Vino, formaggi, salumi… le eccellenze italiane raccontate dai giornalisti stranieri

In cantina e in cucina

Far conoscere meglio all’estero quelle realtà, quegli uomini e quelle donne che con le loro storie e il loro operato svelano le tante anime della grande tradizione agroalimentare ed enogastronomica italiana. È questo l’obiettivo del Premio Gruppo del Gusto della Stampa Estera che a Firenze, presso il Cenacolo di Sant’Apollonia, è stato consegnato nel corso di una cerimonia ad hoc.

Dopo la votazione dei soci, il riconoscimento per la categoria “Produzione di particolare valore e significato” è stato assegnato alla Mozzarella di Bufala DOP Barlotti di Paestum. Alla professoressa Laura Di Renzo dell’Università Tor Vergata (Roma) è andato il premio “Divulgatore dell’autenticità italiana”, mentre il Consorzio del Pecorino Romano ha ottenuto il massimo punteggio del 2016 come “Istituzione a difesa dei valori agroalimentari italiani” . Infine, per la Categoria “Ristorante di cucina tradizionale che, da oltre 100 anni, appartenga alla stessa famiglia”, si è aggiudicato  il premio il ristorante Il Falcone di Poggio a Caiano aperto dal 1862.

Nato nel 2002, il “Gruppo del Gusto” è arrivato a contare 118 corrispondenti provenienti da 30 paesi. Lo scopo è quello di facilitare e rendere più organica la copertura giornalistica del settore agroalimentare e far conoscere ai lettori dei propri paesi le sorprendenti realtà agro-enogastronomiche dell’Italia più autentica. Ricordiamo alcune delle produzioni premiate nelle scorse edizioni: i formaggi ovini e caprini d’Abruzzo, la  manna delle Madonie, Giacche’ – il vino dal vitigno etrusco o i fichi bianchi del Cilento. Anche in questa edizione, ad affiancare l’Associazione della Stampa Estera nella realizzazione della cerimonia di premiazione hanno concorso vari partner del mondo enogastronomico e agroalimentare italiano. In primis, i consorzi del Chianti Classico e del Prosciutto Toscano, che con la loro storia hanno divulgato nel mondo le ecenze le eccellenze italiane. Ha accompagnato l’evento anche la mondialmente conosciuta Carpigiani che con le sue macchine e la propria filosofia ha diffuso nel mondo la cultura del gelato; lo storico consorzio del Parmigiano Reggiano e il pastificio Campi di Gragnano, oltre Confederazione Italiana Agricoltori e il marchio del caffè italiano Kimbo.

Lascia un commento