mancini

Festa dei Giardini di Oltremare a Livorno: Mancini e Gershwin (ma non solo) per il concerto dell’Ensemble di Sax dell’Istituto Mascagni

Focus, Livorno

Seconda giornata sabato 14 ottobre 2017 di Harborea – Festa delle piante e dei Giardini di Oltremare (clicca qui per il programma completo). Alle ore 18:00 a Villa Mimbelli, nell’ambito della manifestazione,  si tiene un concerto dell’Ensemble di Sax dell’Istituto musicale Mascagni. L’Ensemble, una delle molte formazioni che prendono vita nel Conservatorio livornese, nasce nella Classe di Sassofono di Valerio Barbieri e si presenta in formazioni diverse. Pietro Petri, Federico Amadei, Filippo Ghezzi e Marianna Argentieri sono gli interpreti di musiche di autori americani del Novecento.

Il programma si apre con tre brani di Henry Mancini, nome d’arte di Enrico Nicola Mancini (Cleveland 1924- Beverly Hills 1994), americano, come diremmo oggi, di seconda generazione, figlio d’immigrati abruzzesi, musicista tanto fecondo quanto precoce, che, avvicinatosi alla musica da piccolissimo con l’ottavino, aveva poi studiato pianoforte dell’età di 12 anni e proseguito negli studi di composizione sotto la guida di Mario Castelnuovo-Tedesco. Di Mancini l’Ensemble esegue musiche da film: Baby elephant walk, dal film Hatari! del 1962; Moon River, da Colazione da Tiffany di Blake Edwards del 1961, uno dei suoi brani di più ampio e durevole successo e, infine, il tema composto nel 1964 per il film La Pantera rosa, anch’esso di Edwars con cui Mancini collaborò per anni, altro hit del compositore.
Seguono due brani di George Gershwin, Summertime e I got rhythm.
Il primo, che Gershwin iniziò a scriver nel ’33 nello stile degli spirituals della musica afroamericana, divenne poi parte integrante – e ricorrente leit motiv – dell’opera Porgy and Bess completata l’anno successivo. I got rhythm è tratto dal Girl Crazy Broadway Show e l’autore usò il brano per le sue Variatios on I got rhythm, del 1934, da lui stesso eseguite nel suo ultimo concerto per pianoforte e orchestra.
Si ascolta poi Irish Suite di Elliot A. Del Borgo (1938 – 2013), altro prolifico autore italoamericano, che compose – tra le diverse centinaia di brani – le musiche per la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi invernali di Lake Placid del 1980.
Il programma si chiude con musiche della serie di cartoni animati Looney Toones, di Carl W. Stalling, americano di genitori tedeschi, autore anche delle musiche della serie animata Merrie Melodies, considerato un innovatore nell’ambito della musica per film d’animazione.
Il concerto è a ingresso libero.

 

Lascia un commento