salone

Museo Marino Marini, ultima settimana di aperture gratuite. Giovanni dal Ponte, visite

Arte, Firenze

MUSEO MARINO MARINI – ultima settimana di aperture gratuite. Fino al 15 gennaio 2017 il Museo Marino Marini di Firenze è aperto al pubblico ad ingresso gratuito. 

Un regalo a Firenze, e un’occasione per cittadini e turisti di conoscere meglio un “luogo unico” nel panorama museale nazionale. Il Museo Marino Marini è un piccolo spaccato della storia dell’arte italiana: l’ex-chiesa di San Pancrazio, un edificio con origini paleocristiane, conserva ancora uno dei più significativi capolavori del Quattrocento, la Cappella Rucellai con il Tempietto del Santo Sepolcro (sopra il titolo una sala del museo e un particolare nella foto  a destra di Dario Lasagni), opera eccelsa di Leon Battista Alberti; e infine la collezione delle opere di Marino Marini, tra i più importanti artisti italiani del Novecento, per ospitare la quale fu ristrutturato dagli architetti Lorenzo Papi e Bruno Sacchi.

MOSTRA GIOVANNI DAL PONTE – GALLERIA DELL’ACCADEMIA. Proseguono alla Galleria dell’Accademia di Firenze le visite guidate gratuite alla mostra Giovanni dal Ponte (1385 – 1437/38). Protagonista dell’umanesimo tardo gotico fiorentino, che si svolgeranno (a partire da questa settimana)  il sabato pomeriggio alle ore 17. La Galleria dell’Accademia offre questa opportunità fino al termine della mostra – previsto il 12 marzo 2017 – affinché i visitatori possano scoprire, con l’ausilio di operatori professionisti, la grandezza del pittore Giovanni dal Ponte in questa prima mostra monografica composta da circa cinquanta opere, alcune concesse da prestigiosi musei esteri.

Finalità principali dell’esposizione sono quelle di favorire una classificazione critica più adeguata di questa forte personalità artistica del primo Quattrocento, che occupò un ruolo non marginale negli sviluppi della pittura fiorentina del primo Rinascimento e di presentarlo al vasto pubblico affinché ne scopra e apprezzi il linguaggio assai individuale ed al tempo stesso estroso, nonché aggiornato sull’attività dei maggiori artisti operanti nel capoluogo toscano nel primo trentennio del XV secolo: da Gherardo Starnina a Lorenzo Monaco e Lorenzo Ghiberti fino a Masaccio, Masolino e Beato Angelico.

Per partecipare ai percorsi guidati gratuiti è necessario presentarsi alle 17 al meeting point, nei pressi della biglietteria muniti di biglietto di ingresso al museo.  Si accettano partecipanti fino a 20 persone.
Consigliata, ma non obbligatoria, la prenotazione che si può effettuare telefonando a Firenze Musei allo 055 294883.

 

Lascia un commento