BANDIERE BLU 2021. Riconferme per Castiglioncello, Vada e Bibbona. Il porto Marina Cala de’ Medici conquista l’11° titolo “Approdi Bandiere Blu”

Assegnate le Bandiere Blu 2021. Ecco le note dei Comuni di Rosignano Marittimo e Bibbona, che hanno avuto riconfermato il riconoscimento.

ROSIGNANO PER CASTIGLIONCELLO, VADA E IL PORTO MARINA CALA DE’ MEDICI

Il Comune di Rosignano Marittimo si conferma Bandiera Blu anche per la stagione estiva 2021. La cerimonia della consegna dei riconoscimenti nazionali si è svolta in videoconferenza sul gruppo Facebook “Conferenza Bandiera Blu 2021” e il  territorio anche quest’anno ha ricevuto tre Bandiere Blu: per Castiglioncello si tratta della 26ª Bandiera Blu, per Vada della 24ª e per il Porto Marina Cala de’ Medici è l’11° titolo Approdi Bandiere Blu.

“In un anno in cui la situazione pandemica – spiega con soddisfazione Licia Montagnani, vicesindaco e assessore al Turismo – ha ancora di più spostato l’attenzione della scelta dei turisti sui luoghi dove la sostenibilità ambientale è curata e coltivata, è ancora più importante aver ottenuto questo riconoscimento per Vada, Castiglioncello e il Porto Turistico Marina Cala de’ Medici. La conferma per i nostri luoghi, 26’ a Castiglioncello, 24’ a Vada e 11’ al Porto, è sinonimo di un lavoro costante dei nostri operatori balneari in sinergia con le politiche amministrative che sarà perseguito nei prossimi anni con ancora maggior impegno. La Bandiera Blu al Comune di Rosignano Marittimo si aggiunge alle conferme ottenute dagli altri Comuni dell’Ambito Costa degli Etruschi, un dato particolarmente importante per la promozione dei nostri territori

BIBBONA, DICIANNOVESIMA RICONFERMA

E’ stata confermata anche per il 2021 l’assegnazione della ‘Bandiera blu’ a Marina di Bibbona: un riconoscimento dedicato alla gestione eco-sostenibile dei litorali, che ormai da 19 anni viene assegnato alle spiagge della località.

Un marchio Ecolabel assegnato dalla F.E.E. – Foundation for Environmental Education – una fondazione no-profit indipendente che si occupa di promozione dell’educazione ambientale e che, per il rilascio della bandiera, utilizza una serie di indicatori e rigidi criteri relativi allo sviluppo sostenibile del territorio ed in particolare della località balneare, quali il controllo della qualità delle acque, la gestione del patrimonio naturale, la sicurezza della balneazione, la pulizia della spiaggia, la facile accessibilità e servizi per persone diversamente abili, la gestione dei rifiuti, la depurazione delle acque fognarie e l’effettuazione di campagne di informazione e di educazione ambientale.

Sono ben 32 i criteri di valutazione del programma, aggiornati periodicamente, che bisogna soddisfare.

Quest’anno sono 201 i Comuni che hanno ottenuto il riconoscimento, sei in più rispetto al 2020: il turista che sceglie una spiaggia bandiera blu, ha la certezza che potrà trascorrere le vacanze in una località dove l’ambiente è rispettato, mentre per i residenti rappresenta l’impegno della propria Amministrazione ad intraprendere azioni per uno sviluppo del territorio compatibile con l’ambiente.

 

Lascia un commento