Trame d’estate a Seravezza: il festival apre il 20 agosto con una sfilata ideale dei protagonisti della musica del secondo Novecento. Ci saranno Alberto Sinigalia con il suo libro “Fffortissimo”, il direttore del Tirreno Fabrizio Brancoli e il direttore della Fondazione Puccini Massimo Marsili

Libri & Fumetti, Versilia

Saranno i grandi protagonisti della musica del secondo Novecento – dai compositori Malipiero e Stockhausen ai direttori d’orchestra Bernstein e Giulini, Muti e Sinopoli, da eccelsi solisti come Rostropovič ad artisti della musica popolare come Conte, Bollani, Einaudi e Piovani – a sfilare idealmente (giovedì 20 agosto 2020) sulla ribalta di Palazzo Mediceo di Seravezza nella serata inaugurale di “Trame d’estate”. Il festival fra letteratura e giornalismo promosso dal Centro Studi Sirio Giannini, giunto all’ottava edizione, si apre infatti con un dialogo a più voci intorno alle idee, alle atmosfere, ma soprattutto ai personaggi che hanno caratterizzato una delle più intense stagioni della storia della musica. Il giornalista Alberto Sinigaglia, già fondatore del settimanale Tuttolibri e curatore dei servizi culturali del quotidiano La Stampa, li ha intervistati raccogliendo le loro testimonianze in “Fffortissimo”, volume edito da Fondazione Accademia Perosi che offrirà lo spunto per l’incontro di domani sera. Ospiti con Sinigaglia saranno anche il direttore del quotidiano il Tirreno Fabrizio Brancoli e il direttore della Fondazione Giacomo Puccini Massimo Marsili.

Il festival proseguirà con due serate a tinte gialle, protagonisti cinque autori campioni di vendite in libreria.

Venerdì 21 agosto 2020 saranno di scena Alice Basso, con il suo ultimo libro “Il Morso della vipera” (Garzanti), e la coppia Paola Ronco e Antonio Paolacci, autori a quattro mani de “Il punto di vista di Dio. Un’indagine di Paolo Nigra” (Piemme).

Sabato 22 agosto saranno invece ospiti Valerio Varesi e Andrea Vitali con le loro ultime storie, rispettivamente “Gli invisibili. Un’indagine del commissario Soneri” (Mondadori) e “Un uomo in mutande. I casi del maresciallo Ernesto Maccadò” (Garzanti). Indagini e misteri da risolvere sullo sfondo della provincia italiana; storie che si riflettono nelle nostre cronache quotidiane.

Domenica 23 agosto chiuderanno il festival lo storico e sociologo Marco Revelli, autore di “Turbopopulismo. La rivolta dei margini e le nuove sfide democratiche” (Solferino) e il giornalista Bruno Quaranta, redattore e critico letterario de La Stampa che per i tipi di Passigli ha recentemente dato alle stampe “Le nebbie di Gobetti”. Autori e titoli che stimoleranno un interessante confronto su demagogie di ieri e di oggi.

Tutti gli incontri si terranno all’aperto nel giardino di Palazzo Mediceo con inizio alle 21:30 e ingresso libero. È caldamente consigliata la prenotazione telefonando al 333 4613397 o scrivendo a info@centrostudisiriogiannini.org.

Il festival letterario “Trame d’estate” è organizzato dal Centro internazionale di Studi Europei Sirio Giannini e dal Comune di Seravezza. La direzione artistica è affidata a Chiara Tommasi e Guido Conti. Collaborano la Fondazione Terre Medicee, il Festival Premio Emilio Lussu, la Libreria Ticinum Editore e la Cooperativa Letteraria. L’evento è sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Media partner è il quotidiano Il Tirreno. Sponsor Fantasy World Viaggi.

Informazioni

Centro Studi Sirio Giannini
tel. 333 4613397

Lascia un commento