092

DAL FESTIVAL PUCCINI ALLA LIRICA IN PIAZZA. Il primo weekend d’agosto (il 2 e 3) mette in scena Tosca e Bohème a Torre del Lago. A Massa Marittima (dal 3 al 5) ci sono Bohème, Aida e Il Flauto Magico. Una terza Bohème in cartellone (il 1°) a Montespertoli

Concerti e Lirica, Firenze, Grosseto, Versilia

Sarà un weekend dominato dalla lirica. Infatti dal 2 al 5 agosto 2019, in Toscana, sono in agenda diversi appuntamenti da non perdere, Vediamoli.

***TORRE DEL LAGO / FESTIVAL PUCCINI 2019

Nel  Gran Teatro Giacomo Puccini di Torre del Lago venerdì 2 agosto 2019 si leva il sipario su Tosca. E c’è grande attesa per il ritorno del tenore argentino Josè Cura che sarà Cavaradossi, mentre nei panni di Floria Tosca ascolteremo Maria Guleghina  Firma la regia dello spettacolo Dieter Kaegi. Sul podio Dmitri Jurowsky. L’opera sarà replicata l’11, il 8 e il 24 agosto.

_GAN9906

Giacomo Puccini compose Tosca quasi interamente sulle colline della Versilia, nella sua Villa di Chiatri, tra il giugno del 1898 e la fine di settembre del 1899; Tosca vide la sua prima rappresentazione al Teatro Costanzi di Roma il 14 gennaio del 1900 ed ebbe subito grande successo.  Tosca sarà in scena nel Gran Teatro Giacomo Puccini di Torre del Lago nell’allestimento di Carlo Centolavigna con la regia di Dieter Kaegi, regista di fama internazionale nato a Zurigo e formatosi all’Opernhaus Zürich, come assistente del grande Jean Pierre Ponnelle. “Tosca è un capolavoro straordinario che ho messo in scena più volte in diversi Paesi e ogni volta scopro nuove cose in questa partitura splendida. Ultimamente ho avuto un altro incontro con Tosca; ho messo in scena Masterclass di Terence McNally, l’opera teatrale dedicata a Maria Callas. Avere di nuovo la possibilità di mettere in scena quest’ adorata Tosca, questa volta a Torre del Lago, nell’ epicentro della produzione Pucciniana, nella città stessa di Puccini, mi riempie di grande soddisfazione, gioia e gratitudine”. 

Il cast / Come accennato grandi interpreti per la tormentata storia d’amore di Floria Tosca / Maria Guleghina con il pittore Mario Cavaradossi /Josè Cura. Una storia ostacolata dalle vicende politiche e dal  ricatto del  capo della polizia pontificia, il barone Scarpia Carlos Almaguer. Accurato il  disegno luci di Nino Napoletano  per   esaltare le sfarzose stanze di Palazzo Farnese dove si consuma la tragica fine di Scarpia.  Sontuosi e raffinati i costumi ideati e realizzati da Floridia Benedettini e Diego Fiorini. Sul podio Dmitri Jurowsky.  Completano il cast Cesare Angelotti  Davide Mura, Il Sagrestano Lisandro Guinis, Spoletta Francesco Napoleoni, Sciarrone  Andrea De Campo, Un carceriere Massimo Schillaci, Un pastorello Anna Russo. / Assistente alla regia Luca Ramacciotti , Orchestra del Festival Puccini, Coro del Festival Puccini.  Maestro del Coro Roberto Ardigò.  Coro delle Voci Bianche del Festival Puccini, Maestro del Coro voci bianche Viviana Apicella. 

Sempre a Torre del Lago, nel Gran teatro all’aperto affacciato sulle acque di Massaciuccoli, sabato 3 agosto va in scena la prima replica della Bohème che ha debuttato lo scorso 20 luglio (terza e ultima replica il 10 agosto).

