Un lungo corteo in costume precede i Re Magi con i cammelli: il 5 e 6 gennaio le due giornate clou di “Praesepivm” a Casole d’Elsa

Focus, Siena

“Praesepivm”, dopo le prime quattro giornate di apertura, si svolgerà in Toscana, nel centro storico di Casole D’Elsa (Siena) ancora il 5 e 6 gennaio 2020, giornate clou dedicate all’Epifania. Per queste due date, oltre alla inedita presenza dei cammelli insieme ai Re Magi, ci sarà un lungo corteo in costume con cui i figuranti (circa 300) entreranno in scena partendo proprio dalla sala dei costumi. Questa, per il pubblico, sarà l’occasione per vedere da vicino il lavoro di ricerca e sartoria che sta dietro a tutto il progetto ‘Praesepivm’.

  • Una rappresentazione teatrale non stop all’aria aperta dalle 15,00 alle 19,00 che vede il paese trasformarsi diventando metà palcoscenico e metà dietro le quinte. Con il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Casole D’Elsa. A cura dell’Associazione Casole Eventi.

A due anni di distanza dal suo debutto, ecco la nuova edizione, la 2019, di “Praesepivm”. Con ancora un primato nazionale: è il primo e più grande spettacolo open air dedicato alla Natività. Ha cadenza biennale e quest’anno è tornato con un pieno di novità. Prima tra tutte che si è presentato in versione green. Un vero e proprio kolossal di Natale che sta andando in scena con grande rispetto dell’ambiente e più attenzione all’uso dei materiali. Per gli allestimenti, infatti, è stato utilizzato materiale di riciclo, di scarto o derivante da vecchie cantine.

Praesepivm Gladiatori

Regia di Luciana Calamassi, drammaturgia di Leonardo Ieva. Con gli attori, Alessandra Cerrato, Leonardo Ieva, Mirco Batoni. Scenografie di Luciana Calamassi, Betty Calamassi, Stefania Malevolti. Luci di Doriano Spinelli, Graziano Grassi. Costumi di Luciana Calamassi, Donatella Pacchierotti, Sibilia Franchi. Musiche e suoni di Massimiliano Benucci. Allestimento di Franco Giusti. Organizzazione di Giordano Malevolti. Tecnica di Loris Martellucci, Pierluigi Taddei, Andrea Pozzuoli, Luca Pini, Pierluigi Taddei e Stefano Milordini.

Una proposta che nei numeri ha uno dei suoi punti di forza. Ci sono più di 300 tra attori e comparse che vestiranno a rotazione circa 400 costumi realizzati interamente a mano. Il tutto è distribuito su una superficie di 30.000 metri quadrati. Ben 30 scene si svolgono in contemporanea, sia quelle classiche della natività che la riproduzione 1:1, quindi in dimensioni originali, di un vero e proprio villaggio dell’epoca.

Cavaliere Praesepivm Casole1

Ci sono 100 animali vivi tra cui, cammelli, asini, pecore, galline e tanto altro. Il cibo è tutto vero e cucinato sul momento. C’è frutta fresca in grande quantità ad arricchire i banchetti. Il percorso completo riservato agli spettatori è più di un chilometro e si snoda per le vie del centro storico di Casole D’Elsa. Per mettere in moto questa immensa macchina è prevista una squadra di 60 tecnici(tutti volontari abitanti del paese) che curano l’allestimento e garantiscono il funzionamento di tutto durante lo svolgimento della rappresentazione.

In “Praesepivm” il pubblico ha la possibilità di essere parte integrante delle scene stesse perché può attraversarle completamente senza dover però interagire con niente e nessuno. Uno spettacolo dove non c’è platea ma solo palcoscenico.

Istruzioni per un buon uso di “Praesepivm”

Biglietto di ingresso: intero 11 euro, ridotto soci UniCoop Firenze 10 euro, bambini sotto 6 anni gratis, bambini dai 6 a 12 anni 5 euro.

Sito web: www.casoleventi.it.

Numero telefonico per informazioni: 3398596854.

E-mail: casoleventi@libero.it.

Prevendita: ufficio turistico Casole d’Elsa uff_turistico@casole.it, telefono 0577948705 (chi acquista in prevendita avrà un accesso preferenziale).

Biglietteria all’ingresso, aperta da mezz’ora prima dell’apertura dei cancelli.

Parcheggi: gratuiti con servizio navetta gratuito (le auto vengono fatte posteggiare a qualche chilometro di distanza dal centro, un bus navetta porterà gli spettatori nei pressi della biglietteria e li riprenderà all’uscita).

Lascia un commento