I Medici e le vie dei Medici, dieci itinerari in Toscana per promuovere l’arte, la storia e i paesaggi. Il numero 8, che va da Livorno a San Vincenzo seguendo la vecchia via dei Cavalleggeri, evidenzierà la linea difensiva sul mare. L’intervento di Licia Montagnani, vicesindaco di Rosignano

Il Comune di Rosignano – insieme ad altri Comuni della fascia costiera – sarà tra i protagonisti di uno degli itinerari del progetto “I Medici e le Vie dei Medici” realizzato dalla Regione Toscana per promuovere l’arte, la storia e i paesaggi del nostro territorio. (Nella foto: la torre di Calafuria).

Si tratta di una serie di percorsi, 10 per la precisione, che abbracciano tutta la Regione e che propongono itinerari volti a valorizzare e promuovere uno dei periodi più importanti per l’evoluzione storica del nostro territorio. Uno di questi itinerari, il numero 8, sarà dedicato a Livorno e alla sua costa e percorrerà la vecchia via dei Cavalleggeri quella che mette in collegamento tutte le località marittime da Livorno fino a San Vincenzo e che in passato serviva come linea difensiva sul mare. L’incontro per discutere e presentare le caratteristiche dei territori coinvolti si è svolto sulla pagina Facebook Maremma In Diretta. Al dibattito, che condotto da Carlo Sestini, hanno partecipato la vicesindaco di Rosignano Marittimo, Licia Montagnani, e la direttrice del Museo Archegologico Edina Regoli. Insieme a loro anche Patrizia Vezzosi, Rocco Garufo, Gaetano Greco, Marco Gemignani, Alessandro Morciano, Fabrizio Ottone, Francesca Sorrentino, Don Luca e Bernardo Giustarini.
“Ci è sembrato importante partecipare a questo progetto – spiega la vicesindaco Montagnani – che si inserisce in un percorso di valorizzazione culturale e turistica del nostro territorio, proponendo itinerari e conoscenze storiche legate alla presenza dei Medici nel nostro Comune. Spero che questo progetto possa proseguire in una condivisione totale con l’Ambito Turistico Costa degli Etruschi, per diventare un’ulteriore attrattiva che attraverso la cultura faccia crescere le presenze turistiche dei nostri territori”.

Lascia un commento