Utopia del Buongusto: “Caro amico ti scrivo” a Casale Marittimo (il 30 agosto), “Don Chisciotte” a Ponsacco (il 31) e “Blocco 3” a Montecastello (il 1° settembre)

Pisa, Teatro e Danza

Settimana intensa per il festival teatral – gastronomico “Utopia del Buongusto” che in provincia di Pisa, da giovedì 30 agosto a sabato 1° settembre 2018, presenta tre spettacoli tutti in fila. Tra teatro e musica con un tributo a Lucio Dalla, una tragicommedia dell’arte intorno a Don Chisciotte e il teatro comico di Fabrizio Brandi.

Si parte giovedì 30 agosto dalla Piazza del Popolo di Casale Marittimo, dove La Macchina del Tuono presenta “Caro amico ti scrivo”, tributo tra teatro e musica a Lucio Dalla. Con Fabrizio Checcacci (voce), Federico Sagona (pianoforte) e Cosimo Zannelli (chitarra).

Tributo Dalla – CheccacciUna serata omaggio ad uno dei più grandi autori della musica italiana, scomparso prematuramente, nel pieno della sua attività artistica. Dalle pagine della prima parte di carriera alle grandi collaborazioni con De Gregori e Stadio, fino ai grandi successi degli anni 80, una carrellata tra i classici come “4 marzo 43” o “Piazza grande”, di un autore sempre originale, controcorrente e geniale nei testi come nelle melodie. Fabrizio Checcacci, cantante del gruppo, ha avuto la fortuna di collaborare lungamente con Dalla in due spettacoli teatrali di successo come Tosca e Beggar’s Opera, quindi fuori dal mondo del pop italiano, nella dimensione che più stimolava l’autore bolognese negli ultimi anni: il teatro. Proprio legati a questo aspetto, gli artisti ripropongono non solo i grandi classici ripresi da live storici come Banana Republic e Dallamericaruso, ma anche qualche “chicca” da appassionati, in omaggio ad un modo sempre ironico e intelligente che Lucio Dalla aveva di porsi al suo pubblico. Una serata all’insegna della grande musica italiana e del teatro, con un connubio tra la musica, e i tanti aneddoti che verranno raccontati .
Eccezionalmente lo spettacolo è ad ingresso gratuito. Cena alle 20,00 presso i ristoranti: La Pergola, Dosaggio zero, Taverna Via di Mezzo, L’impronta ad euro 15,00. Da non perdere le meravigliose vie del “Castello”, come ancora oggi viene chiamato il centro storico di Casale.

Venerdì 31 agosto nel giardino del circolo La Rinascita a Ponsacco, Stivalaccio Teatro presenta “Don Chisciotte”, tragicommedia dell’arte di Carlo Boso e Marco Zoppello per la regia e interpretazione di Marco Zoppello e Michele Mori.

Don ChisciotteGiulio Pasquali, padovano, in arte Pantalone e Girolamo Salimbeni, fiorentino, in arte Piombino, sono due attori della celebre compagnia dei Comici Gelosi, attiva e applaudita in tutta Europa tra il 16° e 17° secolo. Sono vivi per miracolo. Salgono sul palco per raccontare di come sono sfuggiti dalla forca grazie a Don Chisciotte, a Sancho Panza ma soprattutto grazie al pubblico. A partire dall’ultimo desiderio dei condannati a morte prendono il via le avventure di una delle coppie comiche più famose della storia della letteratura, filtrate dall’estro dei due saltimbanco che arrancano nel tentativo di procrastinare l’esecuzione, tra mulini a vento ed eserciti di pecore. E se non rammentano la storia alla perfezione, beh, poco importa, si improvvisa sul tema dell’amore e della fame. Stivalaccio Teatro è probabilmente la compagnia Teatrale che più sta stupendo l’Italia con attori straordinari ed una comicità unica in assoluto. Una delle perle di Utopia 2018. Uno spettacolo sul pubblico, per il pubblico e con il pubblico, perché è quest’ultimo che avrà il compito di salvare i due attori dalla morte…e di salvare il teatro.
Serata a cura del Circolo Arci La rinascita. Cena alle 20,00 presso il ristorante Da Ciro. Da non perdere un pomeriggio nella meravigliosa tenuta di Camugliano.

Sabato 1° settembre nella piazzetta della Chiesa di Montecastello, frazione di Pontedera, la Compagnia Brandi/Niccolini/Aldorasi presenta “Blocco 3”. Di Fabrizio Brandi e Francesco Niccolini, con Fabrizio Brandi (nella foto di scena sopra il titolo) che cura anche la regia insieme a Francesco Niccolini e Roberto Aldorasi.
C’era una volta a Livorno, Mario Nesi, di anni undici, nato al Blocco 3, nel popolare e mitico rione della Guglia fra gli anni ’70 e ‘80. Il Blocco 3 è l’edificio che lo vede crescere, all’ombra del suo cortile e di una affollata e picaresca umanità, fra compagni di giochi esuberanti, e vicini di casa molto vicini. Mario, sotto l’ala protettiva del padre, un tipico comunista d’acciaio di quei tempi, sviluppa i primi germi di ribellione umoristica. La voglia di crescere ed emanciparsi, non tarderà a portare le prime trasgressioni e le prime esperienze amorose. L’ironia di Mario forgia il suo personaggio in un ritmo allegro.  Blocco 3 è il terzo palazzaccio di una serie di edifici di sicurezza, voluti dal regime fascista a scopo contenitivo per i sovversivi e architettonicamente commemorativo del tiranno (dall’alto si legge una scritta minacciosa come ricorda sempre a tutti il partigiano Oreste). È il centro di un mondo scomposto e ricomposto in un prisma che rifrange la memoria da diverse angolazioni. La narrazione tratteggia con disinvoltura uno spaccato caleidoscopico della profonda umanità che vi si affolla e affianca Mario nel suo mestiere di crescere e di vivere. Fabrizio Brandi ha lavorato con Paolo Migone, Paolo Virzì, Roan Johnson e Diego Abatantuono ed è uno degli attori più interessanti del panorama toscano.
Cena in luogo alle 20,00. Da non perdere una passeggiata nell’incantevole percorso naturalistico che porta da Montecastello a Treggiaia.

Informazioni e prenotazioni al 3280625881-3203667354. Programma completo su www.guasconeteatro.it. Utopia del Buongusto è un progetto realizzato da Guascone Teatro.

 

Lascia un commento