Al via fra Castiglioncello e Vada la terza edizione del Festival Vivere l’Archeologia (dal 1° al 6 agosto), Terminata nel frattempo la campagna di scavo 2023 nell’area vadese di San Gaetano

TERZA EDIZIONE DEL FESTIVAL “VIVERE L’ARCHEOLOGIA (Castiglioncello e Vada)

Dal primo agosto prenderà avvio la terza edizione del Festival Vivere l’archeologia, organizzato dal Comune di Rosignano Marittimo in collaborazione con il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa, con lo scopo di diffondere la conoscenza e valorizzare il patrimonio archeologico presente nel vasto territorio di Rosignano.

Quest’anno il programma verrà inaugurato dalle conferenze del ciclo “Archeologia e contemporaneità”, che si terranno a Castiglioncello, presso FITO nel Parco del Castello Pasquini alle ore 18. Martedì 1 agosto Anacleto D’Agostino, archeologo del Vicino Oriente e docente dell’Università di Pisa, parlerà di “Archeologia in guerra. Antichi siti nei conflitti recenti in Medio Oriente”; mercoledì 2 agosto sarà la volta di Fabio Dei e Caterina di Pasquale, del Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere di Pisa, per discutere di “Cancel culture e politiche della memoria”, la tendenza sempre più diffusa a rileggere il passato secondo il metro di giudizio attuale, destoricizzandolo e arrivando a cancellarne delle parti; mentre giovedì 3 agosto il Capitano Claudio Mauti e il V.B. Massimiliano Colasanti, impegnati nella lotta al mercato clandestino delle opere d’arte nell’ambito del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri di Firenze, illustreranno “L’arte di salvare l’arte”.

Dal 4 al 6 agosto il Festival si sposterà a Vada per gli Open Day dell’area archeologica di San Gaetano (in via del Porto 1 – a lato alcune immagini relative al sito). Un’occasione da non perdere per visitare gli scavi, solitamente chiusi al pubblico, che per tre giorni – da venerdì a domenica – saranno aperti in orario 16:00/20:00 e 21:00/23:30, grazie alla collaborazione della società Ineos, proprietaria dell’area.

L’iniziativa Vada Volaterrana. Dallo scavo alla ricostruzione di un antico porto romano permetterà di animare l’area archeologica e rivivere le atmosfere di un vero mercato romano, dove i visitatori potranno cambiare i propri soldi in valuta dell’epoca, abbigliarsi da romani, acquistare prodotti di archeo-gastronomia e alimenti a milium 0, profumi ed essenze, riproduzioni di ceramiche, vetri e lucerne. Il mercato sarà arricchito dalla presenza dell’associazione Cohors Veterana – Taberna Civilis, specializzata in rievocazioni di epoca romana. Inoltre, sarà possibile fare uno spuntino e degustare ricette ispirate all’antica cucina romana preparate e somministrate in una Taberna dal sapore pompeiano. Sarà presente l’archeo-gastronoma Laura Mussi che, con il suo Convivium, proporrà una selezione di cibi e bevande preparate secondo le ricette dell’epoca. 

Ovviamente sarà possibile partecipare a visite guidate agli scavi, con l’ausilio della realtà aumentata, che consente di scoprire l’aspetto originario degli edifici e le attività che vi si svolgevano, e dei divertenti fumetti della Scuola Internazionale di Comics di Firenze (alle 18:30 una visita guidata in lingua inglese).

Saranno presenti stand dedicati alle professioni dell’archeologia, dove gli archeologi e i professionisti impegnati sullo scavo, illustreranno come si articola la ricerca: dallo scavo allo studio dei reperti, delle ossa, dei resti botanici, le nuove tecnologie, l’archeologia subacquea e molto altro ancora. E poi non mancheranno le attività dedicate ai più piccoli con il GiocaMuseo, intrattenimento per i bambini in uno spazio riservato, ricco di laboratori creativi per tutta la famiglia, sotto la guida esperta di Valter Fattorini e con la partecipazione della Compagnia Arcieri delle 6 Rose.

