Il cordoglio del Comunale di Bologna per la scomparsa di Stefano Mazzonis di Pralafera, già sovrintendente (dal 2002 al 2006) del teatro felsineo

Il Teatro Comunale di Bologna esprime il suo più profondo cordoglio per la scomparsa di Stefano Mazzonis di Pralafera (sopra il titolo, ph. Primo Gnani), già Sovrintendente del teatro felsineo dal 2002 al 2006, avvenuta a Liegi dove lavorava come direttore artistico e sovrintendente dell’Opéra Royal de Wallonie dal 2007.

Lavoratore instancabile, durante il suo incarico a Bologna ha dedicato grande attenzione non solo alla produzione in teatro e alla collaborazione con prestigiose realtà musicali regionali e nazionali, ma anche alla presenza del Teatro Comunale nel mondo, attraverso tournée come quella in Corea del Sud nel 2004 e quelle in Giappone e in Finlandia al Savonlinna Opera Festival, entrambe nel 2006.

Tra le opere che sono state rappresentate nella Sala Bibiena sotto la sua guida si ricordano il Lohengrin di Wagner con la regia di Daniele Abbado – con il quale ha inaugurato la sua prima stagione 2002/2003 – le verdiane I Masnadieri con la regia di Elijah Moshinsky (2003), Macbeth con la regia e le coreografie di Micha Van Hoecke e La traviata firmata da Irina Brook (2005) o ancora Il barbiere di Siviglia di Rossini (2006), con la regia di Luca Ronconi e le scene di Gae Aulenti, tutti titoli interpretati dall’allora Direttore musicale Daniele Gatti. E ancora il Giulio Cesare di Haendel diretto da Rinaldo Alessandrini e firmato da Ronconi nel 2003, nell’anno successivo il Werther di Massenet con la regia di Liliana Cavani e diretto da Yves Abel e l’Andrea Chénier di Giordano con regia, scene e costumi di Giancarlo Del Monaco e Renato Palumbo sul podio, e nel 2005 Il trovatore di Verdi con la regia di Paul Curran diretto da Carlo Rizzi.

Oltre agli incarichi come direttore artistico e sovrintendente presso importanti istituzioni musicali, Stefano Mazzonis di Pralafera era noto come regista e scenografo, firmando allestimenti per teatri e festival italiani ed europei, e aveva collaborato con la Rai creando e presentando programmi musicali radiofonici e televisivi.

Lascia un commento