Un’estate in riva all’Arno: riapre “Il Molo” tra sfizi culinari e drink, Ma anche un palco galleggiante sul fiume per concerti e band. Il cartellone

Un’estate tutta da gustare, en plein air, tra sfiziose proposte culinarie e i drink di uno dei banconi più celebri della nightlife fiorentina: in riva all’Arno, sulla sponda del Lungarno Colombo, riapre “Il Molo”, frequentatissimo spot di Firenze, che si preannuncia già come un must dell’Estate 2021, grazie anche a un palco galleggiante sul fiume che ospiterà band e concerti. Al via anche un servizio di babysitting per permettere proprio a tutti di godersi la serata. 

Diretto da Daniele Palladini (gestore anche del blasonato Rex, punta di diamante della nightlife fiorentina), in collaborazione con Ergonauth, dopo lo stop dello scorso anno, Il Molo riprende il suo percorso, proponendosi come luogo di incontro per tutti, fino al 30 settembre, da vivere nei diversi momenti della giornata. Uno spazio in cui si rifugge il caldo e la frenesia della città, pur rimanendone al centro. Sulla zona sinistra Affrico, al confine con Lungarno del Tempio, su uno spaccato erboso ed un molo naturale, ogni giorno una proposta diversa, da scoprire insieme a food & drink di qualità. 

Per la cocktail list sulle rive dell’Arno ci si affida alle mani sapienti dei bartender di esperienza del Rex Cafè, riferimento per qualità e ricercatezza, nel panorama della mixology, da oltre 30 anni. Sul fronte food, sarà possibile assaggiare le specialità dello street food fiorentino con Bono bono (arrosticini, hamburger e fritture varie); il pesce de Il Polpaio dell’Isola d’Elba, che propone semplici ricette, la tradizione della granfia “alla forchetta” e la tonnina, ovvero piatti tipici elbani; le pizze con prodotti a km0, biologici, artigianali e di fattoria, di Simbiosi, PokePop, poke e sushi, e infine il gelato artigianale, prodotto esclusivamente da frutta fresca e con le migliori selezioni di frutta secca, di Gelateria Vivaldi. 

Dalla scelta dei materiali di allestimento alla totale ecosostenibilità dei prodotti monouso (solo cannucce di carta e bicchieri in Mater-Bi e polpa di cellulosa per i drink, mentre gli allestimenti sono realizzati in materiali sostenibili) il Molo posa la sua occupazione sul Lungarno con un approccio integrativo al contesto floristico e ambientale e di totale vocazione all’educazione e al rispetto dello stesso. È per questo che, oltre al proprio esempio, quasi interamente non impattante, Il Molo è promotore della riqualificazione dell’area occupata e di iniziative volte alla sensibilizzazione circa le buone pratiche da attuare. Come l’aperiplogging in compagnia di Nadia Fondelli,  camminata veloce che fa bene al corpo, alla mente e all’ambiente, attività sportiva eco-friendly che consiste nella raccolta dei rifiuti da terra mentre si corre e si cammina per i parchi e le vie della città. Ogni “plogger” è equipaggiato da abbigliamento sportivo e scarpe tecniche, guanti monouso di lattice o giardinaggio, sacchetti in cui mettere i rifiuti. Secondo un report dell’App “Lifesum”, mezz’ora di plogging farebbe bruciare più calorie rispetto a mezz’ora di corsa o camminata lungo lo stesso tracciato. “Aperiplogging” è un evento continuativo, il mercoledì, ogni 15 giorni, per un’ora di plogging al tramonto sull’Arno con aperitivo finale. Tra le attività dedicate all’ambiente, anche “Un drink per i tuoi mozziconi”, una bevuta offerta in cambio di operazioni di pulizia spiagge, e “Straw no more”, cannucce di carta e bicchieri in Mater-Bi e polpa di cellulosa.

L’Arno, sul quale il Molo si affaccia, sarà luogo di iniziative sportive e poetiche ma anche protagonista e ispiratore delle performance. Un molo anche reale, al quale imbarcazioni di legno attraccheranno e dal quale partiranno barche e canoe. 

DETTAGLI SUL PROGRAMMA

La programmazione de Il Molo è realizzata con il sostegno e la collaborazione di enti e associazioni culturali e sportive, attive nel panorama fiorentino. La gestione degli eventi è regolata e modificabile secondo le norme sanitarie in vigore. 

