CORONAVIRUS. Bando di Invitalia per accedere al rimborso delle spese sostenute dalle aziende per i dispositivi individuali di protezione

Focus

Invitalia, l’agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, ha aperto un bando per l’accesso al rimborso delle spese sostenute dalle imprese per l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale (Dpi) per contrastare la diffusione del Covid-19. Il bando si chiama “Impresa Sicura” e complessivamente mette a disposizione 50milioni di euro, comprensivi degli oneri di gestione, che potranno eventualmente essere incrementati con successivi provvedimenti legislativi o amministrativi. Possono partecipare al bando tutte le imprese italiane, di qualsiasi dimensione e settore, che siano regolarmente iscritte nel Registro delle Imprese; che abbiano sede principale o secondaria sul territorio nazionale; che siano nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non in liquidazione volontaria e non sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatoria.

  • Il Bando di Invitalia consente alle aziende di ottenere il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale, finalizzati al contenimento e al contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19. E dunque: mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3; guanti in lattice, in vinile e in nitrile; dispositivi per la protezione oculare; indumenti di protezione, come tute o camici; calzari o isovrascarpe; cuffie o i copri capi; dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;  detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici. 

I Dpi acquistati per essere rimborsati devono avere caratteristiche tecniche che rispettino i requisiti di sicurezza in vigore. Il rimborso è concesso fino al 100% delle spese ammissibili e fino ad esaurimento della dotazione finanziaria disponibile. L’importo massimo rimborsabile è di 500 euro per ciascun addetto dell’impresa, a cui sono destinati i Dpi, e fino a un massimo di 150mila euro a impresa. L’importo minimo rimborsabile è di 500 euro.

Le imprese interessate possono inviare la domanda per prenotare il rimborso dall’11 al 18 maggio 2020, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, attraverso uno sportello informatico dedicato. In seguito Invitalia pubblicherà l’elenco di tutte le imprese che hanno inoltrato la prenotazione, in ordine cronologico, dando comunicazione delle prenotazioni ammesse a presentare la domanda di rimborso e quelle che invece sono risultate non idonee.

Le imprese ammesse, potranno compilare la domanda di rimborso dalle ore 10.00 del 26 maggio 2020 fino alle ore 17.00 dell’11 giugno 2020 attraverso la procedura informatica che sarà attivata sul sito web dell’Agenzia.

Per ulteriori informazioni consultare il sito https://www.invitalia.it/ alla sezione “Impresa Sicura”.

Lascia un commento