Janis, Jim, Amy e il Club 27: appuntamento con le storie di “Rock’n’Roll noir” e il live dei Cut and Blade

Firenze, Musica

Il Club 27 si presenta in Vetrina Rock all’Hard Rock Cafe Firenze mercoledì 14 dicembre 2016, dalle ore 18, dove l’autrice Elisa Giobbi presenterà “Rock’n’roll Noir”: vite al limite, in costante equilibrio precario tra alcol, droga, sesso, relazioni malate e successo. Così potrebbero essere descritte le esistenze dei membri di un circolo del quale nessuno vorrebbe far parte: il Club 27, che annovera, tra gli altri, Robert Johnson, Brian Jones, Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jim Morrison, Kurt Cobain, Amy Winehouse. Tutti morti a 27 anni. Ma è soprattutto nell’amore viscerale per la musica, nella curiosità illimitata e nell’audace sperimentazione artistica ed esistenziale, uniti a un talento di dimensioni eccezionali e dalla portata straordinaria e imprevedibile, che questi giganti della musica contemporanea hanno trovato l’origine di una passione per la vita tanto ardente e assoluta da bruciarli in fretta, fino a consumarli. 
A chiudere questo viaggio nel mondo della musica la performance live dei Cut And Blade, un trio acustico che ogni sera, attingendo dai classici degli anni ’70, si diverte a inventare nuovi arrangiamenti per divertire e divertirsi. Rolling Stones, Beatles, Zeppelin, Tom Petty, Creedence fino ad arrivare agli U2 e I Bee Gees. I Cut and Blade sono Federico Piras, chitarra acustica, voce e cori; Jacopo Meille, voce, chitarra acustica e cori, Andrea Pica, chitarra acustica, loop, cori e Cristiano Burgio, chitarra acustica, voce e cori.

Quella all’Hard Rock Cafe di Firenze è la prima presentazione ufficiale fiorentina del libro di Elisa Giobbi “Rock’n’Roll Noir – I misteri, le relazioni e gli amori del Club 27” (Arcana) e presenterà una formula insolita: cinque attori teatrali, Daniele Trambusti, Lorenzo Lombardi, Stefano Algerini, Gianni Calcinai e Francesco Bartoli si avvicenderanno in Vetrina Rock per interpretare cinque estratti dal libro, accompagnati dai Cut & Blade. Ingresso libero.

Lascia un commento