Piano solo e Talk a San Gimignano: Dado Moroni al pianoforte, fra jazz e racconti

Dischi & Live, Siena

Un concerto jazz d’eccezione per la tradizionale serata che inaugura “Leggieri d’Inverno”, la XV stagione di teatro, danza e altro a cura della Compagnia Giardino Chiuso che entra nel vivo da gennaio in poi con un pieno di eventi. L’appuntamento è in programma sabato 17 dicembre 2016 al Teatro dei Leggieri di San Gimignano dove alle 21.30 sul palcoscenico troviamo Dado Moroni in “Piano solo e Talk”. Alle 20 in scaletta c’è il consueto aperitivo di benvenuto.

Attivo discograficamente dall’inizio degli anni ’90 è arrivato a celebrare i 35 anni di carriera, Moroni  (nella foto grande sopra al, titolo) rappresenta un’anima diversa rispetto ad altri pianisti di eccellenza. La sua lettura del jazz è basata su un senso dello swing che è centrale in tutte le sue esecuzioni, anche quelle apparentemente più lievi. Il senso ritmico e il groove predominano, in generale, sulla pura ricerca melodica per cui i brani diventano spesso trascinanti e coinvolgenti.

Una delle principali caratteristiche di Dado Moroni è la spontaneità. Un incontro con lui è come fare un viaggio giocoso e partecipato nel tempo, lungo ben nove decadi jazzistiche, attraverso il racconto in musica di aneddoti ascoltati direttamente dalla voce di musicisti quali Benny Waters (ex sassofonista della Band di Jelly Roll Morton), Dizzy Gillespie, Henry Edison e Buddy Tate (dell’Orchestra di Count Basie), Clark Terry e Jimmy Woode (membri della band di Duke Ellington), fino ad arrivare ai contemporanei Joe Henderson, Bob Mintzer, Wynton Marsalis, Alvin Queen, Joe Locke, Ira Coleman. Ed in campo extra jazzistico con Lucio Dalla, Tiziano Ferro ed Eros Ramazzotti.

Nel concerto “Piano Solo & Talks”, Dado Moroni racconta la sua personale visione della musica jazz. I suoi brani preferiti, composizioni originali e arrangiamenti unici saranno il punto di partenza del viaggio nel mondo della storia del jazz, esplorando i diversi linguaggi che si sono succeduti nel tempo.

«Per me – spiega – la musica è come una bottiglia di grande vino…deve essere condivisa! L’arte e la cultura in generale sono l’unico vero collante della società in quanto riescono a creare una base di pace e condivisione vera, pura e senza preconcetti».

La stagione “Leggieri d’Inverno” è a cura della compagnia Giardino Chiuso, Comune di San Gimignano, Regione Toscana. Programma completo su www.giardinochiuso.com

I

Lascia un commento