Tre tele dell’artista spezzino Roberto Braida per la mostra con cui riapre la chiesa di Santa Maria della Spina a Pisa. Saranno visibili fino al 28 maggio

Riaperta al pubblico  la chiesa di Santa Maria della Spina sul Lungarno Gambacorti a Pisa con la mostra personale di Roberto Braida, “Il tempo sospeso”, a cura di Riccardo Ferrucci. L’esposizione (aperta fino al 28 maggio 2021: dal mercoledì alla domenica dalle 14.00 alle 18.30) ha come protagoniste tre tele dell’artista spezino che descrivono tre situazioni diverse, immagini interiori, ognuna delle quali ha una sua specifica peculiarità.

«È questo l’ennesimo tentativo di ripartenza e speriamo che questa sia la volta buona – dice l’assessore alla cultura Pierpaolo Magnani –, mi auguro che questa mostra, a differenza delle precedenti sospese a causa dell’introduzioni delle varie restrizioni, possa essere vissuta dai cittadini e dai turisti quando torneranno in città. Questa esposizione di Roberto Braida rappresenta in modo profondo questo tempo che stiamo vivendo, grazie a un trittico che racconta in maniera molto intensa l’idea di quello che è stato l’arrivo di questa bufera che ci ha travolti tutti, il momento più buio della tragedia e poi la rinascita, la ripresa quando potremo finalmente tornare a “riveder le stelle”, simbolo di quella che sarà la ripartenza per tutta la città».

«Sono molto onorato di essere in questo luogo magnifico che conoscevo da ragazzino sul Lungarno e vedevo purtroppo sempre chiuso e mi incuriosiva – dice l’artista Roberto Braida – . Essere qui oggi con questa mostra dal titolo “il tempo sospeso” è dunque per me molto importante, anche perché le opere nascono a seguito di un periodo estremamente pesante che abbiamo vissuto, con un fermo di molti mesi, mentre oggi, finalmente, la chiesa può riaprire le sue porte all’arte e al pubblico. “Il tempo sospeso” a cui allude il titolo è quello che abbiamo perduto, che ci siamo lasciati alle spalle ma anche quello che possiamo ritrovare, recuperare e assolutamente dobbiamo ricostruire, come una vecchia nave che deve ripartire. Il senso sta dunque in un messaggio di augurio rivolto a tutti, in particolare ai giovani e ai bambini che hanno perso molto».

La mostra si compone di tre opere, “raffiguranti rispettivamente la serena luminosità dell’alba e la calda magia del tramonto. Il terzo dipinto, intitolato ‘Compressione’, muta radicalmente prospettiva. Prende vita un fascino drammatico attraverso una composizione che si scalda, che si spezza e si lacera, dove le inattese fratture sono metafora di quella compressione dell’anima, dell’agitamento dello stato d’animo causato dal particolare periodo storico che siamo costretti a vivere”.

L’artista / Note Biografiche – Roberto Braida nasce a La Spezia nel 1953. Fin da giovanissimo si dedica al disegno e alla pittura, sotto la guida del Maestro Gino Bellani. La sua attività di pittore professionista inizia nel 1974 con la prima personale e sono numerose le mostre, le presenze e i riconoscimenti dell’artista in manifestazioni a carattere nazionale ed internazionale. Nel 2012 è stato insignito della benemerenza civica per meriti artistici dall’amministrazione comunale della sua città.

 

Lascia un commento