In occasione del Festival, l’area archeologica di San Gaetano ospiterà anche dibattiti, approfondimenti e spettacoli dal vivo: 

VENERDÌ 4 AGOSTO 

17.30 – presentazione del volumeVada Volaterrana: gli horrea” a cura di Simonetta Menchelli, Marinella Pasquinucci e Paolo Sangriso, con gli autori e l’intervento di Archer Martin, Carlo Pavolini e Jane Shepherd;

19.30 – rappresentazione della commedia di Plauto “Anfitrione”, a cura del Teatro Plautino Europeo;

SABATO 5 AGOSTO 

17.30 – presentazione del volume di fumetti “Tre viaggi – il sogno e il ricordo” a cura di Marco Cei e Michele Cantoni, con la consulenza archeologica di Francesca Bulzomì e Paolo Sangriso;

16.30 e 19.00 – rappresentazione di Combattimenti e danze dell’epoca a cura di Cohors Veterana – Taberna Civilis;

DOMENICA 6 AGOSTO 

17.30Nunc est bibendum! Il vino degli Etruschi e il vino dei Romani. Interventi di Carolina Megale e Simonetta Menchelli e, a seguire, degustazione in collaborazione con Slow Food;

16.30 e 19.00 – rappresentazione di Combattimenti e danze dell’epoca a cura di Cohors Veterana – Taberna Civilis;

Tutte le iniziative sono a ingresso libero. 

Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il Museo Civico Archeologico Palazzo Bombardieri di Rosignano Marittimo al numero 0586 724288 (dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00) oppure scrivere una mail a: palazzobombardieri@comune.rosignano.livorno.it  

***********************************

I RISULTATI DELLA CAMPAGNA DI SCAVO 2023 / AREA ARCHEOLOGICA DI SAN GAETANO A VADA

E’ iniziata il 10 luglio, ed è terminata il 28, l’annuale campagna di scavo condotta dall’Università di Pisa in loc. San Gaetano di Vada, che sta portando in luce nuovi dati sulla topografia e la storia di Vada Volaterrana. 

Nell’area dell’ex parcheggio Fanfani è stato individuato un ampio edificio a destinazione commerciale, costituito da almeno 10 ambienti quadrangolari, che nel corso del II sec. d.C. venne a potenziare le attività economiche del quartiere. 

All’esterno dell’edificio, lungo il lato sud ed ovest, sono state rinvenute numerose sepolture datate a partire dalla fine V-VI sec. d.C. 

Nell’area a nord di Via del Porto prosegue lo scavo di un’aula circolare con pavimentazione e rivestimento parietale marmoreo, che è risultata collegata ad un secondo ambiente dalla planimetria simile. Tale edificio, databile alla fine del II sec. d.C. e compatibile con funzioni di rappresentanza o, più probabilmente, cultuali, fu in uso sino al VI-VII sec. d.C., a conferma della lunga vita del quartiere e delle molteplici attività che vi si svolgevano.

Agli scavi hanno partecipato studenti dell’Università di Pisa e, nell’ambito della Vada Volaterrana Summer School, studenti americani (soprattutto della Troy University, Alabama USA), cinesi e sud coreani.

Cittadini e turisti avranno modo di visitare l’area archeologica e di approfondire i risultati della campagna di scavo 2023, con gli archeologi e i professionisti impegnati sul campo, nell’ambito degli Open Day che si terranno a San Gaetano in occasione del Festival Vivere l’Archeologia. Infatti, venerdì 4, sabato 5 e domenica 6 agosto si terrà l’iniziativa Vada Volaterrana. Dallo scavo alla ricostruzione di un antico porto romano, con visite guidate all’area archeologica, la ricostruzione di un antico mercato romano, la possibilità di mangiare in una Taberna in stile pompeiano, stand volti ad illustrare le professioni dell’archeologia, laboratori dedicati ai bambini e tante altre attività per tutta la famiglia.

 

 

Lascia un commento