I gusti musicali, una riflessione con Marco Lenzi al Caffè Pitì

Dischi & Live, Livorno, Uncategorized

Si parlerà di gusti musicali con “De Gustibus Disputandum Est”, martedì 11 luglio 2017 alle ore 21 a Livorno, all’Hotel Universal,terrazza sul mare. Non una ‘conferenza’ ma una riflessione a voce alta e aperta, condotta dal musicista e musicologo Marco Lenzi, attraverso esempi e aneddoti. L’evento è a cura delle Edizioni Erasmo, in collaborazione con l’Hotel Universal e Ps Management & Consulting, e fa parte del programma Café Pitì – Summer2017.

De gustibus non est disputandum, dicevano, com’è noto, gli antichi romani. Si racconta, anzi lo racconta Plutarco, che una sera Cesare andò assieme ai più stretti collaboratori ospite nella domus milanese del ricco ed influente Valerio Leone. Tra le portate venne servita una magnifica preparazione di asparagi conditi con il burro. Ai generali la pietanza non piacque per niente (abituati all’olio d’oliva e non al burro, usato a Roma come unguento), così la indicarono come cibo “barbaro” non adatto al loro palato. Di fronte all’imbarazzante situazione Cesare, da uomo intelligente ed avveduto, placò gli animi con la frase: “de gustibus non disputandum est” (non si può discutere sui gusti personali). In poche parole aveva fatto capire ai suoi ufficiali, che non si obbietta quando si viene ospitati da qualcuno. Già allora si riteneva quindi che è del tutto inutile discutere dei gusti: si ti piace ti piace, se non ti piace non ti piace. Punto. Niente da aggiungere. Però, per quanto vero, in realtà non si fa altro che esprimere giudizi estetici. Lo facciamo continuamente, quando biasimiamo il modo di vestirsi del tizio, le predilezioni gastronomiche del sempronio di turno, i gusti musicali del caio. Quindi, come si vede, di gusti si discute, eccome. Proviamo allora a farlo, parlando di musica.

Marco Lenzi, nasce Livorno nel 1967. Dopo alcuni anni di attività concertistica, si dedica all’insegnamento, alla composizione e alla ricerca musicologica. Ha scritto musica, perlopiù cameristica, che è stata eseguita in Italia, Grecia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti. Ha collaborato con musicisti rock come Anthony Reynolds e Virginiana Miller. Si è occupato di musica contemporanea, colta e non, ed ha pubblicato per Ricordi-Lim la prima monografia italiana su Morton Feldman. 

 

Lascia un commento