Fragranze d’Oltrarno nell’Atelier di Sileno Cheloni, maestro profumiere. Il sensuale Sangue Blu e ora le emozioni di Osmarea, la home fragrance che trasforma la casa in una scatola dei sogni

Firenze, Moda e Artigianato

È come entrare in un luogo magico. Affascinante, accogliente ed opulento. Moquette, antichi tappeti, velluto, legno pregiato. Una parete retroilluminata è lo scrigno dove centinaia di piccole boccette racchiudono preziose essenze.

20190914_161513
Sileno Cheloni nel suo Atelier

Poi c’è il grande banco allestito dietro un pennello di legno ricurvo. Lì ci si può sedere e con la guida del maestro “costruire” il proprio profumo, personalizzato al 100 per cento. Sei settimane di attesa, per permettere la perfetta maturazione delle essenze, poi i flaconi con le proprie iniziali (dieci da 30 ml). Un regalo per se stessi, che porta la firma di  Sileno Cheloni, il maestro profumiere, che invita a stimolare le emozioni e i desideri più nascosti usando come arma di seduzione l’avvolgente profumo delle materie prime da lui accuratamente selezionate e con cui realizza delle vere e proprie opere d’arte olfattive.

Nella sede al piano terreno di un antico palazzo fiorentino in Oltrarno, in via San Niccolò, vicino al rigoglioso Giardino Bardini, Cheloni ha realizzato il suo Atelier dove – basta entrare – si viene avvolti dalla spirale di un viaggio tra note profumate e ricordi, emozioni e stati d’animo.

20190914_161527

Sangue Blu, fragranza creata proprio in queso Atelier, è l’incarnazione della sensualità. Presentato nel mese di gennaio 2019 durante Pitti Uomo, questo profumo è ora seguito dalla prima essenza per ambienti che in Atelier si è già conquistata un posto di primo piano. Osmarea racchiude dentro di sé l’osmsnthus, é un gioiello immerso in una boule di cristallo.

20190914_161418

Un oggetto di arredo che sprigiona la sua anima trasformando l’ambiente circostante in una odorosa boîte de rêve. Il sogno, le emozioni, e molto altro. Compresi workshop a tema (per conoscere le essenze e capire come si compone un profumo) e la possibilità di cene sensoriali, senza tralasciare la cerimonia dell’incenso, un rituale celebrato dal maestro Cheloni capace di rievocare le antiche origini del profumo. (elisabetta arrighi)

20190914_161756

Lascia un commento