Il verde, la mobilità sostenibile, la social-agorà, i centri commerciali naturali, il turismo dei matrimoni… sindaco e giunta del Comune di Rosignano fanno progetti per il prossimo futuro

Focus, Livorno

Sei mesi alla guida del Comune e prima conferenza stampa di fine anno nella sala polivalente del centro culturale Le Creste a Rosignano Solvay. Un momento per fare il punto della situazione e guardare al 2020, l’anno che sta per arrivare. Il sindaco di Rosignano Marittimo, Daniele Donati, e la sua giunta, hanno così tracciato un breve excursus sulle cose fatte finora, alcune in continuazione con la precedente amministrazione (quando Donati era vicesindaco e Licia Montagnani era assessore, mentre oggi è anche vicesindaco). “Nel corso dei primi sei mesi di mandato – ha esordito Donati – abbiamo incontrato i cittadini, le associazioni… perché è vero che è l’amministrazione che deve decidere, ma vuole farlo ascoltando le persone”. Per questo, proprio per essere più vicino ai territori, è stato scelto di fare alcune riunioni di giunta a Castelnuovo e Nibbiaia, fuori cioè dalla sede naturale del Municipio che si trova al Castello di Rosignano Marittimo. Quindi il contatto diretto sfocia nei “percorsi di partecipazione” (come sta avvenendo per il piano strutturale). Un metodo di lavoro importante scelto dall’amministrazione insediatasi prima dell’estate 2019. (Sopra il titolo: sindaco e giuta durante la conferenza stampa alle Creste).

Per punti, che sono stati poi approfonditi dagli assessori del settore, il sindaco ha fatto un excursus generale, parlando del percorso aperto sul fronte del turismo, di quello (già accennato) sul piano strutturale che è uno strumento di programmazione del territorio dal quale deve venire fuori ‘un’idea di città’ sulla quale lavorare. Ha parlato di ambiente (ricordando ad esempio le ordinanze anti-plastica e anti-fumo, la raccolta differenziata), del progetto Comune Vicino, della necessità di interventi sull’impiantistica sportiva (analizzando anche le nuove necessità), del percorso sulle attività commerciali e agricole, sulle manutenzioni che è uno dei grandi temi da affrontare (per quanto riguarda il verde, l’asfaltatura delle strade, il rifacimento dei marciapiedi), della riorganizzazione complessiva dell’ente-Comune alla luce di pensionamenti e mobilità.

Nell’ordine sono quindi intervenuti gli assessori Giovanni Bracci (manutenzioni, decoro e sostenibilità urbana, mobilità, protezione civile, lavori pubblici); Alice Prinetti (affari generali, attività economiche, politiche venatorie, tutela degli animali, patrimonio); Ilaria Ribechini (bilancio, personale, società partecipate); Licia Montagnani (vice-sindaco, politiche culturali, turismo, eventi, promozione del territorio); Vincenzo Brogi (programmazione del territorio, demanio, infrastrutture, tutela ambientale e parchi); Cecilia Peccianti (politiche educative e sportive, politiche sociali ed inclusive, politiche abitative); Beniamino Franceschini (attuazione del programma, strumenti di partecipazione, innovazione e semplificazione, pari opportunità e politiche giovanili). Ciascuno di loro ha fornito alcuni focus su argomenti di rilevanza per il territorio del Comune di Rosignano: mobilità sostenibile (incarico all’Università di Pisa per uno studio sull’implementazione del bus in rapporto alla sosta con progetto di info-mobilità in tempo reale per la frazione di Castiglioncello; idea progettuale del bike sharing lungo la costa dalla Mazzanta alla Stazione di Castiglioncello indicata come hub nell’ambito della Ciclovia del Tirreno); impegno delle manutenzioni per risolvere criticità sul territorio (1,2 milioni per le asfaltature delle strade, 300mila euro per i marciapiedi, 300mila per la potatura e messa in sicurezza di alberi ad alto fusto, piantumazione di nuovi alberi in accordo con Scapigliato, interventi sulla Pineta di Castiglioncello), riperimetrazione del centri commerciali naturali (connessione fra commercio e agricoltura, la social-agorà in piazza della Repubblica che deve diventare il nuovo centro vivo di Rosignano Solvay), nascita del distretto socio-sanitario, piano strutturale, Comune Vicino, Commissione pari opportunità (regolamento approvato il 19 dicembre 2019). Da parte sua l’assessore al bilancio Ribechini ha fornito una serie di cifre relative anche al recupero dell’evasione (Imu e Tari, più 500mila euro rispetto alle attese) e alle uscite del personale per pensionamento e mobilità, con la deliberazione di 23 nuove assunzioni attraverso concorsi (che cominceranno alla metà di gennaio).

Licia Montagnani, in qualità di assessore alle politiche del turismo e cultura, ha posto con forza l’accento sul consolidamento del percorso di ambito (Costa degli Etruschi, che include 15 Comuni) che ha grosse potenzialità a livello promozionale e progettuale. Anche per quest’anno ci sono finanziamenti della Regione per progetti promozionali di alto livello. Dai video al cartaceo, tutti insieme, ma anche con la possibilità – per ogni singolo comune – di poter procedere anche individualmente su alcuni aspetti specifici. L’assessore Montagnani ha quindi parlato del video, presentato recentemente al Teatro Solvay di Rosignano, che è stato realizzato da alcuni videomaker che sono andati alla scoperta del territorio. Visto quindi con occhi diversi da chi ci è nato e ci abita. Il  video è stato realizzato in tre formati (da proiettare nelle fiere di settore, ma anche come brevi trailer per le sale cinematografiche), capace di evocare forti emozioni. Non è mancato un focus sul wedding, ovvero il turismo dei matrimoni  che si sta rivelando molto importante per il territorio, portando nuovo lavoro. Si è parlato dei nuovi eventi (come Tre Civette sul Comò a Rosignano Marittimo), della crescita di Foodies a Castiglioncello (che la prossima primavera si chiamerà Foodies Evolution, con il ritorno dello street food a Portovecchio, e con il Castello Pasquini di nuovo disponibile dopo la prima tranche di lavori in fase di completamento), del progetto inOpera che coinvolge le scuole (quest’anno a partire dall’asilo nido), e di altri eventi in preparazione sul fronte culturale che – per scaramanzia – saranno annunciati appena conclusi i percorsi di valutazione. (elisabetta arrighi)           

Lascia un commento