Teatro per ragazzi. “L’Armandone della Pimpa”: l’appuntamento è al “Bolognini” di Pistoia. A Marcialla c’è “Eppur bisogna andare”

Firenze, Pistoia, Teatro e Danza

I QUARANT’ANNI DELLA PIMPA

Quarant’anni fa, ispirato dalla figlia di pochi anni, Francesco Tullio Altan creava la Pimpa e il suo coloratissimo mondo di animali parlanti e oggetti animati, che dai fumetti ai dvd avrebbe divertito intere generazioni di giovanissimi. Il Teatro dell’Archivolto celebra questo importante compleanno, nonché il lungo sodalizio artistico con Altan, con un nuovo spettacolo dedicato alle avventure della cagnolina a pois rossi e del suo amico inseparabile, Armando: L’Armandone della Pimpa, drammaturgia e regia di Giorgio Scaramuzzino che ne è anche interprete, accompagnato dalla ‘voce’ della Pimpa di Francesca Vettori e dalle musiche di Paolo Silvestri. Lo spettacolo, adatto alla fascia di età 3/7 anni, è in scena al Teatro Mauro Bolognini di Pistoia, domenica 18 febbraio 2018 alle ore 16,30, sesto appuntamento della rassegna Piccolo Sipario, il cartellone di teatro per l’infanzia promosso dall’Associazione Teatrale Pistoiese e Comune di Pistoia, con il sostegno importante di Unicoop Firenze. La rassegna è realizzata anche con il contributo di Gelateria Monterosa e Città del Sole – Pistoia.Armandone-interna

È mattina, l’Armandone cerca Pimpa e non la trova. Sicuramente sarà andata fuori a giocare. “Chissà cosa combinerà oggi” si chiede lui. La Pimpa riesce sempre a cacciarsi nelle storie più inaspettate”. E mentre lui rievoca le mille avventure vissute insieme, Pimpa si materializza sullo schermo, via Skype … dall’Africa! Inizia così un fitto dialogo tra Pimpa, che racconta le sue avventure di viaggio, e Armandone che a casa cerca di governare il frigorifero, il telefono, l’aspirapolvere… Ma tutti gli elettrodomestici sembrano vivere di vita propria e rispondere solo ai comandi di Pimpa, con irresistibili effetti comici…
La Pimpa è un personaggio immaginario protagonista di una omonima serie a fumetti ideata nel 1975 dal fumettista Altan che aveva creato il personaggio rispondendo al desiderio di sua figlia di disegnarle un cane. Pubblicata fino al 1994 sul settimanale “Corriere dei Piccoli”, diviene una delle più apprezzate del periodo e, a seguito del successo riscontrato, nel 1982 verrà prodotta anche una serie a cartoni animati.

Il Teatro dell’Archivolto è diretto dal 1986 da Pina Rando e Giorgio Gallione. Fin dai suoi esordi ha operato nel settore del teatro di prosa e del teatro ragazzi con un indirizzo artistico, drammaturgico e stilistico assolutamente originale, rivolto all’inseguimento di nuovi territori e nuove forme di espressione teatrale, la cui ispirazione può essere di volta in volta la letteratura o la musica, il cinema o il fumetto, sempre e comunque nella direzione del nuovo, dell’inconsueto e dell’inedito. In questi trent’anni anni di attività ha prodotto più di 130 spettacoli, presentati in tutta Italia e premiati tra l’altro con il Biglietto d’oro conferito dall’Agis nel 91 per Angeli e soli di Calvino e nel 2008 per Un certo Signor G di Giorgio Gaber e Sandro Luporini. www.archivolto.it

EPPUR BISOGNA ANDARE… IN NAVE VERSO IL BRASILE

Teatro ragazzi per piccoli spettatori e relative famiglie, al Teatro Comunale Regina Margherita di Marcialla (Barberino val D’Elsa – Firenze – Via Amelindo Mori, 20). Domenica 18 febbraio 2018 alle 17,00 va in scena “Eppur bisogna andar”. Da un’idea di Serena Cercignano che lo ha scritto a quattro mani con Italo Pecoretti che ne cura la regia. Interpretato da Serena Cercignano con le scenografie di Valerio Cioni. Un testo che parla di donne, di emigrazione, desideri e speranze col garbo e la leggerezza del teatro di strada.Teatrino Puk

Si tratta di uno spettacolo presentato da Teatrino di Puck che si ambienta durante la prima grande emigrazione degli italiani verso il Brasile, nel 1886. É il sentimento di tre donne, Cesarina, Anna e Maddalena, provenienti ciascuna da una regione differente (Romagna, Toscana e Sicilia) che, spinte dalla propria causa, si trovano nella stiva della nave ad affrontare, nelle vesti di clandestine e ricercate dal Capitan Battaglia, il lungo viaggio di ritorno dalla Terra del caffè. Il desiderio di rivivere nel luogo di origine è tanto più forte del timore di affrontarlo in quanto colpito da povertà e malattie.

A far da cornice, è l’ironia con cui queste tre donne compaiono sulla scena ed affrontano le loro vite, in realtà, piuttosto disagiate. Racconti, sogni, musica e burattini animano i monologhi e fanno compagnia sia alle tre donne che al pubblico viaggiante. Sebbene il futuro sia pieno di nebbie ed incertezze, la vita ha da andare avanti nonostante il rischio di imbattersi nel temibile Capitan Battaglia che voglia buttarci in mare.

Spettacolo vincitore del concorso “MigrAzioni 2017″ indetto da Anap/Agis per la categoria Best Performer “per aver affrontato il tema della Migrazione con  profondità e segno leggero, per aver saputo costruire un originale intreccio narrativo collocato nel contesto della grande migrazione italiana verso il Sud America, per aver dimostrato notevoli capacità teatrali e musicali, per l’efficacia della costruzione scenografica”.

Informazioni:  Teatro comunale Regina Margherita è in Via Amelindo Mori 20 a Marcialla – Barberino Val D’Elsa (Firenze). Telefono e Fax 055 8074348. www.teatromargherita.org/info@teatromargherita.org
Prevendita biglietti: Caffè Italia/Tavarnelle Val di Pesa, telefono 055 8077024. Merceria Gabbrielli/Marcialla, telefono 055 8074217, Bar Sport Barberino Val d’Elsa, telefono 055 8075022. Giardino Sotto Vico/Vico d’Elsa, telefono 331 4048373 – 055 7476313.

SPETTACOLO ANNULLATO ALLO SPAZIO ALFIERI

Ricordiamo che per problemi organizzativi lo spettacolo di Sand Art annunciato allo Spazio Alfieri di Firenze per domenica 18 febbraio 2018 alle ore 16 è stato annullato.

Lascia un commento