3A3A0301

UP&Down con Paolo Ruffini e la Compagnia Mayor Von Frinzius torna in scena in piazza dei Cavalieri a Pisa il 10 settembre

Pisa, Teatro e Danza

A grande richiesta riparte il tour 2019 nei più importanti teatri d’Italia di UP&Down  con PaoloRuffini e gli attori della compagnia Mayor Von Frinzius. L’appuntamento è martedì 10 settembre 2019, a partire dalle 21.30 nella splendida cornice di Piazza dei Cavalieri a Pisa.  

“IL TEATRO, IL CINEMA, L’ARTE, NON SANNO CHE FARSENE DELLA NORMALITÀ. LA VITA STESSA NON CI CHIEDE DI ESSERE NORMALI, LA VITA È UN INNO ALLA DIVERSITÀ: SIAMO TUTTI DIVERSAMENTE NORMALI E UGUALMENTE DIVERSI” 

Il progetto UP&Down nasce nel 2015 dalla collaborazione tra Paolo Ruffini e la compagnia teatrale Mayor Von Frinzius, uno straordinario esempio di teatro integrato composta in prevalenza da attori disabili. Si tratta di un progetto cross-mediale che si realizza su tre espressioni artistiche: una teatrale, una cinematografica e una editoriale.  Il cuore pulsante del progetto è lo spettacolo teatrale, in cui Paolo Ruffini va in scena con alcuni degli attori della compagnia (cinque con Sindrome di Down, uno affetto da autismo e uno in carrozzina). Insieme realizzano uno strepitoso varietà, scorretto e irriverente, che interrompe le liturgie teatrali e spezza i pregiudizi del pubblico, riuscendo ad emozionare, a divertire e a commuovere. 

Debutta nel 2018 con un tour che riscuote grande successo e proprio durante quel periodo vengono realizzate le riprese del documentario dal titolo UP&Down – Un Film Normale che diventa un’indagine sulla normalità e che racconta sul grande schermo proprio questa impresa fuori dal comune. Infine, nel 2019, prima della ripresa del tour, Paolo Ruffini pubblica il libro La sindrome di UP – edito da Mondadori– in cui descrive l’esperienza tracciando un percorso verso la felicità attraverso quanto condiviso con i suoi compagni di viaggio. 

LO SPETTACOLO TEATRALE / Un happening comico, disobbediente e commovente, che ha come filo conduttore le relazioni, tra cui la relazione con le emozioni, con il tempo, con la diversità. Attraverso il filtro dell’ironia si indaga l’abilità e la disabilità alla felicità. Una rappresentazione dai connotati surreali e dagli sviluppi inaspettati con una forte connotazione d’improvvisazione, che interrompe le liturgie teatrali e offre al pubblico una vera e propria esperienza in cui le distanze tra palcoscenico e platea si annullano, e  alla fine attori e spettatori si trovano per condividere un gesto rivoluzionario: un grande abbraccio. Il tour 2018 ha visto andare in scena 50 repliche in 42 teatri, con un totale di 38 sold out e oltre 45mila biglietti venduti.  Per il tour 2019 sono previste 70 repliche in 60 teatri diversi. Per le tappe invernali (dopo una serie di date estive) lo spettacolo tornerà a Milano al Teatro Nuovo, allo storico Teatro Verdi di Firenze e ancora nelle maggiori città italiane.

La regia è firmata da Lamberto Giannini, e sul palco insieme a Paolo Ruffini e agli attori della Compagnia Mayor Von Frinzius, c’è Claudia Campolongo al pianoforte. 

UP&DOWN – UN FILM NORMALE / Dal progetto UP&DOWN è nato un film le cui immagini sono state girate nel corso del tour nei teatri di tutta Italia. Le telecamere hanno rubato i momenti dietro le quinte, le prove, i viaggi, raccontando in modo autentico – e privo difiction – a relazione tra Paolo e i ragazzi.  La pellicola – prodotta da Non c’è Problema, Laser Film, Fenix Entertainment e Agnus Dei Production e distribuita da Fenix Entertainment – nel 2018 ha ricevuto il Premio Kinèo con Miglior Documentario per il Sociale all’interno della 75a Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e una menzione speciale per il sociale sia ai Nastri d’Argento che alla rassegna Alice nella Città – Festa del Cinema di Roma. 

LA SINDROME DI UP – IL LIBRO. Nel libro, edito da Mondadori, Paolo Ruffini descrive La Sindrome di UP come il talento di saper approfittare della felicità, che ha imparato da persone con Sindrome di Down. Racconta la meraviglia che risiede nella fragilità, nella libertà di essere ultimi, nel valore di essere unici, ripercorrendo le tappe del progetto UP&DOWN attraverso una sorta di quaderno degli appunti, con note, riflessioni e interviste ai suoi compagni di viaggio. 

“Essere UP è la condizione che caratterizza maggiormente le persone che hanno la Sindrome di Down. Non so perché, sarà nel DNA, in quel cromosoma in più, ma è così. Per loro è più facile essere felici. Hanno una fiducia, una confidenza con la felicità che a me spesso manca. Forse perché per un’anomalia genetica hanno scoperto tesori inestimabili: la manifestazione dell’affettività, la risata contagiosa, la predisposizione al sorriso, il piacere di stare insieme, la meraviglia per le piccole cose” .

 

Lascia un commento