio” e l’ “Ex Gover” sull’altra sponda del fiume. L’obiettivo è di avvicinare la periferia al centro, dotando l’area di via Pistoiese di infrastrutture e di spazi di qualità fra le Cascine e i Renai, a disposizione del quartiere e di tutta l’area metropolitana. Tutti gli spazi saranno raccordati da una nuova viabilità ciclopedonale che comprende anche due nuove passerelle che attraversano i fiumi Arno e Greve. Il Parco dell’Argingrosso sarà arricchito da una serie di spazi per attività all’aria aperta, una posta di ciclocross, un’area per spettacoli all’aperto, campi sportivi, aree giochi, una pista per l’educazione alla strada, la riqualificazione dell’asse viario centrale come spazio per eventi e fiere con la previsione di strutture temporanee e la riqualificazione a paesaggio dell’intero parco e del suo lago. Il “Poderaccio” si trasforma in un “future park”, un luogo verde dove poter stare all’aria aperta ma anche un vero e proprio laboratorio a cielo aperto per parlare delle problematiche ambientali. All’interno è prevista una Green Farm dove si andranno a scoprire tecnologie a impatto zero, compresa una serra verticale. L’area dell’Ex Gover diventa invece un museo dedicato al cambiamento climatico con spazi espositivi, laboratori, sale multimediali. La porta di ingresso al museo che dialoga con l’acqua, la luce del sole e gli alberi sarà il vero accesso al parco e una nuova icona del quartiere.

“Dopo essere intervenuti, alcune settimane fa – ha dichiarato il presidente di Fondazione CR Firenze Luigi Salvadori – a supporto di un ambito fondamentale quale è il mondo della scuola, presentiamo stamani altri due interventi non meno importanti per la realizzazione di spazi di socializzazione e per il tempo libero che avranno un grande impatto per il territorio e per i suoi abitanti. Abbiamo deciso di intensificare i nostri sforzi per sostenere le amministrazioni pubbliche nella fase preliminare della progettazione relativa al PNRR, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Per questo, nei giorni scorsi, abbiamo lanciato un bando, del valore di un milione di euro, per agevolare i soggetti del territorio nell’ ottenimento dei fondi europei che si aggiunge al nostro ‘Sportello Europa’ e ai 19 progetti predisposti proprio un anno fa, a livello regionale, che abbiamo messo a disposizione delle istituzioni pubbliche’’

“Grazie alla Fondazione CR Firenze per questo importante contributo che conferma la collaborazione strategica con l’amministrazione comunale e la Città metropolitana – ha detto il sindaco Dario Nardella -. Lo sforzo comune ci permette in questo caso di affrontare due investimenti nei settori dell’ambiente e dello sport: oggi attiviamo più di 20milioni di euro per la realizzazione del parco Florentia e di una nuova piscina a San Bartolo a Cintoia, che ci permetterà di integrare e potenziare le infrastrutture sportive della nostra città”. “Ambiente e sport sono due facce della stessa medaglia – ha continuato il sindaco – e siamo sicuri che grazie ai fondi europei, come il React Eu e il  Pon Metro, e a quelli del Recovery Plan possiamo portare a termine questi progetti che rientrano nel programma di mandato del governo di Firenze”. 

 

“Non è solo un Parco, è un pezzo di città che trova un nuovo volto – ha aggiunto Cecilia Del Re, Assessore all’Urbanistica, all’Ambiente e al coordinamento dei progetti del Recovery Plan – Una delle ultime occasioni che abbiamo per disegnare un nuovo quadrante del nostro territorio dopo storie diverse che vogliamo adesso unire per ricucire il centro alle periferie. Tutti gli spazi saranno infatti raccordati da una nuova viabilità ciclopedonale, che comprende anche due nuove passerelle che attraversano i fiumi Arno e Greve, e che collegheranno il quartiere 4 al quartiere 5, l’Argingrosso e l’ex campo rom del Poderaccio all’area ex Gover e le Piagge. Investire in nuovi spazi verdi significa rispondere a esigenze di giustizia sociale per nuovi spazi da tutti fruibili e per mitigare il clima in città a vantaggio di un ambiente più salubre e vivibile. È un progetto che risponde pienamente a ciò che l’Europa ci chiede nel momento in cui ampliamo le infrastrutture verdi e i temi ambientali diventano protagonisti anche nella attività che qui troveranno casa in chiave di educazione ambientale: con serre, laboratori e un museo dedicato al cambiamento climatico. L’idea progettuale del nuovo Parco Florentia, che era parte del programma di mandato del Sindaco Nardella, è stata sottoposta al giudizio di cittadini durante la fase di ascolto di Firenze Prossima: la valutazione positiva è stata pressoché unanime, oltre il 96%, con poi numerosi nuovi spunti – dallo sport al gioco, dalla pista per l’educazione stradale allo spazio per eventi – che sono stati inseriti nella progettazione ora presentata grazie al fondamentale supporto della Fondazione Cassa di Risparmio che ringrazio”. 

“L’area di San Bartolo è ormai il secondo quadrante sportivo della cittá insieme a quello  di Campo Marte – ha sottolineato l’assessore allo sport Cosimo Guccione – Le piscine completano questa vocazione. Grazie a questo progetto il Quartiere 4, che ha 70mila residenti, avrá un impianto con due piscine a disposizione del territorio. Questa struttura, facilmente raggiungibile da tutta la Toscana, risponderà a due esigenze: una piú specificatamente sportiva l’altra per l’avviamento al nuoto e la balneazione estiva di tutta la cittadinanza. Un impianto particolarmente attento all’efficientamento energetico ed ai costi delle utenze che cosí saranno ridotti al minimo”. 

 

 

Lascia un commento