DAP Festival a Pietrasanta: il 9 luglio nel Chiostro di Sant’Agostino tredici esibizioni degli allievi delle masterclasses. E il 10 appuntamento con il Gran Gala conclusivo in Versiliana

In attesa del Gran Gala conclusivo di sabato 10 luglio 2021 in Versiliana, lo spettacolo di Dap Festival prosegue venerdì 9 luglio nel Chiostro di Sant’Agostino. E lo fa con i ragazzi delle scuole che anche quest’anno hanno preso d’assalto le masterclasses di Danza in Arte a Pietrasanta, la rassegna internazionale giunta alla quinta edizione, organizzata nella cittadina versiliese da Adria Ferrali e la New Dance Drama con il patrocinio del Comune di Pietrasanta e del Ministero della Cultura.  Perché Dap Festival oltre ad offrire serate di danza internazionale, è anche un progetto educativo.

Tredici le esibizioni degli allievi di Dap Festival che venerdì 9 a partire dalle 21.30 saliranno sul palco allestito nel magico scenario del Chiostro di Sant’Agostino in centro storico. Alcuni dei quali – e nello specifico i danzatori della Nordic Dance Ensemble giunti fin qua dalla Danimarca – alle 20.45 sul sagrato del Duomo di San Martino improvviseranno un’invasione gratuita per la gioia dei presenti. Ad accompagnare le ballerine che indossano preziosi copricapo realizzati dall’artigiano fiorentino Duccio Mazzanti, un giovanissimo pianista, Enea Meli che stupirà i presenti replicando l’esibizione completa anche nel Chiostro.

“Colleges of the Globe” è il titolo che chiama a raccolta una quarantina di professionisti in divenire giunti nella Piccola Atene della Versilia da tutto il mondo ad affinare la loro tecnica guidati da insegnanti del calibro del danese Sebastian Kloborg, la russa Maria Kochetkova, l’israeliana Orly Portal, la brasiliana Fatima Cerqueira solo per fare qualche nome. Tredici, dicevamo le coreografie coordinate da Angelica Stella, l’assistente artistica di Dap Festival. Tra le scuole in programma, oltre alla già citata Nordic Dance Ensemble, la svedese Compasion Dance Company di Kristine Westman a cui viene affidato il compito di chiudere la serata con “Survival” che come la maggioranza di queste danze racconta la necessità di tornare ad aprirsi dopo il recente e sofferto periodo di chiusura. A loro si uniscono la norvegese Spinae Company diretta da Magdalena From Delis, la Royal Danish Ballet School coreografata da Marius Petipa, la Momo Dance School di Mariangela Ghilarducci, Danz’arte Versilia di Alessandra Ricci, la Marcelline Studio Danza di Genova per Ekaterina Desniskaja, la Candies Academy da Cremona con le coreografie di Francesco Smaniotto. 

Info: www.dapfestival.com

Lascia un commento