“Spiagge Bianche”, quattro donne legate dalla determinazione e dal coraggio di scegliere. Il nuovo libro di Vanessa Marini

Libri & Fumetti, Livorno

Un romanzo corale, costruito sull’intreccio delle storie di quattro donne molto diverse tra loro ma legate da un minimo comune denominatore, la determinazione e il coraggio di scegliere, trovando la via per andare avanti.

VanessaMarini
Vanessa Marini

È uscito “Spiagge Bianche”, il sesto libro della scrittrice rosignanese Vanessa Marini edito dalla casa editrice Kimerik. A fare da scenografia quindi all’incontro tra le quattro protagoniste del racconto, Amina, Angelina, Antonia e Carly è appunto il litorale fra Rosignano Solvay e Vada. «Quelle spiagge bianche famose per i riflessi caraibici – spiega l’autrice – tanto belle da essere utilizzate come set fotografico per le pubblicità. Peccato però che siano rese così dagli scarichi a mare di una fabbrica chimica».

Rappresentate anche nella copertina del libro ispirata ad un quadro del padre dell’autrice, Mario Marini. Pittore di Rosignano che ha realizzato le tele anche per le copertine dei libri precedenti. “Spiagge Bianche” segue un progetto di cinque libri, tutti editi da Kimerik, che compongono la collana intitolata “Le donne sono farfalle, non formiche”, dedicata al mondo delle donne e alle violenze, discriminazione e stereotipi di genere.

«Si tratta di un progetto – sottolinea ancora Vanessa Marini, classe 1969, impiegata in banca ma con una grande passione per la scrittura – volto alla sensibilizzazione di temi di grande attualità. Dalla violenza domestica allo stalking, dalle molestie sul posto di lavoro alla violenza subita dalle donne per ragioni religiose. Che si pone l’obiettivo, grazie alla narrativa, di raggiungere un pubblico più ampio rispetto alla saggistica o alla poesia e che in questi mesi ho portato all’interno degli istituti superiori del nostro territorio grazie ad incontri con gli studenti. Al Gemelli di Livorno, ad esempio, ma anche all’Iti di Rosignano per parlare con i ragazzi di bullismo, soprattutto, e violenza di genere attraverso riflessioni articolate e interattive». E ancora: «Questa volta ho scelto di parlare del nostro territorio attraverso un intreccio di storie veramente diverse tra loro ma legate in modo indissolubile». Il libro verrà presentato proprio alle Spiagge Bianche il 28 luglio 2018, durante il weekend in cui si teneva fino a qualche anno fa la storica Sangriata di cui si parla appunto all’interno del racconto.

Lascia un commento