***MASSA MARITTIMA / TRE OPERE LIRICHE SUL SAGRATO DI SAN CERBONE

Sabato 3 agosto 2019 la Bohème di Giacomo Puccini, domenica 4 agosto l’Aida di Giuseppe Verdi e lunedì 5 agosto Il Flauto Magico di Wolfang Amadeus Mozart, inizio spettacoli ore 21.15. E’ questo il cartellone della 34^ edizione di “Lirica in Piazza”, uno degli appuntamenti più attesi del panorama operistico italiano in programma a Massa Marittima in un palcoscenico unico e suggestivo come il sagrato della duecentesca Cattedrale di San Cerbone. Un teatro sotto le stelle capace di offrire emozioni e inaspettate magie per una rassegna sempre più innovativa e originale in grado di coniugare alla tradizione operistica nuovi allestimenti progettati appositamente per la rappresentazione in piazza e un ampio uso di tecnologie multimediali. E anche in questa edizione sono tanti gli elementi di novità. Per la prima volta a Massa Marittima sarà rappresentata un’opera di Mozart, Il Flauto Magico con ospite d’eccezione: l’attore, musicista e scrittore Moni Ovadia come voce narrante che avrà il compito di “narrare” in italiano i recitativi dell’opera in due atti composta nel 1791 da Mozart su libretto di Emanuel Schikaneder e che andrà in scena nella versione integrale in tedesco. Ma le innovazioni non si fermano qui: tutto l’impianto scenografico delle tre opere sarà integrato da un grande ciclorama alto 6 metri che circonderà  la pedana sul quale saranno proiettate immagini in movimento che si fonderanno con gli elementi scenografici contestualizzandoli. In più grande attenzione al settore delle luci e delle proiezioni, che dovranno esaltare e ampliare le possibilità spaziali della parte materica delle strutture sceniche.

lirica in piazza 2017 2jpg

Novità  anche nel cast: si è scelto infatti, nella Bohème, di affiancare cantanti di fama con giovani emergenti, scelti dal concorso internazionale di canto “Lirica sul fiume” di Orte, presieduto da Katia Ricciarelli.

Per quanto gli interpreti la Bohème, opera in quattro atti di Giacomo Puccini, libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa tratto dal romanzo Scènes de la vie de Bohème di Henry Murger, sarà diretta dal maestro Claudio Maria Micheli mentre la regia è affidata a Stefano Corelli. Mimì è interpretata da Maria Tomassi, soprano, Rodolfo dal tenore  Zi Zhao Guo, Marcello dal baritono Hibiki Ikeuchi e Musetta dal soprano Abenauara Graffigna.

Per Aida, opera in quattro atti di Giuseppe Verdi su libretto di Antonio Ghislanzoni, la bacchetta sarà quella del maestro Maurizio Morgantini e la regia di Gianmaria Romagnoli mentre tra gli interpreti il soprano Paola Di Gregorio vestirà i panni di Aida, il tenore Gianluca Zampieri quelli di Radames, Silvia Pasini mezzo soprano sarà invece Amneris e il baritono Carmelo Caruso interpreterà  Amonasro.

Nel Flauto Magico di Mozart il direttore d’orchestra sarà il maestro Stefano Seghedoni e la regia sempre di Gianmaria Romagnoli. Sul palco insieme a Moni Ovadia voce narrante ci saranno il basso Luca Gallo che interpreta Sarastro, il tenore Daniele Adriani sarà Tamino, Patrizia Cigna soprano nei panni di Pamina mentre la Regina della Notte sarà interpretata dal soprano Elisa Cenni. Il baritono Massimo Di Stefano interpreta  Papagheno è il soprano  Arianna Castelli Papaghena. In occasione delle tre serate i due musei della parte alta della città:  la Torre del Candeliere – Cassero Senese e il Complesso Museale di San Pietro all’Orto, saranno aperti fino alle ore 24. Inoltre chi possiede il biglietto della rassegna può accedere al Museo di San Pietro all’Orto con la tariffa ridotta. Inoltre anche quest’anno prosegue la collaborazione tra la rassegna e Danzart, la scuola di danza della città,  saranno presenti come comparse in Aida i figuranti della Società dei Terzieri e il coro delle voci bianche dell’Istituto Comprensivo di Massa Marittima si esibirà nel corso delle tre serate. Ingresso omaggio per tutti gli studenti del territorio con un accompagnatore che ha diritto ad una riduzione sul prezzo del biglietto. Lirica in Piazza è organizzata dal Comune di Massa Marittima, prodotta da Europa Musica di Roma con l’Orchestra Sinfonica Europa Musica e il Coro Lirico Italiano.

La rassegna è sostenuta dalla Nuova Solmine spa, Cir Food, Unicoop Tirreno e finanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. Info: www.liricainpiazza.it Prevendite online su www.boxofficetoscana.it   e in tutti i Punti Vendita Ticketone.  

mecenate

***VOCI DALL’OPERA A MONTESPERTOLI: LA BOHÈME

Appuntamento a Montespertoli venerdì 1° agosto 2019 con La Bohème di Puccini, regia di Stefano Mecenate. Nell’ambito di La Voce Festival / Amedeo Bassi. Orchestra e coro diretti da Massimiliano Piccioli, coro Compagnia Lirica Livornese, Orchestra Domenico Scarlatti. Nel ruolo di Mimì ci sarà Veronica Senserini, Musetta è Roberta Ceccotti, Rodolfo / Mauro Pagano, Marcello / Vedo Torcigliani, Collins / Max Medero, Schaunard / Sandro Degl’Innocenti, Benoit e Alcindoro / Massimo Dolfi, Perpignol / Mentore Siesto, Sergente dei Doganieri Elio Fiorentini.

Lascia un commento