Vittorio Sgarbi torna all’Obihall di Firenze (per la quarta volta) con il suo Caravaggio. A S. Croce sull’Arno salta lo show di Cornacchione

Firenze, Pisa, Teatro e Danza

Dopo tre repliche che hanno registrato il tutto esaurito, si aggiunge la quarta e ultima data per vedere il Caravaggio di Vittorio Sgarbi martedì 2 maggio 2017,ore 21, all’Obihall di Firenze. Lo spettacolo, che registra oltre 5mila presenze solo a Firenze, si conferma una delle produzioni rivelazione della stagione. E da novembre è già previsto un nuovo progetto. Vittorio Sgarbi (nella foto sopra il titolo) coinvolge ed ipnotizza il pubblico attraverso una affabulazione intorno al genio tempestoso di Michelangelo Merisi. Caravaggio è uno spettacolo arricchito dalla musica di Valentino Corvino e dalle immagini delle opere più rappresentative del pittore lombardo curate dal visual artist Tommaso Arosio. Grande successo di pubblico per la lettura contemporanea che Sgarbi fa del “pittore della realtà” con cui “la vita diventa arte” e “truffatori, malati e peccatori sono i veri protagonisti delle sue opere”.

“Caravaggio è doppiamente contemporaneo. È contemporaneo perché c’è, perché viviamo contemporaneamente alle sue opere che continuano a vivere; ed è contemporaneo perché la sensibilità del nostro tempo gli ha restituito tutti i significati e l’importanza della sua opera. Non sono stati il Settecento o l’Ottocento a capire Caravaggio, ma il nostro Novecento. Caravaggio – scrive Vittorio Sgarbi – viene riscoperto in un’epoca fortemente improntata ai valori della realtà, del popolo, della lotta di classe. Ogni secolo sceglie i propri artisti. E questo garantisce un’attualizzazione, un’interpretazione di artisti che non sono più del Quattrocento, del Cinquecento e del Seicento ma appartengono al tempo che li capisce, che li interpreta, che li sente contemporanei. Tra questi, nessuno è più vicino a noi, alle nostre paure, ai nostri stupori, alle nostre emozioni, di quanto non sia Caravaggio.”

ANNULLATO SHOW DI CORNACCHIONE A S. CROCE, MA “PRIMO TEMPO” PROSEGUE

Lo spettacolo di Antonio Cornacchione “Cronache sessuali” previsto per venerdì 5 maggio 2017 al Teatro Verdi di Santa Croce sull’Arno, nell’ambito della rassegna Primo tempo, è stato annullato per motivi tecnici indipendenti dall’organizzazione e dalla produzione. Chi ha acquistato il biglietto su circuito box-office può chiedere il rimborso fino al 31 maggio.

Restano invariati il terzo, quarto e quinto appuntamento del cartellone serale di Primo tempo che riguardano le produzioni, dirette da Tommaso Taddei, Carlo Salvador e Maria Teresa Delogu, nate dal laboratorio per giovani ed adulti Achab e il laboratorio teatrale dell’I.T.C. Cattaneo di San Miniato coinvolte nel progetto formativo – produttivo Eroi – just for one day, che mette in relazione sulla scena cittadini di ogni età e professionisti di varie discipline artistiche: mercoledì 10 maggio, martedì 23 maggio e giovedì 15 giugno 2017.

Gli spettacoli inizieranno alle 21.15. Biglietto posto unico 10 euro. Prevendita presso i circuiti regionali box office. Per informazioni e prenotazioni Giallo Mare Minimal Teatro 0571 81629 – info@giallomare.it

Lascia un commento