“Torano Notte e Giorno”, 26 artisti e cento opere ispirate a Madre Natura pronti a invadere cantine, case, angoli segreti e vicoli

Ventisei artisti e 100 opere per Torano Notte e Giorno. Conto alla rovescia iniziato per la rassegna d’arte contemporanea promossa dal Comitato Pro – Torano e patrocinato dal Comune di Carrara, Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, Camera di Commercio di Massa Carrara e Consiglio della Regione Toscana ospitata nel piccolo borgo di Torano, ai piedi delle bianche cave di Michelangelo, nel Comune di Carrara dove dal 27 luglio al 13 agosto 2017 l’arte tornerà ad invadere piazze, cantine, fondi, case, angoli segreti e gli storici vicoli pieni di poesia e storia. Il tema della diciannovesima edizioni è di quelli di grandissima attualità: la tutela del pianeta. Un pianeta sempre più in sofferenza, agitato, violentato dall’uomo che continua, nonostante gli evidenti effetti, a non ascoltare.torano

Ufficializzata la rosa degli artisti selezionati che parteciperanno alla quarta edizione del Premio Franco Borghetti e che per due settimane popoleranno con le loro opere, sculture, quadri, installazioni, il paese dei cavatori. In mostra vedremo le opere di Piero Scandura, Maurizio Ruzzi, Silvana Pianadei, Sabrina Feroci, Felice Tagliaferri, Pierangela Massolo, Achille Pardini, Veronica Pollini, Emanuele Giannelli, Lia Battaglia, Roberto Vanelli, Silvia Valentini, Arte Nuova Carrara, Ilaria “Adrastea” Bertaghini, Giovanni Salvaro, Daniela Spaggiari, Consuelo Zatta, Michele Monfroni, Clara Mallegni, Daniele Bertani, Sylvia Loew, Annarosa Lisi, Marco Geloni, Andrea Antonacci e Ilaria Mariotti. “Ma le richieste di partecipazione sono state più del doppio – spiega Emma Castè, direttore artistico di Torano Notte e Giorno – e la selezione non è stata per nulla facile. E’ stata una gestazione lunga ma credo che siamo riusciti a selezionare le opere più adatte a quello che è il mood della rassegna che quest’anno dedichiamo a Madre Natura. Abbiamo immaginato Torano come una grande foresta dove le opere sono alberi, esseri viventi, profumi e suoni da raccogliere durante il percorso nel ventre del paese”.

Lo scorso anno il premio era andato a Michele Monfroni, che tornerà anche quest’anno in gara. Nel 2015 a Maria Elisabetta Cori e nel 2014 a Paolo Franzoso. Artisti con stili completamente diversi, la scultura in marmo per Monfroni, un’installazione concettuale per la Cori e la tecnica del collage per Franzoso che bene tracciano l’imprevedibilità delle opere in esposizione. La forza della rassegna è l’ingresso libero e la libertà di movimento nel cuore del borgo dove il tempo sembra essersi fermato. In programma tanti eventi collaterali con musica, esibizioni, enogastronomia e per la prima volta anche la poesia dialettale.

Per aggiornamenti, programmazioni e informazioni www.toranonottegiorno.it (sito in aggiornamento) e la pagina ufficiale facebook https://www.facebook.com/ToranoNotteEGiorno?fref=ts

Lascia un commento