wally2

Al Teatro del Giglio torna “La Wally” di Alfredo Catalani: a interpretarla sarà Serena Farnocchia. L’opera manca da Lucca da 25 anni

Concerti e Lirica

Si avvicina la rappresentazione di “La Wally” di Alfredo Catalani (foto dal sito del Teatro del Giglio). L’appuntamento, in cartellone il 19 e 21 gennaio 2018, è al Teatro del Giglio di Lucca: per questo nei prossimi giorni pubblicheremo sul sito www.toscanaeventinews.it un approfondimento del critico musicale e saggista Fulvio Venturi.

Nel frattempo il Teatro del Giglio ha comunicato che venerdì 19 gennaio alle ore 18, nel ridotto del teatro, il critico musicale Guido Barbieri presenterà l’opera di Catalani, in un incontro con il pubblico a ingresso libero e gratuito (fino a esaurimento posti). L’opera del compositore lucchese, assente dal palcoscenico del Giglio da ben venticinque anni, narra il dramma di Wally, giovane donna tanto vulnerabile quanto volitiva, innamorata del bel cacciatore Giuseppe Hagenbach, figlio del nemico implacabile di suo padre, si consuma tra le impervie montagne dell’alto Tirolo. Al teatro del Giglio, lo spettacolo va in scena venerdì 19 gennaio 2018 alle ore 20.30 e domenica 21 gennaio alle ore 16; mercoledì 17 gennaio alle ore 16 è prevista inoltre un’anteprima dedicata alle scuole.

La stesura de “La Wally”, iniziata nel 1889, fu terminata da Catalani due anni dopo, e la prima rappresentazione si tenne al Teatro alla Scala di Milano il 20 gennaio 1892; nell’autunno dello stesso anno, l’opera fu rappresentata al Teatro del Giglio, città natale del compositore. Al teatro del Giglio, per le due recite in cartellone il 19 e 21 gennaio, il ruolo del titolo sarà interpretato dalla versiliese Serena Farnocchia; con lei, Francesco Facini (Stromminger), Irene Molinari (Afra), Paola Leoci (Walter), Zoran Todorovich (Giuseppe Hagenbach di Sölden), Marcello Rosiello (Vincenzo Gellner dell’Hochstoff) e Graziano Dallavalle (Il Pedone di Schnals). La direzione musicale dell’opera è affidata al Maestro Marco Balderi sul podio dell’Orchestra Filarmonica Pucciniana.

 

Lascia un commento

33 + = 41