CORONAVIRUS. Riapre il 18 maggio il Centro di raccolta rifiuti di Venturina. Le norme di sicurezza anti-contagio

Livorno

Riaprirà da lunedì 18 maggio 2020 il Centro di Raccolta dei rifiuti di via Sardegna a Venturina Terme, dopo la sospensione adottata nella prima fase dell’emergenza sanitaria. La riapertura è stata richiesta dal Comune di Campiglia Marittima al gestore, Sei Toscana,  in virtù della facoltà data ai comuni dall’ordinanza 51 del 04.05.2020 del Presidente Regione Toscana. Il Centro avrà nuovi giorni e orari  definiti dall’Amministrazione comunale sulla base di una precisa scelta organizzativa allo scopo di evitare e limitare gli abbandoni che anche in questo periodo si sono verificati, procurando, oltre al danno al decoro urbano e all’ambiente, un aggravio di spesa per tutti i cittadini.  Il Cdr di via Sardegna dal 18 maggio sarà quindi aperto il lunedì, mercoledì, venerdì, sabato mattina dalle 7:30 alle 13:30 e la domenica mattina dalle 7:30 alle 12:30,  nel pomeriggio il martedì e giovedì dalle 15:00 alle 19:00.

 “L’orario è più flessibile rispetto a prima – dichiara  l’assessora all’ambiente Elena Fossi – e prevede l’apertura anche domenicale che rappresenta un segno di civiltà e di modernità, soprattutto in considerazione del fatto che sono molte le persone che dedicano il fine settimana alla sistemazione della casa e in tal modo hanno la possibilità di conferire comodamente rifiuti e ciò di cui devono disfarsi. Mi preme anche ricordare che non si è mai fermato e prosegue il servizio gratuito di ritiro dei materiali ingombranti a domicilio accessibile chiamando il numero verde di Sei” . 

Sei Toscana, appena ricevuta la richiesta dal Comune, si è immediatamente organizzata per la riapertura ed ha comunicato di aver attivato tutte le operazioni di pulizia e sanificazione per garantire l’accesso in sicurezza da parte degli utenti. “Con l’occasione- afferma Fossi – l’Amministrazione comunale rivolge anche un ringraziamento sentito a Sei Toscana che durante tutto il periodo ‘Covid’ ha continuato i propri servizi con le medesime cadenze di prima ed ha provveduto alla sanificazione dei cassonetti sulla base di quanto indicato dal ministero, attraverso il lavoro degli operatori ecologici  che rientrano tra i lavoratori in prima linea di questa pandemia”. “Il forte e consolidato rapporto con Sei Toscana ci ha consentito anche in questa evenienza di gestire al meglio la raccolta dei rifiuti anche se, purtroppo – aggiunge e chiude  l’assessora all’ambiente – contro l’incivilità ben poco si può fare, ma lotteremo anche per questo con tutti i mezzi possibili”.

Le regole d’accesso al Centro di raccolta

Per l’accesso e il conferimento dei rifiuti, agli utenti è richiesto di rispettare alcune regole per il contrasto del contagio: Per velocizzare le operazioni di conferimento , è opportuno che, all’arrivo,i rifiuti siano ordinati secondo la tipologia per agevolare e sveltire le operazioni di identificazione, pesatura e scarico. L’accesso al centro è consentito ad un solo veicolo per volta, l’utente attende il proprio turno di ingresso all’esterno della struttura e senza scendere dal proprio veicolo. All’interno del Cdr è obbligatorio indossare mascherina e guanti. Una volta autorizzati ad entrare dell’operatore Sei, sempre  rimanendo a bordo del veicolo, si seguono le indicazioni dell’operatore (comunicare le generalità o fornire la tessera di identificazione, dichiarate le tipologie di rifiuto e la quantità approssimativa). Nel caso in cui l’attesa fosse prolungata con il rischio di creare impedimento alla circolazione stradale,  gli utenti sono invitati a rinviare ad un altro momento il conferimento, fermo restando che è assolutamente vietato abbandonare ogni tipo di rifiuto fuori dal Centro di raccolta.

Lascia un commento