da sx_Michele Rabbia_Daniele Roccato_LR

Requiem, concerto con musiche di Rabbia, Roccato e Thieke. All’Associazione culturale dello Scompiglio. il 23 marzo alle 19.30

Dischi & Live, Lucca

Sabato 23 marzo 2019, l’Associazione Culturale Dello Scompiglio di Vorno (Lucca), alle ore 19.30, presenta, nello SPE – Spazio Performatico ed Espositivo, Requiem, concerto con musiche diMichele Rabbia, Daniele Roccato e Michael Thieke, anche interpreti. Musica contemporanea e antica, improvvisazione radicale, elettronica, jazz d’avanguardia si fondono in un lavoro che ha la sua radice nella Messa da Requiem di Johannes Ockeghem e si ispira al Requiem di György Ligeti (nella foto sopra il titolo: a sx Rabbia, a des Roccato, fotto a lato Thieke / ph. Eric Schaefer).

Michael Thieke_photo by Eric Schaefer_LR

L’appuntamento fa parte di Della morte e del morire, programmazione tematica proposta dall’Associazione Culturale Dello Scompiglio, diretta dalla regista e artista Cecilia Bertoni, negli spazi della omonima Tenuta di Vorno (Lucca). Da settembre 2018 a dicembre 2019, un fitto cartellone con mostre, performance, concerti, workshop, residenze, incontri e discussioni di carattere scientifico e attività per bambini, incentrati sull’individualità in relazione alla morte. Gli appuntamenti musicali sono curati da Antonio Caggiano, direttore artistico per l’attività musicale dell’Associazione Culturale Dello Scompiglio. 

***Programma:

Introitus / Kyrie / Lacrimosa / Agnus Dei / Lux Aeterna

Michael Thieke, clarinetto; Daniele Roccato contrabbasso; Michele Rabbia percussioni, elettronica

con la partecipazione di Rocco Castellani, contrabbasso; Mauro Tedesco contrabbasso

“Nella storia della musica dal XV secolo – precisa Daniele Roccato – ai nostri giorni la Messa da Requiem è stata spesso considerata una forma musicale con la quale confrontarsi, presto o tardi. Dai tempi di Ockeghem (che nel 1461 scrisse la più antica Messa da Requiem pervenutaci) e degli altri compositori fiamminghi, la forma del requiem e il suo obiettivo sono molto cambiati: mentre in origine lo scopo era quello di accompagnare una vera messa, nel corso dei secoli si è gradualmente sviluppata come genere a sé stante, seguendo direzioni teatrali (Mozart), operistiche (Verdi), sinfoniche (Brahms, Henze), cameristiche (Stravinsky, Fauré), spirituali (Gubaidulina, Pärt). Nonostante questo il requiem ha mantenuto la sua profonda identità attraverso i secoli non smettendo mai di esercitare il proprio fascino. Si tratta di qualcosa che ha a che fare con l’essenza della nostra vita, con il nostro essere musicisti, con il nostro essere donne e uomini in un mondo sempre più disumanizzato (…)”.

Il Progetto Dello Scompiglio ideato e diretto da Cecilia Bertoni, prende vita nella omonima Tenuta, situata alle porte di Lucca, sulle colline di Vorno; una realtà in cui le attività legate alle arti visive e performatiche negli spazi interni ed esterni e il dialogo e le attività con la terra, con il bosco, con la fauna, con l’elemento architettonico contribuiscono a una ricerca di cultura. Ogni scelta relativa al Progetto è perciò valutata in relazione alla propria sostenibilità ambientale, attraverso forme di interazione e di responsabilità. All’interno della Tenuta Dello Scompiglio, accanto all’Azienda Agricola e alla Cucina Dello Scompiglio, opera l’omonima Associazione Culturale. L’Associazione dal 2007 crea, produce e ospita spettacoli, concerti, mostre, installazioni; realizza residenze di artisti, laboratori, corsi e workshop; organizza e propone itinerari performatici all’aperto, visite guidate, lezioni Metodo Feldenkrais®; gestisce lo Spazio Performatico ed Espositivo (SPE). Una particolare attenzione è dedicata infine alle attività culturali per bambini e ragazzi, con rassegne teatrali, laboratori e campi estivi. www.delloscompiglio.org

INFO 0583 971125 

 

Lascia un commento