EVENTO ANNULLATO. Villa Bertelli: l’8 gennaio appuntamento con Alfredo Lucifero e i suoi ultimi due libri. Partecipa anche Vittorio Sgarbi

Appuntamento con la storia, l’arte e la letteratura sabato 8 gennaio 2022 alle 18.00 nel Giardino d’Inverno di Villa Bertelli a Forte dei Marmi, dove Alfredo Lucifero, poeta, scrittore e scultore, nipote del Ministro della Real Casa Savoia, Falcone Lucifero presenterà, insieme a Vittorio Sgarbi, i suoi due ultimi libri: Asciano e i miei ricordi di guerra e Oltre la paura entrambi pubblicati da Mondadori Editore.  Interverranno: Lia Bronzi, critico letterario e d’arte, curatrice dei due libri e Carlo Motta, responsabile libri Editoriale Giorgio Mondadori. L’incontro, che rientra nella rassegna L’altra Villa promossa dal Comitato Villa Bertelli, sarà l’occasione per far rivivere attraverso la travolgente personalità di Vittorio Sgarbi, due raffinate opere di Lucifero, già presidente della giuria del premio letterario “Le Muse” di Pisa e attuale Presidente onorario della Camerata dei Poeti di Firenze, che in Asciano rievoca momenti della sua giovinezza, intrecciati con le vicende storiche della Seconda guerra mondiale tra Firenze, Pisa, Asciano e Roma. Ma sono gli eventi accaduti ad Asciano e nella villa di famiglia che l’autore ripropone nel libro, con l’occupazione nazista, la fucilazione di quattro partigiani e l’arrivo degli Americani, stanziatisi in quella casa con il loro quartier generale. I disegni sono di Andrea Schepisi e fotografie dell’Archivio Lucifero. A corredo del volume, alcune poesie di carattere intimistico, due delle quali dedicate dall’autore ai genitori.

In Oltre la paura Lucifero affronta un tema molto comune a tutti gli esseri viventi e mai così attuale come in questo lungo periodo pandemico. La paura affrontata nel libro è certamente fisica, ma anche psicologica quando, come nel caso di alcune poesie, sono le notti insonni a portare con sé il pensiero della morte.  Ingresso libero. Necessari: prenotazione 0584 787251, mascherina Fp2 e green pass rafforzato. 

 

Lascia un commento