Proseguiamo il nostro viaggio, iniziato sotto la coraggiosa guida di Andrea Mi. Ho fortemente voluto che Il Molo fosse un luogo dove si fa cultura, per questo investiamo in una proposta artistica così serrata. – dice Daniele Palladini – L’ultima programmazione pre-Covid, quella del 2019, era curata proprio da Mi, giornalista, scopritore di talenti, artista egli stesso, scomparso lo scorso anno. Abbiamo portato qui al Molo, insieme, Don Pasta, Cauteruccio, Bucciarelli, Antonella Bundu, rappresentanti dell’Ordine degli Architetti e delle principali scuole di Design fiorentine. Per me Andrea è stato soprattutto un amico, con cui ho attraversato venti anni di vita e che molto aveva da insegnare in ambito culturale a tutta la città. Quest’anno, non potevamo che dedicare a lui questa stagione, e all’associazione che porta avanti la sua ricerca in ambito artistico”.

La colonna sonora sarà fresca, giovane e profondamente territoriale, un sound completo, dal più classico al più eccentrico. Un ricco programma di rassegne musicali con  Lungarno Live; Jazz Club Goes to River; Rex’n’Chill; Don Pasta Ricorda Andrea Mi. Per questa stagione di rinascita, il Molo propone l’allestimento di un palco galleggiante, pegno d’amore per la città di Firenze e tributo al fiume. Il palco ospiterà numerosi eventi, in collaborazione con scuole ed enti culturali attivi del territorio, tra produzioni, anteprime e sperimentazioni.

Grande attenzione per i più piccoli frequentatori del Molo, grazie ad un dedicato servizio di babysitting e laboratori con Cooperativa Sociale RainbowLab, e “I mostri di Dante”, laboratorio di letture, disegni e attività creative, in cui i ragazzi entreranno nell’inferno dantesco e realizzeranno insieme a Laura Vaioli e a Giacomo Guccinelli elaborati grafici a tema mostri, imparando le caratteristiche fisiche e psicologiche dei mostri raccontati da Dante nell’Inferno.

Nel programma spazio allo sport, con Canottieri Firenze Wave, T-rafting sull’Arno, boxe, biliardino, ping pong, subbuteo; ma anche ad arte e performance, con Youarenotalone, “Slam on the water”, una rassegna di slam poetry curata dal collettivo Ripescati dalla piena*, la casa dei libri, Pimp My Vintage; per i workshop, Type Thursday Flr, Lungarno Magazine, Una Canzone per A, Ciao Socrate”.

Al Molo ci si prenderà cura del corpo, con le lezioni aperte e gratuite di Gyrokinesis, allenamento basato su sequenze di movimenti fluidi e ritmici, coordinati alla respirazione, o il nuovissimo “Brain Runner”, con Arturo Mugnai, psicologo dello Sport e appassionato di corsa, in cui, attraverso sessioni di allenamento in cui si cammina, si parla e si corre, ci sarà modo di allenare non solo la parte fisica, ma anche la componente mentale per l’attività fisica. In collaborazione con T Rafting, ci sarà lo “Urban Rafting al tramonto”, con la visita dei ponti, delle pescaie e dei lungarni del centro storico utilizzando un gommone rafting con sosta per un aperitivo a bordo. Infine, con Asd Fight Club World Firenze, verrà offerta la possibilità di provare a rotazione alcune delle discipline marziali insegnate, proposte da istruttori professionisti CSEN, quali: Boxe, Muay-Thai, Karav Maga, Brazilian Jiu Jitsu, Difesa personale per le donne, Functional Training e Systema. È inoltre prevista una apposita serata nella quale si esibiranno atleti locali nelle discipline della Boxe e della Muay-Thai su un regolare ring da competizione, con la presenza di arbitri federali e regolare assistenza medica. Il Molo sarà un posto conviviale nel quale le generazioni si incontreranno per una partita a calcetto o un momento di contemplazione aspettando il tramonto. Infine, in collaborazione con ASD Canottieri Comunali Firenze, sarà installato un molo provvisorio sull’Arno per permettere alla clientela di utilizzare Dragon Boat, imbarcazione da 20 posti più timoniere e tamburino, di origine cinese, ormai diffusa in tutto il mondo.

Per informazioni: scrivere alla mail molo.firenze@gmail.com – pagina FB https://www.facebook.com/molofirenze/ – pagina Instagram https://www.instagram.com/molofirenze/ 

 

Lascia un commento