Villa Mirabello facciata set2018

“THE ITALIAN JOB”. Nella settecentesca Villa Mirabello (Gabbro) un competition show basato su una gara fra restauratori. Accordo fra il Comune di Rosignano e l’americana Heilman Production LLC. E la dimora tornerà a nuovo splendore

Arte, Livorno

Il Comune di Rosignano Marittimo ha sottoscritto un contratto con la società di produzione televisiva Heilman Production LLC per un progetto di valorizzazione della settecentesca Villa Mirabello, una dimora storica di proprietà comunale in località Gabbro. La società statunitense ha manifestato il proprio interesse alla concessione della villa per realizzarvi il programma televisivo “The italian job”, un “competition show” basato su una gara tra restauratori per il recupero dell’immobile, in cui il vincitore ottiene il diritto di accesso alla villa per l’utilizzo, mentre il produttore ne mantiene la gestione.

Joe Heilman firma il contratto
Joe Heilman mentre firma il contratto con il Comune di Rosignano Marittimo

Heilman Production LLC è stata fondata a Los Angeles nel 2015 dai fratelli Ryan e Joe Heilman per creare prodotti commerciali, sviluppare marchi e contenuti narrativi accattivanti.

L’affidamento alla società è stato possibile poiché alla scadenza del bando – il 3 dicembre 2018 – promosso dall’amministrazione per la concessione di valorizzazione ed utilizzo economico di Villa Mirabello nell’ambito del progetto “Torri, fari ed edifici costieri” dell’Agenzia del Demanio, non sono pervenute proposte.  

La firma del “Contratto preliminare, propedeutico alla definizione di un contratto di concessione pluriennale di valorizzazione ed utilizzazione economica di Villa Mirabello” è avvenuta lunedì 4 marzo 2019 presso la sede comunale al Castello di Rosignano Marittimo tra il dirigente del settore Programmazione e Sviluppo del territorio Andrea Immorali e l’ad di Heilman Production Joe Heilman, alla presenza del sindaco Alessandro Franchi e dell’assessore al patrimonio Piero Nocchi.

  • Il rapporto di collaborazione apre un percorso di valorizzazione dell’immobile che garantisce il perseguimento di obiettivi strategici dell’amministrazione: il completo recupero e restauro della villa per renderla nuovamente fruibile alla collettività, la massima tutela e salvaguardia del valore culturale e identitario dell’edificio e del contesto naturale in cui si trova, la promozione del territorio comunale e delle sue eccellenze, il potenziamento dell’offerta turistico-culturale sostenibile, la riqualificazione economica, ambientale e sociale del territorio, poiché sia i lavori che la gara prevedono il coinvolgimento delle imprese e della comunità locale.

Il contratto, della durata di un anno, impegna il Comune a rendere disponibile tutta la documentazione per progettare e sviluppare il programma “The Italian job”, la villa per i sopralluoghi e le verifiche, affinché Heilman Production possa definire il percorso di valorizzazione, a seguito del quale sarà stipulato il contratto di concessione pluriennale di valorizzazione (fino ad un massimo di 50 anni), come era previsto dal bando di gara pubblico.

Villa Mirabello – affresco salone set2018
Villa Mirabello, affresco del salone

La società si impegna a predisporre e presentare al Comune una proposta progettuale di recupero e gestione di Villa Mirabello in linea con gli obiettivi strategici dell’ente, che comprenda l’ipotesi di recupero e riuso, le opportunità turistiche, la sostenibilità ambientale e l’efficienza energetica, e che illustri l’inquadramento e i nuovi usi della villa, gli interventi e la vision (relazione tecnico-illustrativa). Nella proposta economico-temporale la società dovrà inoltre indicare il canone annuo e la durata per la concessione, produrre il piano economico-finanziario e il dettaglio dei costi, ricavi e investimenti previsti. 

Villa Mirabello affresco salone con stemma Finocchietti set18
Villa Mirabello, affresco con stemma della famiglia Finocchietti

LA VILLA / Il Comune porta avanti da anni l’intento di valorizzare la dimora storica, che ha ricevuto come donazione nel 1984, e che necessita di importanti interventi di restauro. Si tratta infatti di una villa barocca toscana “a padiglione”, con oratorio e giardino pensile e un ciclo di affreschi all’interno, che fu costruita alla metà del XVIII secolo come residenza estiva della famiglia di origine francese Finocchietti. La dimora ha mantenuto il suo splendore fino agli inizi del Novecento, passando da vari proprietari e da una importante ristrutturazione alla fine dell’Ottocento, poi è stata adibita a lazzaretto. Dopo la seconda guerra mondiale è stata ridotta a casa colonica. Nel 1977 Mario Monicelli vi ha girato alcune scene de “La Villeggiatura”, sceneggiato tratto dall’omonima commedia di Carlo Goldoni.

Villa Mirabello Cappellina set2018
Villa Mirabello, la Cappellina

“Dopo tanti anni mi auguro di veder restaurato un bene di grande valore storico e architettonico – ha detto il sindaco Alessandro Franchi –  il progetto, che i fratelli Heilman vogliono condividere con la nostra comunità, è di assoluto interesse per l’amministrazione e per tutto il territorio. Infatti non solo prevede la ristrutturazione di un immobile di pregio, ma anche l’attivazione di un volano di sviluppo economico e turistico per il territorio collinare, che fa leva sulla bellezza paesaggistica del contesto”.

Ryan e Joe Heilman bis
Ryan e Joe Heilman

“Abbiamo colto l’opportunità di poter realizzare un programma televisivo in un posto così unico – hanno dichiarato Ryan e Joe Heilman, 34 e 31 anni – dovremo fare interventi all’edificio, ma ne abbiamo già intravisto la bellezza. Gli americani sono pazzi per l’Italia e l’idea di avere a disposizione una dimora storica è per loro un sogno che siamo felici di poter realizzare. Restaurare la villa sarà una sfida, speriamo di attirare l’interesse di molte persone da varie parti del mondo. Con l’aiuto del Comune pensiamo di realizzare un progetto bello e interessante, lasceremo qualcosa di cui potrà beneficiare la comunità. Per ora non vogliamo svelare i dettagli del progetto, ma possiamo solo dire che coinvolgerà la popolazione locale”.

“Abbiamo imboccato una strada che ci consentirà di valorizzare la villa – ha affermato Piero Nocchi, assessore al patrimonio – il territorio di Rosignano e Gabbro avranno così un respiro turistico internazionale”.

Lascia un commento