L’Orchestra Giovanile di Arezzo diretta da Roberto Pasquini chiude con “Vivaldiana” la stagione classica a Terranuova Bracciolini

Arezzo, Firenze, Musica

Con un repertorio completamente dedicato al genio di Antonio Vivaldi, sarà “Vivaldiana”, il concerto interpretato dall’Orchestra Giovanile di Arezzo diretta dal Maestro Roberto Pasquini, che chiuderà gli appuntamenti della stagione di classica, giovedì 18 aprile 2019 alle 21.15, all’Auditorium Le Fornaci di Terranuova Bracciolini (via Vittorio Veneto, 19, AR).  L’evento, che vedrà sul palco anche il Coro Voceincanto diretto dal Maestro Gianna Ghiori, la soprano Caterina Stefanelli e il mezzosoprano Elisabetta Ricci, fa parte della Stagione di musica classica Musica in Scena, che propone appuntamenti con i grandi nomi del panorama concertistico internazionale insieme a importanti realtà del territorio a cura dell’Associazione Musicisti Aretini. 

 “La Stagione Internazionale di Musica Classica di quest’anno – dice l’organizzatore Roberto Pasquini – si chiude con un grande concerto; siamo onorati di poter ospitare le migliori forze giovanili della provincia di Arezzo quali l’Orchestra Giovanile di Arezzo e il Coro Voceincanto: sono due realtà che operano e collaborano da anni al servizio dei giovani e per la loro crescita umana e culturale, che sono due valori imprescindibili perché la nostra società costruisca un futuro migliore esattamente come sosteneva Aristotele più di 2000 anni fa.

Questa conclusione di Musica in Scena conferma i due cardini fondamentali su cui si è basata la nostra programmazione: la presenza di star di assoluto valore mondiale e la valorizzazione delle migliori professionalità del territorio. Il connubio e l’incontro tra queste due realtà è un seme capace di fecondare al meglio il futuro musicale e culturale di Terranuova.”

In apertura di serata saranno eseguiti i due celebri concerti “La tempesta di mare” e “La notte”, nell’interpretazione del flautista e direttore Roberto Pasquini con l’Orchestra Giovanile di Arezzo. 

Al centro del concerto ci sarà il capolavoro del “Prete rosso” (Vivaldi veniva così soprannominato per la il colore dei suoi capelli) il “Gloria per soli, coro e orchestra in re maggiore RV 589”, brano dalle armonie immortali e che celebrerà degnamente la chiusura del Festival in occasione delle festività pasquali.

Il lavoro fu composto da Vivaldi quale maestro di coro “all’Ospedale della Pietà di Venezia”, ospizio per orfane che venivano istruite alla musica dal maestro e a cui lui dedicava tutte le composizioni. Verrà pertanto restituito nelle intenzioni originali dell’autore all’esecuzione del coro interamente femminile del Voceincanto con soliste la soprano Caterina Stefanelli e il mezzosoprano Elisabetta Ricci.

Il Gloria RV 589 è senz’altro una delle pagine più avvincenti e conosciute del musicista veneziano: Il testo è organizzato in 12 sezioni che si alternano in una varietà di forme, di tempi, di ritmi, di tonalità e di organico: brani solistici nello stile dell’aria, strumenti concertanti, cori omofonici, contrappunti, ritornelli nello stile del Concerto. L’unitarietà del lavoro viene garantito dalla ripresa, nel penultimo movimento, dello stesso tema iniziale in una sorta di circolarità strutturale.

Ingresso: 10€ intero, 7€ ridotto. Per gli iscritti alla Scuola di Musica Poggio Bracciolini 7€ genitori, 1€ bambini.

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.lefornaci.org 

Lascia un commento