Omaggio a Mozart in Santa Croce con la Messa di Requiem

Firenze, Focus

Si svolgerà quest’anno nella Basilica di Santa Croce di Firenze l’Omaggio a Mozart dell’Orchestra da Camera Fiorentina e del Coro Harmonia Cantata, nell’anniversario della morte del grande compositore austriaco, lunedì 5 dicembre 2016, alle ore 21.

Un cambio di cornice – dopo Palazzo Vecchio e la Basilica di San Lorenzo – resosi necessario alla luce delle affollatissime ultime, edizioni, con centinaia di appassionati costretti ad ascoltare dall’esterno la celebre “Messa di Requiem”, al centro del concerto. La serata è a ingresso gratuito, ma più che gradite saranno le offerte a sostegno delle popolazioni del Centro Italia colpite dal recente terremoto.giuseppe-lanzetta

L’Orchestra da Camera Fiorentina sarà diretta da Giuseppe Lanzetta (nella foto a sinistra, nella foto grande in alto è l’Orchestra da Camera Fiorentina), mentre a Raffaele Puccianti spetterà il compito di condurre il Coro Harmonia Cantata. Voci soliste il soprano Sabrina Bessi, il contralto Patrizia Scivoletto, il tenore Giampaolo Franconi e il basso Diego Colli. Opera incompiuta – a completarla fu l’amico e collega Franz Xaver Süssmayr – la Messa di Requiem rappresenta il confronto dell’uomo con una delle sue più grandi angosce, la morte. In un canto che si eleva al cielo, si fondono – e si scontrano – così l’immagine della perdita con la potenza magnanima di Dio.

Dal punto di vista musicale, il Requiem segna il punto d’incontro tra tradizione musicale religiosa, senso teatrale melodrammatico e brani d’ispirazione classicheggiante. Una serie di testimonianze coeve concordano sul fatto che Mozart fosse in qualche modo consapevole di lavorare alla propria messa funebre. Mozart si spense a Vienna il 5 dicembre 1791. Quella del 5 dicembre è una iniziativa nell’ambito della Festa della Toscana promossa da Regione Toscana, con il sostegno di Mibact, Comune di Firenze, Città Metropolitana di Firenze, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e Chianti Banca. www.orchestrafiorentina.it

Lascia un commento