Villa Trossi, tre tenori per il centenario della morte di Enrico Caruso. Sul palco (la sera del 31 luglio) Leonard Sgroi, Vladimir Reutov e Simone Nicola Mugnaini. Aneddoti biografici a cura di Franco Bocci

Sabato 31 luglio 2021 alle ore 21,30, nella ricorrenza del centenario del più grande tenore di tutti i tempi un concerto tributo con tre eccellenti tenori per tenere alta la tradizione canora di Enrico Caruso (foto sopra il titolo).

Sul palco di Villa Trossi (Ardenza Mare – Livorno) le più appassionate e famose canzoni lasciate nella magnifica eredità del mitico Caruso saranno eseguite da Leonardo Sgroi, Vladimir Reutov e Simone Nicola Mugnaini.
Una serata unica ricca di pathos ed emozioni musicali, arricchita anche da aneddoti biografici a cura di Franco Bocci.
Il tenore napoletano nella sua breve ma intensissima vita (1873-1921) si esibì in tutti i più famosi teatri del mondo e fu il primo artista nella storia a vendere più di un milione di dischi. Grande interprete delle opere di Mascagni dirette da Arturo Toscanini, Caruso fu molto legato alle nostre terre toscane. A Lastra a Signa è visitabile la Villa rinascimentale di Bellosguardo che,  acquistata dal tenore nel 1906, ospita il Museo Enrico Caruso dove sono esposti suoi cimeli e oggetti quotidiani. Quando nel 1897 venne chiamato a Livorno per cantare ne La Bohème durante la stagione estiva teatrale, Caruso conobbe il soprano Ada Botti Giachetti, sposata e madre di un bambino. Con lei ebbe una relazione che durò undici anni, da cui nasceranno due figli. La fine della loro storia fu molto turbolenta e dai risvolti degni di un’opera tragica che scoprirete durante la serata a Villa Trossi.
Prenotazioni anche whatsapp al 338 5081221
ingresso 10 euro
inizio spettacolo ore 21,30
La biglietteria apre un’ora prima.

Lascia un commento